Mal d'Africa - tra Senegal e Guinea : SENEGAL

ileana : africa : senegal : africa occidentale : dakar, sebikotane, popenguine, fatik, kaolak, bignona, conakry
viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login

Diario di viaggio SENEGAL SENEGAL
Mal d'Africa - tra Senegal e Guinea

Dakar, Sebikotane, Popenguine, Fatik, Kaolak, Bignona, Conakry

Aminata
foto inserita il
27 Jan 2008 14:50
Aminata
Pagine 1
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

Mal d'Africa - tra Senegal e Guinea

Località: Dakar, Sebikotane, Popenguine, Fatik, Kaolak, Bignona, Conakry
Regione: Africa Occidentale
Stato: SENEGAL (SN)
0

Data inizio viaggio: venerdì 21 dicembre 2007
Data fine viaggio: lunedì 21 gennaio 2008

Un mese tra Senegal e Guinea. E' il mio dodicesimo viaggio in Africa, ma lo stupore di fronte ai colori, alla luce e ai contrasti rimane intatto; così come è sempre difficile tornare a casa, col cuore pieno di malinconia e il desiderio di ripartire appena si può!

Non partiamo da turisti, ma da volontari. Siamo impegnati da 6 anni nello sviluppo di progetti per l'affermazione dei diritti fondamentali alla salute, all'istruzione e alla dignità della vita in 4 regioni del Senegal. A Dakar abbiamo una piccola casa in affitto, che condividiamo tra una decina di persone; nelle altre regioni alloggiamo come ospiti presso le comunità locali e quindi è d'obbligo adattarsi alle condizioni di vita del luogo. Si tratta di villaggi sprovvisti di elettricità e acqua corrente.

Gli spostamenti avvengono rigorosamente su mezzi di trasporto locali: taxi de brousse, ndiaga ndiaye e car rapides... i viaggi così sono lunghissimi e poco confortevoli, ma almeno siamo vicini alla gente. Viaggiamo per monitorare lo stato dei progetti, per incontrare i bambini del progetto di adozione a distanza, per organizzare nuove attività.

In questo mese siamo sopravvissuti a tutte le feste musulmane e cattoliche, ai 3 giorni di lutto per la morte del Grand Marabout di Touba, alle minacce di sciopero generale a Conakry e all'inizio della Coppa d'Africa... e siamo riusciti a portare a termine tutte le attività che avevamo fissato nel nostro calendario. Non è semplice descrivere gli incontri e le emozioni, proveremo a farlo attraverso le nostre attività.

Abbiamo avviato il primo orto comunitario in Casamance, a Diourou. E' stato possibile acquistare la pompa per il pozzo, diversi attrezzi agricoli come gli aratri e le zappe, gli annaffiatoi e varie sementi. Il centro sanitario del villaggio prosegue le sue attività a pieno ritmo e ora vogliamo dotarlo di un frigorifero a gas per la conservazione dei medicinali più sensibili al calore e all'umidità. A Diakine, invece, il gruppo del villaggio impegnato nel progetto del centro sociale è riuscito a raccogliere tutti i fondi necessari per l'acquisto del ferro e potranno iniziare i lavori per la costruzione vera e propria. La biblioteca è già stata ultimata e in questi mesi arriveranno i primi libri. A Bignona e a Thionck Essyl il gruppo dei giovani prosegue le sue attività per l'allevamento e l'agricoltura, e vanno avanti i progetti per la nonviolenza nell'educazione nel quartiere Kadiamor, unitamente a tutte le attività delle donne.

Passiamo al Nord del Paese: nuovi gruppi sono nati a Kaolak, Saint Louis e nel quartiere Thiaroye di Dakar. Le donne sono attivissime ovunque: a Popenguine con la tintura dei tessuti; a Sebikotane con la produzione di succhi di frutta e marmellate che molto presto potranno essere esportati; a Parcelles Assainies con i micro orti. Le donne sono riuscite ad affittare un terreno e ad ampliare le loro attività coltivando, oltre alle insalate, anche fagioli e altri legumi fondamentali per un'alimentazione completa. A Dakar, ancora, proseguono gli sforzi della squadra di pallavolo impegnata nella raccolta di medicinali e quelli della comunità di Cité Avion per il sostegno alla popolazione più povera del quartiere. A Fatik si è dato inizio alla campagna sanitaria contro il colera e alla sensibilizzazione nei villaggi circostanti.

E' difficilissimo sintetizzare e dare allo stesso tempo una visione completa di quella che è la nostra realtà attuale: moltissime attività di base, costruzioni "concrete" che prendono forma, l'impegno duraturo delle comunità. Il pensiero corre al futuro e a tutto quello che c'è da realizzare. Soprattutto la campagna di prevenzione e lotta alla malaria.

La malaria è un problema che tocca tutto il Senegal e le persone di ogni età; il nostro intento è quello di coinvolgere un numero massiccio di volontari in un'attività di aiuto diretto e concreto che si unisca alla rivendicazione non violenta dei propri diritti, e in particolare del diritto fondamentale alla salute. La campagna partirà dai luoghi in cui siamo già attivi per raggiungere nuovi villaggi e nuovi quartieri e andrà avanti per tutto il 2008 con svariate attività: giornate di consultazione medica, distribuzione di zanzariere, sensibilizzazione e prevenzione, pulizia dei quartieri e rimozione delle acque stagnanti, marce periodiche per il diritto alla salute. Prevediamo anche la costruzione di due nuovi centri sanitari e l'avvio di altri orti comunitari per garantire una buona alimentazione e sottrarre i terreni all'incuria.

Il nostro impegno sarà enorme anche in Italia: vogliamo portare all'attenzione dell'opinione pubblica la gravità del problema, questa strage che vede la morte di 2 milioni di persone ogni anno e di cui nessuno parla o si interessa, e la corruzione che permette ad alcuni di speculare e guadagnare sulla salute dei più poveri. Stiamo realizzando un documentario ed è già partito il contatto di radio e televisioni locali che possano darci un po' di tempo per parlare di tutto questo.

Cerchiamo tanti volontari che si uniscano alla nostra campagna: si possono compiere tante piccole azioni che danno un senso più profondo alla nostra vita e possono salvare la vita di altri. A volte non è semplice mettere da parte i propri problemi, trovare il tempo o, semplicemente, fidarsi. Poi quando si inizia si scopre che pensando ad altri i propri problemi possono assumere una dimensione diversa; che un po' di tempo, alla fine, ce l'abbiamo e che si tratta sempre e solo di dare ascolto ai propri desideri.

Fare volontariato fa bene alla salute fisica e mentale; in questo caso ci si può solo ammalare di uno struggente mal d'Africa, ma il rimedio c'è sempre: un po' di coupé decalé...




Translate this travel in english, by Google uk

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali


Aminata

Diongoma - la dame senegalaise

In attesa sul fiume Gambia

Senegal - Attesa al centro sanitario di Diourou
Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: ileana

  • Ileana Prezioso
  • Età 16016 giorni (44)
  • Torino

Contatti

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>