Le Tre Sorgenti : TUNISIA

Rollers : africa : tunisia : sahara : sahara
viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login

Diario di viaggio TUNISIA TUNISIA
Le Tre Sorgenti

Sahara

Matmata
foto inserita il
26 Apr 2007 22:06
Matmata
Pagine 1
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

Le Tre Sorgenti

Località: Sahara
Regione: Sahara
Stato: TUNISIA (TN)
1

Data inizio viaggio: sabato 7 aprile 2007
Data fine viaggio: sabato 14 aprile 2007

Punto di partenza il millenario Hotel Les Berberes scavato a mano nel cuore della montagna di Matmata, il carburante è fatto e i viveri freschi sono caricati nella cambusa della cucina da campo, si parte. Il tratto di asfalto che porta all’incrocio della Pipeline è molto paesaggistico e qualche sosta per le foto di rito è obbligatoria. Raggiunto l’incrocio, attraversiamo velocemente il nuovo tratto di asfalto di circa 60 km. che ha sancito la definitiva fine poetica dell’Oasi di Ksar Ghilane, raggiungibile ora dalla grande massa munita di un qualsiasi mezzo di locomozione. Raggiungiamo l’inizio dello sterrato poco a sud dell’oasi, circa 50 km di pista intervallata da piccoli cumuli sabbiosi e da lunghi tratti di toule ondule, ci conducono abbastanza velocemente al centro petrolifero di Kamur, dove sbrighiamo le pratiche burocratiche di accesso al sud. A fine controllo la malandata sbarra che delimita la zona interdetta viene alzata da una guardia molto cordiale, un saluto e ci rimettiamo in marcia. Ancora molte decine di km. ci separano da una pista secondaria, che seguiremo fino ai piedi di un Erg sabbioso fra i più difficili da attraversare di tutto il Sahara “Zemlet El Borma”. Siamo in leggero ritardo sulla tabella di marcia non dimentichiamo che il tutto si deve svolgere in una settimana e già Venerdì saremo di ritorno, quindi non possiamo permetterci ritardi eccessivi. Decidiamo di entrare all’interno dell’Erg cercando da subito un buon posto per fare campo, prima però raccogliamo un po’ di legna per il doveroso fuoco serale intorno al quale potremo scambiarci le nostre prime impressioni di viaggio. Allestiamo il primo campo, ci godiamo il tramonto e un’ottima cena, cose semplici che diventano indimenticabili se vissute in piacevole compagnia, con silenziosi e giganteschi cordoni di dune a fare da sfondo. Il mattino seguente ci avviamo in direzione della sorgente uno “Itnin” (in lingua araba), ci ritroviamo ben presto in mezzo ad un vero e proprio maremoto di sabbia, dove si fatica molto ad avanzare fra le strette dune tipiche solo di questa zona. Le irte salite con brevissimi e stretti spazi di manovra si contrappongono a discese mozzafiato che ci fanno accedere a enormi depressioni o catini di 500/1000 mt. di diametro, che allentano un po’ la fatica sia umana che meccanica. Tutti un po’ a turno, un po’ tutti insieme ci insabbiamo, fa parte del gioco, tutti, anche quelli che non avevano mai utilizzato una cinghia da traino, a fine viaggio saranno esperti nell’utilizzo e nel giusto posizionamento di cinghie, grilli e quanto altro serve per il disincagliamento dei mezzi. Raggiungiamo l’ennesima cresta che divide due catini, ma questa volta il giallo paglierino della sabbia è spezzato dal verde intenso della vegetazione, segno che l’acqua è vicina. Scendiamo in una remota piana deturpata da resti metallici di antiche trivellazioni, contorti testimoni di un passato dove l’uomo tentava di arricchirsi ad ogni costo cercando idrocarburi e trovando invece una cosa ben più preziosa, che qui da oltre venti anni sgorga, permettendo alla vita di resistere in questo ambiente ostile. L’acqua priva di qualsiasi interesse per l’uomo che la trovava, diventa una salvezza in mezzo ad un mare di sabbia per molte forme di vita. Piante e fiori che abitualmente vediamo nel nostro quotidiano, diventano oggetto di interesse proprio perché collocati in quel particolare contesto. Dopo aver raggiunto un modesto ruscello, lo risaliamo fino alla fonte. Al centro esatto del catino un tubo di circa mezzo metro di diametro si erge in verticale per circa 8 metri, alla sua estremità un getto di acqua calda a circa 40 gradi esce con una portata impressionante, la pioggia che cade nelle immediate vicinanze ha una tale forza d’urto a terra che quasi non vi si riesce a stare sotto e il laghetto che si crea alla base con la sua spiaggetta è l’ideale per rimanere a godersi il meritato risposo dopo le grandi fatiche imposte dalle severe dune di “Zemlet El Borma”. Il rilassamento è tale che anche se non è ancora sera decidiamo di fermarci e allestire il secondo campo. Al mattino leviamo presto le tende in modo da sfruttare appieno la sabbia compatta tipica delle prime ore della giornata, impiegheremo tutta la mattinata prima di raggiungere la seconda sorgente. Durante il percorso un piacevole incontro con un piccolo clan della più grande tribù nomade del Grande Erg Orientale, quella degli R’Baya, che all’ombra di una piccola tamerice sorvegliano con attenzione alcuni dromedari di loro proprietà, discendenti delle tribù guerriere che invasero il Nord Africa gli R’Baya solo attualmente abilissimi allevatori di dromedari e di cani da caccia del deserto un tipo di levriero che può competere in velocità anche con le scattanti gazzelle. Con gesti eloquenti ci indicano il percorso più breve per la seconda sorgente, tre cordoni di dune verso il sole due con il sole a destra li c’è l’acqua, momenti di comunicazione unici e solo chi li vive può capirne l’importanza. La sorgente due “Wahad” (in lingua araba) è indubbiamente un posto meraviglioso, qui non vi è nessun segno delle antiche trivellazioni, quindi un vero paradiso. Un catino circolare circondato da altissime dune, nel mezzo un getto d’acqua di grande portata esce a circa 40 gradi da un tubone verticale di circa due metri di altezza alimentando un laghetto di discrete dimensioni e fornendo vita a una vasta distesa di piante e fiori.Queste immagini lasciano stupefatti, queste immagini valgono sicuramente tutte le fatiche affrontate e tutte quelle che ci separano dalla veloce pista che ci condurrà molto più a Nord.Il ritardo sulla tabella di marcia è aumentato decidiamo di avvicinarci il più possibile alla pista prima di allestire il terzo bivacco su sabbia.Percorriamo circa 5 km e una piana molto più piccola delle altre, protetta da insormontabili cordoni di dune si propone come luogo ideale per fermarsi. La assecondiamo anche perché proseguire è impossibile vista l’altezza e la pendenza delle dune che ci circondano. Rimaniamo in attesa del gruppo che si è attardato nel superare un passaggio di particolare difficoltà, passa un buona mezz’ora, il motore è spento da tempo, il silenzio è totale, con estremo stupore vediamo avanzare verso di noi un animale che raramente si riesce a scorgere, il Varano grigio delle sabbie. L’esemplare che è di dimensioni importanti si avvicina al mezzo abbastanza incuriosito. Il Varano grigio è il più grande rettile vivente nell’ambiente Sahariano grande cacciatore è molto abile nel dileguarsi in quanto percepisce con largo anticipo l’avvicinarsi di esseri estranei. Dobbiamo fotografarlo senza spaventarlo, riusciamo a inquadrarlo giusto il tempo dello scatto peraltro perfettamente riuscito e il rettile si allontana velocissimo. Nel frattempo i veicoli che hanno avuto ragione delle ultime dune ci raggiungono, prepariamo quindi il terzo campo, ceniamo e veramente stanchi, ma sicuramente appagati, ci buttiamo nelle tende. L’indomani ripiegheremo di circa un km. aggirando quelle catene insormontabili e raggiungendo un abbassamento delle creste, in gergo “porta”, che ci permette di raggiungere velocemente la pista di collegamento della base di estrazione petrolifera di El Borma e che ci condurrà verso Nord, verso la sorgente dell’oasi di Ksar Ghilane, distante circa 200 km tutti di dura pista. Quindi nel tardo pomeriggio facciamo strada verso Douz dove visiteremo e faremo i consueti acquisti nel caratteristico Souk. In serata doveroso un veloce riassetto dei veicoli che all’alba ci condurranno a Tunisi, da dove, come di consueto oramai da oltre dieci anni, saliremo sul traghetto per l’Italia già con il pensiero rivolto ad una nuova avventura in terra d’Africa…

Translate this travel in english, by Google uk

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali


Matmata

Zemlet El Borma

Zemlet El Borma

Sorgente 1 "Itnin"

Sorgente 1 "Itnin"

Sorgente 1 "Itnin"

Lucertola delle Sabbie

Veicolo assistenza Rollers

Zemlet El Borma

Zemlet El Borma

Margherita

Sorgente 2 "Wahad"

Sorgente 2 "Wahad"

Sorgente 2 "Wahad"

Varano delle Sabbie

Zemlet El Borma

Sorgente 2 Wahad

Il gruppo al completo

Dromedari

Sorgente 1 "Itnin"
Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: Rollers

  • Claudio Coletta
  • Età 18681 giorni (51)
  • Genova
  • … Il Sahara è un luogo dove il tempo è scandito dal sorgere e il calar del sole… Dove le piste sono tracciate nella mente dei nomadi… Dove una stretta di mano vale più di qualsiasi documento scritto…

Contatti

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>