one love : GIAMAICA

71cristian : america centrale e caraibi : giamaica : negril ,port antonio
viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login
love

Diario di viaggio GIAMAICA GIAMAICA
one love

negril ,port antonio

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

one love

Località: negril, port antonio
Stato: GIAMAICA (JM)
0

Data inizio viaggio: martedì 13 maggio 2008
Data fine viaggio: martedì 20 maggio 2008

Siamo 2 coppie, con tanta voglia di vacanza e relax, per me e mia moglie Jamaica per la seconda volta.
La prima volta (nel 2000 in viaggio di nozze) abbiamo fatto le classiche escursioni nei dintorni di negril: Dunn's River, Mayfields, BambooValley e Black River (davvero stupenda quest'ultima), ma ora, incoraggiati dal fatto di essere in gruppo, abbiamo deciso di vivere un'esperienza per noi alternativa.
Infatti abbiamo prenotato un soggiorno c/o il Merril's anziche' una struttura piu' completa (l 'hotel e' caratteristico, piccole dimensioni, pittoresco, servizio standard anche se lascia a desiderare la cucina), e dopo i primi due giorni di relax alternati da sole e violenti scrosci abbiamo incominciato a chiedere info per le escursioni, sia al ns corrispondente che ai locali.
Abbiamo sentito di tutto.... e ci e' arrivato all'orecchio che molti, prima dicono che e' tutto incluso, salvo poi chiederti ancora soldi per riportarti in hotel.
Noi abbiamo deciso di andare con Everald, un simpatico ragazzo giamaicano, l'unico che parla un po' italiano, e che offre escursioni a prezzi vantaggiosi sulla spiaggia (li' lo conoscono tutti) .
1° giorno, paritiamo partiti molto presto per Kingston....Be', e' subito percepibile l'atmosfera di "Metropoli Jamaicana", piena di contrasti, ricca di energia, il tutto addolcito dal ritmo del Reagge di Zio BOB che si respira nell'aria (il reagge e' nel sangue dei giamaicani, a rafforzare la ns. convinzione sono le canzoni ci propone in auto quotidianamente, anche come stile di vita.....).
In Kingston sono risultate molto suggestive la visita al Bob Marley Museum, alla Modern Gallery (realistica ed emozionante), Parade Square (con le magnifiche statue); dopodiche' ci fermiamo per il pranzo a base di aragosta in un pittoresco ristorantino panoramico sul porto a PortRoyal. Partiamo quindi per la zona piu' VERA della Jamaica, il Portland e port antonio, attraverso le Blue Mountain.
Qui si respira ancora un'atmosfera rilassante. Natura incontaminata e rigogliosa, spiagge tranquille e non affollate, insomma un turismo meno prepotente che nella zona di negril. A port antonio abbiamo soggiornato 2 notti in una tipica guest-house sulla collina (Ivanoe), da dove si puo' ammirare un panorama mozzafiato della cittadina, soprattutto all'alba.
In questa zona, il nostro tempo e' stato scandito da:
-ESCURSIONE A REACH FALLS forse le + belle cascate della Jamaica, ricche di piscine naturali
-ZATTERA DI BAMBOO sul RIO GRANDE, con un panorama fuori dal mondo, una natura meravigliosa ed un suggestivo arrivo al delta del fiume
-SPIAGGE DA SOGNO: Frenchman Cove, Blue Lagoon, Long Bay
Tutte queste meraviglie, ovviamente erano contornate per la sera da ottimo cibo locale (Jerk porc) oppure trascorse in un "ristorantino", DA NON PERDERE, il "DICKIE'S RESTAURANT", una capanna costruita su una scogliera, con un'atmosfera e panorama mozzafiato, dove abbiamo mangiato pesce, aragosta, e altro...altro...altro..., ad un prezzo "alto" per la Jamaica, ma + che accettabile per noi (del resto siamo turisti, i giamaicani spesso non possono permettersi certi risoranti).
Durante il percorso di ritorno, poco per volta ci reimmergiamo nell'atmosfera caotica delle cittadine e dei grandi hotel occidentali, e ci fermiamo a Ocho Rio. Belle spiagge attrezzate ed una vasta scelta di negozi per lo shopping (forse il luogo piu fornito dell'isola)
Quindi soddisfatti dell'esperienzxa vissuta, torniamo a negril.
Purtroppo rimangono solo 2 giorni prima del rientro in Italia, e decidiamo di spenderlo in relax, cercando di metabolizzare le emozioni vissute. Infatti e' stato emozionante vivere alcuni giorni fuori dai ritmi turistici delle piu' famose zone balneari, ci siamo resi conto dell'orgoglio e generosita' dei giamaicani (anche se non e' sempre e per tutti uguale...). Certo ai loro occhi (e nella realta') noi siamo benestanti o ricchi, del resto pero' noi non riusciremmo ad adattarci alle essenzialita' della loro vita.
L'ultima considerazione, rigurada la pericolosita' per cui e' famosa la Jamaica. Noi non abbiamo percepito questa realta' (anche se gli "aromi" nell'aria erano spesso presenti), sara' che ci siamo avvicinati al pese in un modo positivo, fatto sta che non ci siamo mai trovati in alcuna situazione che potesse destare preoccupazione.
In conclusione.......ONE LOVE e NO PROBLEM!
Con gli auguri di Buon -Viaggio a tutti

Translate this travel in english, by Google uk

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali

Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: 71cristian

  • cristian rosato
  • Età 17012 giorni (46)
  • roma

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>