Dai Maia ai Caraibi : MESSICO

guelfo32 : america centrale e caraibi : messico : merida,campeche, tikal, chichicastenango
viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login
love

Diario di viaggio MESSICO MESSICO
Dai Maia ai Caraibi

Merida,Campeche, Tikal, Chichicastenango

Campeche - www.viaggiericordi.com
foto inserita il
31 May 2010 06:22
Campeche - www.viaggiericordi.com
Pagine 1
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

Dai Maia ai Caraibi

Località: Merida, Campeche, Tikal, Chichicastenango
Stato: MESSICO (MX)
0

Data inizio viaggio: martedì 5 agosto 2008
Data fine viaggio: lunedì 25 agosto 2008

Una coppia di camperisti (ultracinqnantenni) con lo zaino in spalla
Tratto da www.viaggiericordi.com

Siamo camperisti da anni ma quest’anno per la prima volta abbiamo realizzato un viaggio che desideravano da tempo, volare oltre oceano tra storia e natura, spostandoci utilizzando solo i mezzi locali, con un bagaglio essenziale sulle spalle.
Nello zaino abbiamo portato lo spirito itinerante che caratterizza il camperista, la voglia di avventura che abbiamo sempre quando partiamo, la libertà di organizzare gli spostamenti senza tante prenotazioni, la voglia di conoscere luoghi e persone nuove.
Ecco che cosa ne è saltato fuori.
Partenza lunedi' sera da Venezia scalo a Londra con pernottamento in hotel, ripartiamo martedì mattina, scalo a Houston e finalmente in serata arrivo a Merida. C'è tanto caldo.
Un taxi abbastanza scassato ci porta all'Hotel . La nostra stanza è a dir poco molto spartana ma, per fortuna, l'aria condizionata funziona e dopo una piacevole doccia calda ci addormentiamo con l'aria a botto.
Al mattino ci dirigiamo subito alla stazione dei pulman per acquistare i biglietti del bus per Uxmal e Campeche domani
Arriviamo a Uxmal, in mezzo al verde si intravedono pietre, strutture murarie, rovine e finalmente la grande piramide il tempio maestoso imponente, è incredibile che abbia 2000 anni.
Saliamo sino in cima e la veduta è eccezionale, la valle a perdita d'occhio.
Poi nel prato in posa per la foto un iguana e poi un altro e un altro ancora, questi lucertoloni colorati passeggiano tranquilla tra l'erba e i sassi.
Cena a base di pesce al ristorante e poi a nanna, crollo dal sonno.

Translate this travel in english, by Google uk

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

giovedì 7 agosto 2008 . da Campeche a Palenque a S. Cristobal, San Juan Chamula

Campeche 07/08/08
Ore 9.05 parte il pulman per Campeche.Tutto ok, aria condizionata, bagno e tv. L'autista prima di partire si fa il segno della croce e la cosa non è tranquillizzante, siamo nei primi sedili meglio allacciare le cinture. Blocco di controllo, tre uomini in divisa, armata, controllano il vano bagagli e poi ci danno il via libera, lasciamo lo Yucatan entriamo in Campeche.
Il paese si presenta molto colorato e vivace, sole stupendo, alloggiamo in centro a lato della cattedrale all'hotel Posada sono le 13,30 facciamo un giro sul lungo mare e andiamo al ristorante La Parroquia (buon consiglio del taxista).
A sera pioggia torrenziale, aspettiamo che passi poi usciamo per vedere il paese illuminato. Cena alla Casa Vieja nella grande terrazza sulla piazza, la vista della cattedrale illuminata è fantastica.
Al mattino, abbiamo 2 ore d'attesa per il bus e decidiamo di fare un giro in taxi visto che ieri con la pioggia non abbiamo visto molto. La signora taxista molto gentilmente ci illustra la parte più alta e più vecchia di Campeche.
Palenque 08/08/08
ore 11,10 bus verso Palenque. Lungo il percorso si vedono tante baracche con tetti di paglia, piccole strutture essenziali trasandate, tanti tanti bambini ovunque, mentre sul bus alla tv trasmettono un documentario sulle coste italiane.
La stazione degli autobus di Palenque ricorda il far west, al lato della strada la biglietteria con davanti una tettoia e 4 panchine in fila. Pernottiamo poco lontano in hotel modesto ma accogliente e cena al ristorante Las Tinajas, locale caratteristico e menù ben assortito per qualità/prezzo.
Come sempre al ristorante arriva la classica ciotolina che è fuoco sulla lingua, meglio evitare.
- Sabato - Partenza ore 8 in un piccolo bus per tour zona archeologica - Misol Ha - Agua azul
Entriamo nella zona archeologica di Palenque la guida ci accompagna sui templi raccontandoci del re Pacal della regina rossa, le costruzioni sono immerse in una selva di enormi piante verdi e le scimmie saltano da un ramo all'altro emettendo forti urli che rendono questo luogo ancora più affascinante.
Con il naso in su siamo affascinati da questa meravigliosa convivenza di natura verde e selvaggia con l’antica storia Maia.
La grande cascata di Misol Ha non ci stupisce più di tanto mentre veramente bello è Agua Azul con i suoi corsi d'acqua, le cascate e tanti piccoli bacini a vari livelli dove la gente, Ugo compreso fa il bagno.
Ovunque baracche dove vendono di tutto, da oggetti ricordo a pollo fritto a pezzi di frutta a tortilla (pane) ripieno, i colori e gli odori sono tanti ma per noi non c'è nulla di stuzzicante e di sicuro l'igiene non è di casa qui.
S. Cristobal de las casas – Chapas 10-11/08/08
Trasferimento da Palenque a S. Cristobal con bus di lusso.
Il viaggio è drammatico mi prende la nausea che mi costringe a servirmi più volte del bagno,
ho nostalgia del nostro camper .
Arriviamo a S. Cristobal piove a dirotto, le strade sembrano fiumi, ecco perchè i marciapiedi sono così alti; in taxi andiamo all'agenzia a prenotare mini bus per Guatemala
dopo di che dritti all' Hotel, io devo assolutamente coricarmi mi sento distrutta.
Fortunatamente alle 16.30 mi sveglio e mi sento molto meglio usciamo per una passeggiata in centro.
La serata è fresca ma bella, arriviamo sino al Centro Culturale Na Bolom e riusciamo a prenotare la cena di stasera .
Alle sette ci troviamo tutti insieme in una grande sala con il camino acceso seduti intorno ad un unico lungo tavolo, l'ambiente e l'atmosfera sono molto caratteristici e pur non conoscendo le lingue ci si ritrova a chiacchierare o comunque a capirsi tutti insieme cenando.
E' una bellissima esperienza. Da provare!
Al mattino partiamo in gruppo con una signora che ci farà da guida per San Juan Chamula.
Prima tappa a Zinacantan dove proseguiamo a piedi attraverso sentieri di campagna mentre la guida ci raccomanda di non fotografare le persone perchè credono che così gli rubiamo l'anima, ci spiega che questo popolo ha un particolare culto dei morti e della morte, che la maggior parte dei bambini sino a poco tempo fa non era scolarizzato e che a tutt'oggi si praticano riti di stregoneria per chiedere salute fertilità e altro.
Passeggiando in mezzo a campi di verdure e fiori arriviamo in piazza, alla chiesa. Una processione di gente che indossa costumi di tessuto blu con disegni fucsia, si sta dirigendo verso l' abitazione di uno sciamano "grande capo" per festeggiare. La guida continua a spiegarci i vari riti ed entrando in chiesa ci rendiamo conto di quanto ci ha detto.
Il pavimento ricoperto di aghi di pino, candele di vari colori accese, donne in ginocchio con polli da "sacrificare", un atmosfera è a dir poco medioevale.
Rientro con pioggia scrosciante, come ogni pomeriggio.
Domani attraversiamo la frontiera per il Guatemala.
Martedì mattina ore 7, partiamo dall'agenzia Chincutik di S. Cristobal per Guatemala - Panajachel.
Siamo in 7 persone su un minibus, una coppia di israeliani, una coppia di ragazzi
australiani, uno psicologo messicano che va a fare un corso in Guatemala e noi due.
Il viaggio sarà lungo ma è da subito piacevole, la giornata è bella e Hector (lo psicologo) è molto cordiale, dialoga con tutti, scherza, ci racconta di sè e traduce chi parla inglese; il tempo passa veloce.
Arriviamo alla frontiera, scendiamo, andiamo a piedi oltre il grande cartello che ti da il benvenuto in Messico, lo abbiamo alle spalle, siamo in Guatemala.
Procedure di rito, fila davanti allo sportello per controllo passaporti , cambio dei pesos in quezales e poi si riparte su un nuovo minibus.
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

domenica 17 agosto 2008 . Lago Atitlan - Rio Dulce -

Alle cinque arriviamo al lago Atitlan a Panajachel, ci dirigiamo al molo per prendere la lancha (barca) per Jabailito, arriva la lancha pubblica, saliamo e in pochi minuti siamo in tanti pigiati sulla barca; è l'imbrunire sono quasi le sei ora parte.
L'acqua ci schizza addosso, il timoniere ci copre con un nylon ma l’ acqua gocciola ovunque sulle le persone sbattute di qua e di là dalle onde e ovviamente siamo tutti bagnati ma, finalmente arriviamo alla costa.
Un uomo ci prende i bagagli e sale le scale verso l'ingresso dell'hotel, Casa del Mundo.
Il posto è stupendo, l'hotel è a picco sul lago, purtroppo è buio e non riusciamo a vedere gran chè saliamo all'ingresso e la signora ci accoglie dicendoci che la cena e' quasi pronta, ci mostra la nostra stanza sul terrazzo.
La sala da pranzo è illuminata con tante candele, tutti insieme ci accomondiamo intorno all'unica lunga tavola apparecchiata, la cena è semplice ma è molto piacevole condividere la serata con tante persone straniere, mi sento veramente cittadina del mondo.
Ci addormentiamo cullati dal rumore scrosciante della pioggia intensa, con la tenda aperta e la vista delle luci sul lago, lo scenario è più che piacevole, siamo orgogliosi di essere arrivati qui.
Mercoledì ore 5,30 siamo in terrazza ad ammirare il vulcano di fronte a noi che piano piano si libera dalle nubi, qualche foto, una passeggiata per ispezionare il posto che scopriamo sempre più bello. Decidiamo di andare a piedi a spasso nei dintorni sino a Jabailito e Santa Cruz.
Mercoledì 13 agosto - il viaggio da Panajachel a Chichicastenango è molto tranquillo, siamo soli in un minibus con l'autista che ci racconta della sua famiglias e dei suoi sette figli .
L'Hotel Mayan Inn è il migliore in assoluto tra quelli che abbiamo visto e sicuramente molto inconsueto. Le stanze non hanno chiave e udite udite, ogni stanza ha il suo personale "Maggiordomo" che soddisfa ogni esigenza del cliente.
Vi assicuro che dopo una iniziale perplessità è molto bello sentirsi "importanti" anche se per poco tempo.
Riusciamo a fare un giro pomeridiano nella piazza dove cominciano i preparativi del grande mercato indigeno. Purtroppo spiovicchia ma gli ambulanti, veramente numerosi, continuano a montare le bancarelle fatte di lunghi legni e di nylon. L'indomani l'effetto è travolgente, davanti la chiesa brucia l'incenso, la piazza è coperta di stoffe, tappeti, borse, fiori, maschere, gioielli con una varietà e intensità di colori affascinanti; il mercato coinvolge tutti i passanti, sopratutto turisti, che al grido dei venditori "hei amigo/a" cominciano una trattative infinita all' ultimo prezzo . Ovviamente facciamo tanti acquisti e poi via verso Antigua.
Venerdì – Antigua - Hotel La Posadita - accogliente e confortevole.
Visitiamo la Finca di caffè ora adibita in gran parte ad hotel. Giardini immensi, una grande piscina e grandi saloni ben arredati ne fanno un ambiente molto bello ed elegante.
Visitiamo poi l'hotel/ristorante Santo Domingo, ex monastero, ci sono musei, antichità, bei giardini con pappagalli, un incantevole atmosfera coloniale , e un giretto all'interno è piacevole.
Sabato alle 6 pulmino per Vulcan Pacaya 2500 mt. Arriviamo a circa 17oo mt , poi proseguiamo a piedi, saggiamente abbiamo indossato gli scarponi. La salita è faticosa ma, man mano si presenta la grande cima nera fumante il paesaggio ha una vera metamorfosi.
La nostra guida , ci conduce a vedere le fessure incandescenti, l'aria ondeggiante confonde le figure creando un atmosfera surreale, a meno di un metro sotto i nostri piedi scorre la lava.
Per il ritorno la guida propone una scorciatoia che , come dice lui, "è come sciare".
I miei capelli bianchi fanno dubitare tutti sulle mie capacità, io li tranquillizzo e vado giù. I piedi sprofondano nella grossa sabbia scura e dobbiamo veramente scivolare.
Verso le 12.30 rientriamo ad Antigua, pranzo eccezionale al Quezo y Vino per poi concederci un gelato al ristorante Panza Verde , locale elegante e caratteristico.
Passeggiata serale dal parque central al grande arco attraverso le strade acciottolate di quadro (incrocio) in quadro. All'hotel ci hanno raccomandato di non rientrare tardi per non rischiare brutti incontri, purtroppo in Guatemale abbiamo ricevuto molte raccomandazioni in questo senso. Peccato!
Domenica 17 agosto, ore 4 parte il minibus, da Antigua a Guatemale dove prenderemo il pulman.
Il pulman è molto spartano, senza aria condizionata, una sola portiera davanti ,che ad ognuna delle numerose fermate, il bigliettaio deve spingere con forza perchè si chiuda.
Alle ore 12 arriviamo a Rio Dulce, la lancha è già al molo pronta a partire. Il percorso è favoloso.
La barca va velocemente sull'acqua costeggiando le rive del grande fiume, la vegetazione è fitta, verdissima, le piante e le palme sono altissime e coperte di varie speci di uccelli, questa è selva.
Dopo un ora e mezza circa arriviamo all'Hotel Finca Tatin.
Carlos ci mostra la nostra dimora, una palafitta di legno con tetto di paglia, le finestre e ogni fessura con zanzariera anche il letto è avvolto da zanzariera, siamo circondati da piante e fiori da un lato e il fiume dall'altro. L'atmosfera è un poco misteriosa e selvaggia, molto suggestiva.
Pomeriggio in cayac sul fiume, noi siamo impacciati con i remi, ma l'acqua è calma la giornata è bella, lo spettacolo della vegetazione e il silenzio che regna ci danno tanta serenità. Facciamo il bagno insieme nel fiume e ci prepariamo per la cena. Tutti intorno a un tavolone mangiamo il pollo appena cotto sul grande falò di fianco al fiume.
Lunedì al mattino presto ci sediamo sul pontile ad osservare il fiume. Passa la barca che porta i bambini maschi a scuola, dopo pochi minuti ne passa un altra con le bambine, il rumore del motore quasi disturba l'assoluto silenzio. Una canoa a filo d'acqua passa davanti a noi, il signore che continua a remare con movimento costante e sicuro ,ci dà il buongiorno sorridendo. Per noi è incredibile riuscire a vivere senza un auto, senza i nostri confort, ma tutti qui sembrano molto soddisfatti e sereni.
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

lunedì 25 agosto 2008 . Tikal

Carlos ci porta con la sua barca alle foci del fiume, a Livingston. Qui l'ambiente è molto diverso; sono tutti neri, rasta, con abiti e turbanti coloratissimi. La spiaggia è lunga e stretta, le palme arrivano sino al mare, l'acqua è calma e calda e il paesaggio e quanto è nelle aspettative di chi giunge ai Caraibi.
Il bagno è d'obbligo, godiamo di questo luogo che unisce il fascino della giungla tropicale al mare caraibico.
Dopo aver mangiato un bel piatto di gamberi alla piastra torniamo a Finca Tatin .
Al pomeriggio partiamo per un tour nella selva. La guida, Gerardo un ragazzo di 27 anni senza denti ma molto cordiale, ci accompagna attraverso sentieri in mezzo a questa vegetazione sino alla grotta del tigre per poi proseguire sino al villaggio indios. Gerardo ci mostra orgoglioso la sua casa che è solo una povera capanna di canne e paglia con una piccolo fuoco , due amache per i bambini e un facsimile di letto per lui, il suolo è di terra e non esistono nè mobili nè elettrodomestici.
A noi pare tutto incredibile ma la dignità e la serenità delle persone che abbiamo incontrato sino ad oggi ci fa pensare a valutare meglio le cose veramente importanti della vita.
Martedì ritorniamo in barca a Rio Dulce per proseguire in bus verso Tikal.
Il bus o meglio un carcassone che assomiglia ad un bus arriva alle 10 ed è già pieno con molta gente in piedi, saliamo e ci rendiamo subito conto che sarà un viaggio non proprio piacevole.
Dopo meno di un ora un ragazzo vachero mi cede il posto "il mio capello bianco ha colpito" mi siedo.
Osservo la gente che scende alle numerose tappe e ai due blocchi di polizia, c'è la signora con i vassoi legati insieme pieni di uova, il signore con una scatola che ha un piccolo buco nella parte alta probabilmente per consentire al pollo di respirare, la signora in prima file tiene in mano un bicchierone di frutta tagliata che lentamente porta alla bocca mentre il signore della quarta fila tiene in mano un piatto di riso e pollo appena acquistati all'ultima fermata.
A 40 chilometri circa prima di Tikal scendiamo per aspettare alla fermata il passaggio di un minibus per Tikal. Aspettiamo fiduciosi finché l’autista di uno scuolabus ci informa che il minibus oggi non arriverà e ci invita a salire. Saliamo e ci spiega che quel che sta facendo è l'ultimo viaggio come scuolabus e poi può accompagnarci. Accettiamo e alle 15,3o entriamo nel parco archeologico.
Sistemazione in hotel Jaguar Inn e poi via entriamo nell’ area maia.
La zona è molto diversa dagli altri siti maia come Uxmal e Palenque,. Qui per arrivare ai templi percorriamo lunghi sentieri nel cuore di una grande foresta tropicale; oltre alla meraviglia delle rovine osserviamo tanti piccoli e grandi animali come formiche giganti, cavallette mimetizzate sugli alberi, un colibrì sul suo piccolo nido , le scimmie urlatrici che si dondolano , un grande ragno peloso nero, vari insetti , misteriosi e sconosciuti uccelli, tutto questo da a Tikal un particolare fascino.
Rientrati in hotel conosciamo Toni, una insegnante americana che è qui per studiare gli uccelli. Con lei passiamo una piacevole serata conversando.
Come tutte le sere alle nove black out, si accendono le candele e sino a mattina la luce non tornerà.
Mercoledì alle 4.3o parte il tour. E' buio, con la pila in mano percorriamo il sentiero verso la
centrale piazza maia, c'e un grande silenzio.
Arrivati al tempio saliamo la scala di legno e ci sediamo sulla cima, sono le 5.3o, restiamo tutti seduti in silenzio ad aspettare l'alba. Di fronte a noi la giungla ancora oscura avvolta da una leggera nebbia che lentamente si muove scoprendo le cime di altri templi, la luce pian piano aumenta cambiando i colori dello scenario e finalmente compare all'orizzonte il grande cerchio dorato.
Tutto sembra prendere vita, il silenzio lascia spazio ai suoni degli animali che si svegliano e si muovono, quelle che prima erano sagome adesso si definiscono e la foresta appare in tutta la sua bellezza.
Noi restiamo in silenzio ad ammirare la vita, la natura che dal cielo alla terra ci travolge e non finirà mai di meravigliarci.
Al pomeriggio andiamo all’aeroporto a Flores. Con un piccolo aereo, 28 posti, torniamo a Guatemala City. da dove partirà il volo di rientro.
Qualche volta ci è mancata la nostra dimora viaggiante ma l’avventura ha compensato questo “tradimento”, mai come in questa occasione ci siamo sentiti cittadini del mondo e orgogliosi di esserlo.
Francesca e Ugo
tratto da www.viaggiericordi.com

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali


Campeche - www.viaggiericordi.com

Paleque - www.viaggiericordi.com

San Juan Chamula - www.viaggiericordi.com

Lago Atitlan - www.viaggiericordi.com

Casa del Mundo-www.viaggiericordi.com

Rio Dulce-www.viaggiericordi.com

Rio Dulce-www.viaggiericordi.com

Tikal-www.viaggiericordi.com

Tikal-www.viaggiericordi.com

Tikal-www.viaggiericordi.com

Vulcan Pacaya-www.viaggiericordi.com

Uxmal-www.viaggiericordi.com

Livingston - www.viaggiericordi.com
Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: guelfo32

  • Francesca
  • Età 21955 giorni (60)
  • Mantova

Contatti

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>