Isola di Hvar : CROAZIA

viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login

Diario di viaggio CROAZIA CROAZIA
Isola di Hvar

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

Isola di Hvar

Stato: CROAZIA (HR)
0

Data inizio viaggio: domenica 26 giugno 2005
Data fine viaggio: giovedì 7 luglio 2005

10 giorni all'isola di Hvar

Translate this travel in english, by Google uk

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

domenica 26 giugno 2005 . 1^ giorno

Siamo partiti in macchina da Mestre, sosta per il pranzo a Crevenicka in una gostiona dove abbiamo mangiato del pesce freschissimo e poi a Seny abbiamo deviato dalla costa per prendere la nuova autostrada che ci ha portati fino a Spalato. l'innaugurazione della nuova "autoceste" era proprio domenica 26 giugno per cui non abbiamo pagato ai caselli e arrivati a Spalato ci siamo trovati in mezzo alla festa. Lo spettacolo era in contemporanea a Zagabria e a Spalato proprio per festeggiare la fine dei lavori che rende molto piu' vicine le belle isole dalmate.
Abbiamo avuto difficolta' a trovare posto negli alberghi a causa della festa ed anche perche' avevamo poca voglia di cercare stanchi com'eravamo. Abbiamo trovato stanze all'hotel President 4 stelle ristrutturato ma caro.
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

domenica 26 giugno 2005 .

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

lunedì 27 giugno 2005 . 2^ giorno

Alla mattina di buon'ora siamo andati al porto per prendere il traghetto per Hvar ma purtroppo la corsa delle 10 non trasportava auto per cui abbiamo dovuto aspettare le 14. Abbiamo impiegato la mattinata fra il mercatino di Spalato (prezzi molto buoni) , un bellissimo bar frequentatissimo anche da locali con vista sul porto e un pranzetto a base di prosciutto dalmata ( per inciso quello istriano
e' piu' buono) nei vicoli della citta' vecchia e poi siamo saliti sul traghetto (per 5 persone e l'auto abbiamo pagato 350 kune circa 50 euro)
In due ore siamo arrivati a Starigrad dopo aver costeggiato le isole in particolare Brac, e poi dopo 15 km di strada ben tenuta e mozzafiato a tratti siamo giunti a Hvar citta'.
Il centro e' tutto pedonale per cui ci sono due strade a senso unico per auto che circondano l'abitato per raggiungere gli alberghi , apparentemente sembra non ci siano macchine sull'isola, bello!!.
Avevamo prenotato all'hotel Amfora con una vista splendida sull'arcipelago delle Pakleni (Spalmadori in italiano nome che deriva dagli spalmatori di pece sulle imbarcazioni) hotel un po' stile anni '70 con piscina coperta da 25 metri, palestra per basket e pallavolo, centro fitness, casino ecc. insomma l'albergo tipico nella ex Jugoslavia ma ben inserito nella vegetazione per cui non stonava per niente nell'ambiente situato a circa 1 km dal centro ma con una passeggiata fantastica lungomare per raggiungerlo.
E poi abbiamo pagarto solo 40 euro a testa in mezza pensione.
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

martedì 28 giugno 2005 . Soggiorno sull'isola

Il soggiorno e' trascorso fra bagni in un mare splendido, escursioni alle Pakleni in particolare Palmizana un angolo di paradiso e poi le piccole isole di Jerolim e Stipanska anche per nudisti, giri per Hvar con le sue bancarelle che vendono soprattutto lavanda le cui piantagioni sono nei pressi a Bruje.
E poi le localita' vicine di Milna (un po' rovinata dalle nuove case) ma con una bella baia, Zorace la cui spiaggia si trova sotto un paesino abbandonato, Starigrad l'antica Faros con belle chiese e vicoli che ricordano un po' Venezia e il Friuli. Ma l'abitato di Hvar e' tutto una sorpresa anche per lo shopping, negozietti dappertutto che pero' non disturbano la bella architettura che vanta anche l'antico arsenale , il teatro comunale del 1600, il chiostro di san Francesco , le rive dove si trovano baretti trendy (tipo il Carpe diem frequentato da giovani e meno giovani molto raffinato), le barche a vela ancorate a fare bella mostra di se',la fortezza sulla collina con le mura ben conservate, insomma un'isola multiforme che e' stata una piacevole sorpresa
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

giovedì 7 luglio 2005 . Ultimo giorno

Abbiamo preso con un po' di nostalgia il traghetto alle 11 del mattino da Starigrad e in due ore siamo ritornati a Spalato.
Il viaggio in autostrada e' stato tranquillo il traffico era molto scarso, nessun tir (una meraviglia rispetto all'Italia), gli autogrill puliti e fornitissimi, abbiamo fatto tappa ad Opatja sul golfo del Quarnaro ma senza problemi si poteva arrivare in serata a Mestre.
La sosta l'abbiamo fatta all'hotel Kvarner un hotel del 1894 che conserva ancora tratti fin de siecle suggestivi, il costo e' stato contenuto circa 90 euro per una doppia e prima colazione. La localita' di Opatja che conoscevo gia' ha un'aria mitteleuropea essendo stata frequentata localita' di villeggiatura di principi e nobili ai tempi dell'impero asburgico, e si sta ristrutturando mantenendo la stessa aria nostalgica.
La mattina dopo abbiamo ripreso il nostro viaggio dopo una passeggiata sul lungomare,e fatta una capatina a Lipica sede dell'allevamento dei famosi cavalli bianchi e una sosta per mangiare a Basovizza .

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali



palazzo di Diocleziano il Peristil

La marina Aci di palmizana

Baia di Palmizana

Vista dalla fortezza

cactus in fiore
Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: lettone1

  • marina penzo
  • Età 23027 giorni (63)
  • mestre (venezia)
  • preferisco il rumore del mare

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>