AUFWIEDERSEHEN BERLIN!

Modifica Viaggio        

località: berlino
regione: berlino
stato: germania (de)

Data inizio viaggio: giovedì 11 ottobre 2007
Data fine viaggio: domenica 14 ottobre 2007

Nel cuore dell'antica Prussia, pulsa forte il battito di questa straordinaria città del tutto instabile. Quattro giorni a Berlino, la nuova capitale della Germania, immersi nella sua folgorante architettura futuristica, sorpresi dalla gentilezza e dolcezza dei ruvidi tedeschi, scossi dalle brutture di una Storia violenta e brutale ma affascinati dall¡irriverenza poco scontata, dalla freschezza e dalla bellezza di questa citt'a completamente "freak out"!!! Risorta, eccola di nuovo, bella come sempre, Berlino sorprende e piace sempre: non e' cara come si pensa, non è affatto fredda come si pensa, anzi piacevolmente economica nel mangiare, e adatta ai frikkettoni da afterhours, agli amanti della cultura, ai museologi incalliti, ai pazzi per la storia cosi come e', ai buon gustai e ai nostalgici di chissà che cosa...
Il maestoso Reichtag, il bellissimo quartiere di Prenzlauer Berg, le magie del Berliner Dom, il fantasma di un muro scomparso, gli Ampelman dell Est che salutano i semafori dell ovest, la Brandenbuger Tor, maestosa e micidiale con la sua quadringa, la Siegelsaule di remota prussianità, un concerto di MIchael Bublè, vino buono, cibo pesante, bell ambiente sulle rive dello Spree..posso continuare all infinito...je je je
Divisa un tempo da un muro oggi emblema di un passato diverso, orgogliosa di tutto quello che ha e non ha più da offrire, un solo rimpianto..se non ci fosse stato quel tremendo e soffocante passato, buio e nero come una peste del XX secolo, questa città non sarebbe bella tanto quanto o forse di più di Roma, Parigi o Londra???...a voi l'ardua sentenza...Buon viaggio nella splendida Germania.
Andrea

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali

blog comments powered by Disqus