Passeggiata nella storia, alla scoperta del gusto della vita: Una giornata a Monza : ITALIA

Francesca Bertha : europa : italia : lombardia : monza
viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login
love

Diario di viaggio ITALIA ITALIA
Passeggiata nella storia, alla scoperta del gusto della vita: Una giornata a Monza

Monza

il Duomo di Monza
foto inserita il
23 Mar 2011 19:25
il Duomo di Monza
Pagine 1
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

Passeggiata nella storia, alla scoperta del gusto della vita: Una giornata a Monza

Località: Monza
Regione: Lombardia
Stato: ITALIA (IT)
0

Data inizio viaggio: giovedì 10 marzo 2011
Data fine viaggio: giovedì 10 marzo 2011

La prima immagine che a molti di noi salta in mente quando pensiamo a Monza è quella delle auto della Formula 1 che sfrecciano a trecento chilometri all’ora sull’Autodromo. Velocità e adrenalina, ma anche le atmosfere sacre e misteriose, ispirate alla figura storica della Monaca di Monza, descritta dal Manzoni nel celebre romanzo I Promessi Sposi.
Si potrebbe iniziare il giro della città anche proprio da lei, compiendo un tour letterario: nella realtà la monaca si chiamava Marianna de Leyva, in religione Suor Maria Virginia. La Via della Signora e la Via De Leyva conservano il suo ricordo, oltre all’ex convento dei frati cappuccini di Via Marsala.
Nel secolo VII Monza fu capitale estiva del Regno Longobardo, e anche nel Sacro Romano Impero godette di ampia autonomia e di una serie di privilegi. Il monumento più imponente di Monza testimonia la sua grandezza: entrando nella Villa Reale ci troviamo immersi nelle atmosfere della corte dell’Impero Austro-Ungarico. Fu infatti proprio Maria Teresa d’Austria a decidere la costruzione dell’allora Villa Arciducale, e scelse Monza per “la salubrità dell’aria e per l’amenità del paese”. Dai giardini della Villa la nostra passeggiata prosegue nell’ampissimo Parco di Monza, il quarto parco recintato più grande d’Europa.
Vicino al punto dove il fiume Lambro esce dal Parco di Monza, sorge il bellissimo Santuario di Santa Maria delle Grazie. Costruita tra il 1463 e il 1467, il Santuario è meta di pellegrinaggio, nonostante non sia noto alcun miracolo leggendario legato al luogo. Le edicole in cotto che delimitano il cortile, raffiguranti le tappe della Via Crucis, ad opera dello scultore Dante Ruffini, rappresentano un importante luogo di raccoglimento.
Durante la nostra passeggiata abbiamo ammirato diverse altre chiese molto belle come la Santa Maria al Carrobiolo, così chiamata perché un tempo i carriaggi, ovvero i carri trainati da animali, si fermavano nella piazza antistante il monumento. Il senso di pace delle vie del centro storico viene accentuato anche dalla presenza del fiume Lambro che attraversa la città. E dove c’è un fiume, ci sono anche dei bei ponti: il Ponte dei Leoni, costruito nel 1842 vicino ai resti del ponte romano, e il Ponte di San Gerardino, dedicato a San Gerardo dei Tintori. Nel 1174 il santo fondò un ospedale per i poveri presso la propria casa. Il ponte attraversa il fiume proprio in corrispondenza dell’antico ospedale, del cui complesso fa parte anche la Chiesa di San Gerardino, e nelle vicinanze si trova il settecentesco Mulino Colombo.
Quando arriviamo in Piazza Duomo ci troviamo nel bel mezzo di un set cinematografico: la straordinaria bellezza del Duomo, costruito tra il XIV e il XVII secolo, ha ispirato un regista ad ambientare la scena di un film nell’elegantissima piazza. Poco distante dal Duomo abbiamo ammirato anche l’Arengario, l’antico Palazzo Comunale, costruito nel XIII secolo.
Dopo questa bella passeggiata nella storia monzese, decidiamo di abbandonarci ai piaceri del palato presso un ristorante del centro di cui abbiamo letto diverse buone recensioni sulle guide, Il Gusto della Vita, in via Bergamo. Ci accomodiamo in una sala elegante e romantica, dai colori chiari e con una bella rosa sul tavolo. “Abbiamo aperto sette anni fa. Io sono lo chef, e mia moglie Elena Picchiotini è sommelier. Pare che perfino la nostra bimba di due anni, Giada Raj, voglia fare la cuoca da grande”, ci racconta il titolare, Dhian Singh, partito da Nuova Delhi e approdato prima in Germania e dodici anni fa in Italia. La cucina del locale segue la stagionalità, ed è improntata principalmente sul pesce fresco che arriva ogni giorno. Iniziamo la nostra cena con del pesce crudo con frutta fresca, con dei carciofi e capesante su morbido di topinambur e sciroppo puro di acero canadese. Un paio di nostri amici prendono invece il culatello di Zibello con tortino caldo di Parmigiano Reggiano 36 mesi e confettura di fichi e mandorle. Facciamo seguire questi squisiti antipasti dalle penne giganti farcite con spigola su crema di peperoni al forno e i fagottini di verdure con ragout di vongole veraci e calamari. Gli amici “carnivori” optano invece per gli spaghetti artigianali con crudo di pomodoro, guanciale, cipollotto e basilico fresco. Nella scelta dei secondi ci dividiamo tra l’ottimo hamburger di tonno e sashimi appena scottato con maionese di avogado, e il filetto di gallinella con composta di melanzane e pomodoro su crema di prezzemolo. Gustiamo inoltre una buonissima selezione di formaggi misti tra specialità italiane, svizzere e londinesi. Annaffiamo il tutto con degli ottimi vini bianchi suggeritici dalla sommelier tra etichette di nicchia di grandissima qualità nonostante il prezzo amichevole.
Il nostro viaggio nel gusto si conclude nel mondo dolce dei dessert fatti in casa: un morbido di yogurt con frutti di bosco freschi e coulisse di lamponi e la mousse di cioccolato bianco con banane caramellate al curry.

Francesca Bertha

PER INFORMAZIONI:
www.comune.Monza.it
www.ilgustodellavita.it
Ristorante Il Gusto della Vita
Via Bergamo, 5 Monza (MB)
039/325476

Translate this travel in english, by Google uk

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali


il Duomo di Monza

L'Arengario

Nel centro di Monza

Atmosfere monzesi

Veduta dell'Arengario

La Villa Reale

Nel centro di Monza

Il Santuario di Santa Maria delle Grazie

Il cortile del Santuario

Veduta laterale del Santuario

Il Lambro a Monza

Nelle sale del Ristorante Il gusto della vita di Monza

Nelle sale del Ristorante Il gusto della vita di Monza

Il bar del Ristorante Il Gusto della vita

Prelibatezze del Ristorante Il gusto della vita di Monza

Prelibatezze del Ristorante Il gusto della vita di Monza

Prelibatezze del Ristorante Il gusto della vita di Monza

Prelibatezze del Ristorante Il gusto della vita di Monza

Prelibatezze del Ristorante Il gusto della vita di Monza

Veduta dell'Arengario

Un leone sul Ponte dei Leoni

Atmosfere monzesi
Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: Francesca Bertha

  • Francesca Bertha
  • Età 17851 giorni (48)
  • Milano

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>