Dolce come il miele, spumeggiante come la birra: una giornata a Pozzol Groppo - Parte II.

località: pozzol groppo
regione: piemonte
stato: italia (it)

Data inizio viaggio: venerdì 22 luglio 2016
Data fine viaggio: venerdì 22 luglio 2016

Ad aggiungere delle tonalità dai riflessi dorati e bronzati alla tavolozza sono proprio le birre artigianali prodotte dall’azienda. ”Coltiviamo l’orzo per produrre le nostre birre e anche in questo caso c’è la possibilità di partecipare a delle giornate di lavoro in azienda. Organizziamo questi eventi durante tutto l’anno con assaggi e degustazioni, di solito per cinque-sei persone alla volta. Occorre prenotare con anticipo perché il nostro mastro birraio e degustatore, Paolo Canevari, è sempre molto impegnato. Lui è il fratello di Luca ed è stato il ”regista” del progetto sulla birra artigianale. Senza di lui probabilmente non saremmo partiti con questa nuova sfida. Un bel grazie glielo dobbiamo!” ci racconta la titolare.
Se la realtà dell’agriturismo è già molto ricca di opportunità di relax, di svago e di attività originali e curiose da svolgere, anche il futuro riserva delle novità interessanti, a cominciare dal miele e dalla birra. Saranno infatti queste bontà a rappresentare il filo conduttore di un prossimo menù fisso, basato sulla stagionalità dei prodotti, in cui ogni specialità sarà creata a base di miele o di birra.
L’eredità spirituale dell’insegnate Carla sarà tramandata anche da un nuovo progetto: una fattoria didattica dalla chiara vocazione sociale. ”Stiamo già ospitando degli eventi simili con l’aiuto di un’amica psicologa, Barbara, che vive qui vicino. Dall’anno prossimo partiremo con il progetto della fattoria didattica vera e propria, con cinghialini, asini e caprette, e faremo delle sedute di ortoterapia e di pet therapy. Attualmente stiamo lavorando al recupero dei terreni per realizzare un orto terrazzato, dove anche l’utilizzo dell’acqua e dell’energia solare seguirà, come succede già adesso in agriturismo, un concetto ecosostenibile. Unire il tema turistico e quello sociale coinvolgendo sempre di più anche le aziende intorno a noi, con cui puntiamo a una collaborazione sempre più profonda, è il nostro obiettivo”, spiega Claudia.
I colori della campagna ci allietano in modo particolare quando li ritroviamo a tavola, durante la nostra cena all’insegna dei sapori del territorio. Ad accoglierci in sala e a coccolarci durante la cena è Elisa, bravissima responsabile e anima instancabile dell’agriturismo, preziosa persona di riferimento degli ospiti.
Iniziamo con un tagliere di salumi tra cui il salame nobile del Giarolo, l’immancabile salame di Varzi, la coppa piacentina e la pancetta di un’azienda di Pozzol Groppo. Li accompagniamo con uno squisito bagnetto verde, preparato secondo la ricetta di famiglia. Assaggiamo anche delle torte salate, dei flan e degli strudel di verdure di stagione, molto graditi anche dalla nostra amica vegetariana.
Oltre al menù fisso, che cambia un paio di volte al mese e contiene anche delle specialità servite su taglieri e nelle pirofile in modo che i commensali possano servirsi liberamente, stimolando la convivialità e il senso di condivisione, è disponibile anche una carta piccola, con la possibilità di scegliere anche solo un piatto veloce, sempre qualcosa di tipico del territorio, in linea con la stagione. A preparare le bontà che ci arrivano in tavola è lo chef Francesco il quale, seguendo le linee guida di mamma Nella e avvalendosi del prezioso aiuto di Salvatore, crea dei piccoli miracoli in cucina.
Proseguiamo con dei buonissimi ravioli e con dei malfatti freschi e preparati in casa, conditi con burro e salvia raccolta dal giardino proprio davanti ai nostri occhi, o col ragù. In stagione potremo gustarli anche coi funghi che qui sono i veri protagonisti dell’autunno insieme ai tartufi. Oltre a mangiarli, durante le gite a tema organizzate dall’agriturismo è anche possibile imparare a cercarli e a riconoscerli.
Siamo in una zona vitivinicola ed è allora un grande piacere gustare un bel risotto al Montebore col Timorasso, ma ci piacciono molto anche gli gnocchi di patate alle ortiche.
Annaffiamo queste bontà con degli ottimi vini del territorio, praticamente a chilometro zero. I nostri bicchieri si riempiono del Timorasso e del Barbera della Cascina I Carpini e della Cantina Albera Angelo, ma assaggiamo anche gli ottimi vini della Fattoria Cabanon, nota sul territorio anche per aver aggiunto un colore bellissimo alla tavolozza del paesaggio: quello della lavanda, grazie a un’ampia coltivazione il cui profumo accarezza la vallata adagiandola in un sogno lilla.
Tra le pietanze ci deliziamo con degli arrosti e con delle tagliate, preparati con le carni eccellenti di allevamenti della Val Curone. A seguire, gustiamo un fantastico tagliere di formaggi accompagnati dai mieli serviti in pratici dispenser in modo da poterne assaggiare anche solo qualche goccio passando agevolmente dall’acacia al castagno, dal millefiori al tarassaco, dal tiglio al girasole, dal miele di melata a quello di erba medica.
Una giornata così piacevole non può che concludersi in gran dolcezza, ed eccoci allora a coccolarci con i dessert freschi, fatti in casa tra cui il salame al cioccolato, i semifreddi, la torta di mele, le crostate e la pasta frolla con la frutta di stagione. Ecco le immancabili pesche di Volpedo! Quelle che non sono prodotte direttamente dall’azienda arrivano dalle aziende vicine o dall’affascinante Antico Mercato di Volpedo, piccolo punto di riferimento del biologico di questo territorio.
Prima di riprendere la strada per la città, facciamo scorta di miele, di confetture e di biscotti fatti in casa, e ripartiamo con una certezza: dato che Pozzol Groppo è situato in un territorio noto anche come le Quattro province, da ora in poi, appena ci capiterà di mettere piede in una delle quattro, troveremo il modo di fare uno strappo anche per tornare qui per nuove passeggiate, pomeriggi da passare tra i fiori o in giro per i campi e per delle cene deliziose come quella appena trascorsa.

Francesca Bertha
www.francescabertha.it

PER INFORMAZIONI:
www.comune.pozzolgroppo.al.it
www.agriturismocasatui.it
Agriturismo Casa Tui
Fraz. Ca’ Dandrino, Località Casa Tui, Pozzol Groppo (AL)
Tel.: 0131/1978053 366/8729762

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...