Sapore di mare tra le colline dell'Alto Monferrato: Viaggio a Ovada : ITALIA

Francesca Bertha : europa : italia : piemonte : ovada
viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login
love

Diario di viaggio ITALIA ITALIA
Sapore di mare tra le colline dell'Alto Monferrato: Viaggio a Ovada

Ovada

Veduta di Ovada
foto inserita il
16 Oct 2010 19:47
Veduta di Ovada
Pagine 1
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

Sapore di mare tra le colline dell'Alto Monferrato: Viaggio a Ovada

Località: Ovada
Regione: Piemonte
Stato: ITALIA (IT)
0

Data inizio viaggio: venerdì 10 settembre 2010
Data fine viaggio: venerdì 10 settembre 2010

Da ovunque si parta, Ovada rappresenta un punto di arrivo. Si può giungere qui dal Ponente ligure o dalle grandi città del Nord, e la sensazione sarà sempre quella di un piccolo miracolo: la scoperta di un paesaggio dolce e accogliente, diverso da quello che abbiamo appena lasciato alle spalle.
Anche se il nome di Ovada può far pensare all’uva, ciò è solo un’impressione data dalla vista degli interminabili vigneti che la circondano: in realtà il toponimo Ovada viene da Vadum, a indicare il fatto che già in epoca romana la città era un luogo di transito e quindi fulcro anche del commercio. La Valle Stura, che collega Genova e Ovada attraversando anche diversi altri comuni, regala una vista mozzafiato al viaggiatore: la strada tortuosa, incastrata tra il verde degli Appennini liguri e il torrente, più o meno secco a seconda del periodo, conduce a Ovada attraverso un paesaggio selvaggio e dolce nello stesso tempo: una vera emozione da vivere.
Ma non è certo meno emozionante arrivare in questa graziosa città dell’Alto Monferrato nemmeno da Milano, esattamente come è capitato a noi, durante uno dei fine settimana ancora caldi che siamo riusciti a strappare all’autunno. Attraversando la pianura padana col desiderio di mare nel cuore, basta uscire dal primo tunnel dell’autostrada dei Trafori per sentirsi arrivati in Liguria, pur viaggiando ancora nella provincia di Alessandria. Il paesaggio cambia proprio qui e nel giro di pochi chilometri le infinite distese del Piemonte lasciano il posto alle colline e alla vista di montagne blu in lontananza. La monotonia viene piacevolmente interrotta dalla visione di case colorate, di castelli che dominano le vallate, e di tanto verde. Per arrivare al mare ci vorrebbero ancora una ventina di minuti, ma l’affascinante percorso autostradale fatto di curve e gallerie si può affrontare anche dopo: viene voglia di fermarsi proprio qui, uscendo al casello di Ovada, e di addentrarsi nei carrugi di questa città che unisce due regioni.
Ovada è ricca di monumenti e chiese di grande valore storico e culturale, come la seicentesca Chiesa di Nostra Signora Assunta, che con i suoi due alti campanili e la cupola, disegna il caratteristico skyline di Ovada. La città ha dato i natali a una serie di personaggi di spicco del mondo delle arti, tra cui il compositore ottocentesco Antonio Rebora, a cui è dedicata la Scuola di Musica della città, il direttore d’orchestra Paolo Peloso, i pittori Natale Proto, che ha lavorato alla decorazione di numerosi palazzi di Ovada, e Franco Resecco, ma anche personaggi dello spettacolo come l’artista circense Giovanni Taffone o Dino Crocco, batterista e conduttore televisivo recentemente scomparso.
Se Ovada è sempre stata crocevia di personaggi importanti del commercio e dell’arte, abbiamo voluto coronare la nostra giornata ovadese con una cena in un ristorante che rispecchiasse questo spirito. Così, dopo aver chiesto un po’ in giro, abbiamo prenotato presso il Ristorante Grotta, in via San Sebastiano, praticamente di fronte alla Loggia di San Sebastiano e l’Oratorio di San Giovanni Battista. Il locale, oggi gestito da Marco e Valentina, ha una lunga storia alle spalle. Per quasi un secolo proprietà della famiglia Piana, e frequentato da industriali, artisti, uomini politici che vi giungevano anche da Milano e da Genova, fu per lungo tempo uno dei ristoranti più rinomati della zona. Dopo la gloriosa gestione della famiglia Piana, si è dovuto aspettare che circa due-tre anni fa Marco, un cuoco giovane ma con una grande esperienza alle spalle, maturata in parte a Portofino e in parte a Singapore, insieme alla sua compagna, decidesse di far rinascere il locale. Ed eccoci qui, a gustare un menù eccezionale che punta sopratutto sui piatti a base di pesce, oltre che su diversi piatti speziati, di ispirazione orientale. Come antipasto, iniziamo con un Chilli Crab alla moda di Singapore, mentre i nostri amici prendono l’Antipasto Grottino, ovvero una marinatura di acciughe, spada e salmone. Le acciughe con l’origano, il pesce spada con la fragola, e il salmone con l’aceto balsamico, accompagnati dall’insalata russa di pesce, sono davvero una delizia. Facciamo seguire queste bontà da delle linguine al cartoccio con frutti di mare, e da una grigliata mista di pesce. I nostri amici decidono di prendere le orate grandi alla ligure, e abbiamo già deciso che alla nostra prossima visita a Ovada ci dedicheremo al fritto misto di paranza della casa. I vini? Una sorpresa: oltre a quelli della zona, come il Gavi, il Cortese, il Dolcetto d’Ovada, c’è anche il Taurasi, tipico rosso dell’Avellinese, oltre a dei vini etnei.
Dopo questa cena possiamo dire di essere giunti al mare, addirittura fino a quello esotico, ancor prima di averlo intravisto tra le curve dell’autostrada ligure: un miracolo culinario per cui vale davvero la pena fermarsi a Ovada.

Francesca Bertha

PER INFORMAZIONI:
www.ristorantegrotta.it
www.comune.Ovada.al.it
Ristorante Grotta
Via San Sebastiano, 19 Ovada (AL)
0143/80480

Translate this travel in english, by Google uk

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali


Veduta di Ovada

Ovada Chiesa di Nostra Signora Assunta

Per le strade di Ovada

Nel centro storico di Ovada

Ovada Via San Sebastiano

Nelle sale del Ristorante Grotta

Nelle sale del Ristorante Grotta

Nelle sale del Ristorante Grotta

Ampia scelta di vini presso il Ristorante Grotta di Ovada

Nel centro storico di Ovada

Scorcio di un parco di Ovada

Chiesa dell'Immacolata Concezione

Veduta di Ovada

Statua di San Francesco a Ovada
Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: Francesca Bertha

  • Francesca Bertha
  • Età 17849 giorni (48)
  • Milano

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>