Las Vegas e i parchi dell'ovest : STATI UNITI D'AMERICA

viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login
love

Diario di viaggio STATI UNITI D'AMERICA STATI UNITI D'AMERICA
Las Vegas e i parchi dell'ovest

Grand Canyon
foto inserita il
17 Oct 2005 16:06
Grand Canyon
Pagine 1
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

Las Vegas e i parchi dell'ovest

Stato: STATI UNITI D'AMERICA (US)
0

Data inizio viaggio: sabato 6 maggio 2000
Data fine viaggio: sabato 13 maggio 2000

Translate this travel in english, by Google uk

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

sabato 6 maggio 2000 . Las Vegas

Las Vegas - 4° giorno

Dopo un volo di 3 ore eccoci nella capitale del gioco d'azzardo; arrivando dall'alto già si intravede il potenziale della città: una lunga strada con edifici particolarissimi, una piramide, una tour eiffel, palazzoni giganteschi. Grazie al fuso abbiamo quasi tutto il pomeriggio libero, per cui, dopo aver ritirato l'auto a noleggio all'aeroporto, raggiungiamo il nostro hotel, il Las Vegas Hilton, vicino alla strada principale, il Las Vegas Boulevard. La sensazione che mi ha dato questa città è di adrenalina pura, una voglia di scoprirla subito, di uscire subito per andare a vedere quello che offre. L'hotel è fantastico, lussoso, e pensare che è uno tra i più economici tra i "lusso". Riprendiamo l'auto e raggiungiamo il "centro", praticamente lungo 20 km; parcheggiamo presso:

l'HOTEL MIRAGE
e andiamo a visitarlo. In effetti, l'unica cosa da fare in questa città, è visitare questi mega alberghi unici al mondo, con le loro attrazioni. Il Mirage è uno dei più importanti. Entriamo e ci ritroviamo in una giungla, con palme, ruscelli, cascate e pure due tigri bianche: dietro alla reception una barriera corallina lunga una ventina di metri, quindi, l'immancabile casino'. Ma la più grande attrazione dell'Hotel si trova all'esterno: infatti, all'imbrunire, l'enorme fontana con cascate che dà sulla strada, si trasforma in un selvaggio vulcano, con fuoco e fiamme che si alzano in cielo: uno spettacolo mozzafiato.
Di fronte al Mirage, ecco apparire un'altra sorpresa:


l'HOTEL VENETIAN
Non so se effettivamente sia l’hotel più bello del mondo, ma sicuramente penso che la spesa necessaria per la sua costruzione non abbia rivali.
Dal Las Vegas Boulevard, la via più stravagante del pianeta, tra luci, suoni, vulcani finti in eruzione, Tour Eiffel, Piramidi e castelli, appare un “miraggio” a cui si fa fatica a credere: piazza San Marco, con tanto di campanile, palazzo del Doge circondato dal Canal Grande con il famoso ponte di Rialto… sbalorditivo. Ma quello che si vede dall’esterno, rappresenta la minima parte della sorpresa che si ha quando si accede all’interno.
L’ingresso ricorda i grandi musei europei, con affreschi enormi. All'interno dell' hotel una zona a negozi riproduce fedelmente la Piazza di San Marco ed il cielo dipinto sembra muoversi; in un piccolo canale è possibile effettuare un giro in gondola passando sotto tipici ponti veneziani !!!!!! naturalmente il tutto a grandezza naturale; chi non vuole buttar via parecchi dollari per un giro in gondola, che lasciamo agli incauti americani che probabilmente non verranno mai in Italia, può tranquillamente passeggiare per le stradine di Venezia, attraversare i ponti, ed ammirare dall’alto tutto questo spettacolo.
L’atmosfera è tipicamente italiana, con famose liriche che riscaldano l’ambiente, e ristoranti italiani con tavolini all’aperto (che a dir la verità sono al chiuso perché siamo all’interno di un hotel). L’unica differenza con la “vera Venezia”, al di la del fatto che una è originale mentre l’altra è solo una copia, sta nel fatto che qui i canali sono limpidissimi e azzurri…
Pensate che questo è solamente il 2° piano dell’Hotel; tramite scale mobili si raggiunge infatti il l’enorme casinò al 1° piano; immaginate di fare una puntata alla roulette, e mentre la pallina gira in attesa della ricerca del numero fortunato, di guardare in alto pensando che al di sopra del soffitto, scorrono chissà quanti metri cubi d’acqua (speriamo il soffitto tenga!!!).
Costruito nel 1999 l’hotel offre 3036 camere in 36 piani, le più grandi e lussuose in tutta Las Vegas. Il Venetian Resort è uno dei quattro enormi hotel che hanno aperto a Las Vegas negli ultimi anni, aggiungendo 13.000 nuove stanze d'albergo e un tocco di raffinatezza alla cattedrale del gioco d'azzardo nel deserto, al modico costo di 5-6 miliardi di dollari. Per riprodurre le caratteristiche della città, l'hotel si è affidato a un'azienda specializzata in dettagli architettonici d'epoca. I costruttori sono andati a Venezia e vi hanno trascorso tre settimane, scattando tremila fotografie di quello che interessava replicare. Ma ovviamente non hanno potuto fare riproduzioni in marmo e pietra: i veneziani hanno avuto 600 anni per farlo, e loro soltanto due". Sono quindi ricorsi a materiali prefabbricati e leggeri. La scultura dell'arcangelo Gabriele, ad esempio, è fatta di schiuma e poliuretano, e ricoperta d'oro a 22 carati.
Per molti si tratta della classica "americanata", ma sicuramente vederlo è di grande effetto.

Ceniamo al Mirage, e con circa $12 a testa, ci si può abbuffare nei classici "all you can eat", praticamente si può mangiare davvero di tutto, all'infinito e senza limiti di tempo, dalla pasta, al pesce, ai dolci.
VERAMENTE UNA CITTA' UNICA AL MONDO!!!
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

lunedì 8 maggio 2000 . National Parks

Zion Park - 5° giorno

Lasciamo Las Vegas, un po’ trafficata di prima mattina, destinazione i parchi dell'Ovest. Appena fuori città siamo in pieno deserto; strade larghe, semi vuote, guidare è un vero piacere, e lo stress del traffico milanese è un lontano ricordo. Dopo circa un'ora di viaggio il paesaggio cambia, diventa montuoso, tendente al rosso, e ricorda i famosi film western americani. Arriviamo così alla prima meta, lo Zion National Park.
La posizione è incantevole, il visitor center è situato nel mezzo di una vallata circondato da montagne rocciose rosse, quasi di forma dolomitica. Imbocchiamo la strada che percorre la vallata, fermandoci di tanto in tanto per ammirare il paesaggio e fare fotografie; purtroppo il sole sta scomparendo dietro le nuvole e i colori perdono un po’.
Le cime sono bellissime e superano i 2000 mt, con nomi fantasiosi quali Courth of Patriarchs (un brevissimo sentiero porta ad un punto panoramico), Altar of Sacrifice, The Great White Throne. Lungo la vallata scorre un fiume, il Virgin. Facciamo così una passeggiata di circa 1 ora tra andata e ritorno, un bel sentiero (Emerald Pools Trail) che prima attraversa il fiume, poi raggiunge un laghetto dove dovrebbe esserci una cascatella, ma il periodo è secco e non resta che un filo d'acqua; quindi il sentiero si inerpica tra roccie giganti, fino ad arrivare ad un pianoro da dove si gode un bellissimo panorama sulla vallata e su tutte le cime. Un senso di pace immenso.
La giornata è quasi finita, raggiungiamo il nostro motel all'entrata del parco e facciamo un bel bagno in piscina, circondati da questo supremo paesaggio. Ceniamo poi in un ristorantino all'aperto, a base di carne alla griglia ($ 40 in due) e ammirando un bellissimo tramonto, con le montagne che si tingono di rosso vivo. L'atmosfera è da puro Far West.

Bryce Canyon - 6° giorno

La strada che lascia lo Zion in direzione Bryce Canyon è spettacolare; è una strada con asfalto rosso che sale fino ad un passo, fino quasi a sfiorare le cime. Qui si possono ammirare i Mesa, alture a forma di cono levigate dal vento.
Lungo la strada si attraversa il Red Canyon, solo un'anticipazione di quello che offrirà poi il Bryce. Un'altra mezzora ed eccoci arrivati in quello che sarà il parco più indimenticabile del nostro viaggio: il B.C. è un anfiteatro naturale che va dai 2400 metri a 2800 metri, fiancheggiato interamente da una strada panoramica in mezzo alla foresta; e non potete immaginare il panorama meraviglioso che vi aspetta al di la di quei pini. Infatti, a mano a mano che ci avviciniamo al margine del canyon, vediamo sorgere dal suolo enormi anfiteatri di guglie intricatamente scolpite nella roccia. In un attimo, i colori vivaci del parco ci appaiono in tutto il loro splendore.
Ci sono numerosissimi sentieri che dai vari punti panoramici portano nel canyon, ma imperdibile è il Navajo Loop Trail, un percorso circolare di circa un'ora e mezza che parte da Sunset Point e che permette di entrare nella fornace di guglie rosse; incredibile il contrasto tra il colore delle rocce ed il blu del cielo, dà l'impressione di essere in un altro pianeta.
Se la discesa è agevole, più faticosa è la risalita, ma lo sforzo è ampiamente ripagato. Percorriamo tutta la strada panoramica di circa 50 km, fermandoci in tutti i punti panoramici: Sunrise e Sunset, Inspiration e Bryce Point, prima di accomodarci presso il bellissimo Bryce Canyon Lodge, unica possibilità di pernottamento all'interno del parco.
Per la cena decidiamo invece di uscire dal parco per andare al buffet del Ruby's Inn, discreta scelta a prezzi modici.

Lake Powell, Page - 7° giorno

Lasciamo a malincuore il Bryce, alla ricerca di un'altra bellezza naturale: il lago Powell.
Arrivati nei pressi del lago, cerchiamo il Wahweap Lodge, da dove partono le imbarcazioni dirette al punto più spettacolare del lago, il Rainbow Bridge (ponte dell'Arcobaleno).
Si tratta di un'arco naturale di roccia quasi perfetto, alto 100 metri e altrettanti di diametro. La navigazione è abbastanza lunga (circa 5 ore a/r) e abbastanza cara ($ 80 dollari a persona), ma il paesaggio è fantastico; costeggia infatti la parte più marginale della Monument Valley, con le classiche formazioni rocciose che appaiono qua e la sulle rive del lago. L'acqua è di un blu intenso, e il ponte naturale è veramente uno spettacolo che lascia a bocca aperta; la barca si ferma un'ora, si può scendere e con una breve passeggiata si arriva fino a sotto il ponte. Questo proietta una specie di riflesso a forma di arcobaleno nella sottostante acqua verde.
Ci sono due tour al giorno che partono dal Wahweap, uno la mattina presto e uno nel primo pomeriggio. I biglietti si possono fare direttamente nella reception dell'Hotel.
Attenzione al fuso orario, perché arrivando dal Bryce Canyon bisogna tirare indietro la lancetta di un'ora.
Per il pernottamente siamo andati a Page, una cittadina piena di ristoranti stile western; noi abbiamo mangiato in un ristorante italiano spendendo poco, buona pasta e ottime bruschette.
caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

giovedì 11 maggio 2000 .

Grand Canyon - 8° giorno

Prendiamo la strada verso il Grand Canyon, attraversando le terre ancora abitate dagli indiani; entriamo nel South Rim da Est, e ci aspetta una strada di circa 50 km con molti punti panoramici. Siamo a oltre 2000 mt ma non sembra proprio, perché la strada attraversa una fitta foresta, e il canyon dalla strada nemmeno si vede. Bisogna parcheggiare nella prima area di sosta e camminare fino al bordo per vedere questo spettacolo unico; una sensazione di spazio infinito, di grandezza e di immensità. Il versamente Nord sembra talmente vicino, eppure occorrono ore e ore di auto per raggiungerlo. Sul fondo si vede il Colorado, che con il suo impeto ha scavato nel corso dei secoli queste montagne.
Difficile descrivere il Grand Canyon, di certo è uno degli spettacoli naturali più imponenti del mondo.
Percorrendo la strada ci fermiamo nei vari punti panoramici (Desert View, Jaki Point, Grand View e Yavapai Point), e mano a mano che si procede il Canyon assume aspetti e colori diversi. Arriviamo al Visitor Center, e la pace incontrata nella visita del Canyon lungo la strada panoramica è bruscamente interrotta da un gran movimento di turisti, auto e pulmann. Per fortuna è maggio: immagino che visitare questi posti in luglio e agosto con molta ressa l'atmosfera perda un po’. Il mio consiglio è di percorrere tutta la strada panoramica verso est, proprio per questo motivo.
Dopo la cena in un self service, andiamo a goderci il tramonto sul bordo; i colori non sono però meravigliosi come mi sarei immaginato e non appena cala il sole, ci investe un freddo incredibile

Las Vegas - 9° giorno

La nostra avventura nei parchi è purtroppo terminata ma resterà senz'altro con noi un ricordo indelebile; ci aspetta un lungo ritorno verso Las Vegas; strada facendo incontriamo il lago Mead e la sua enorme diga.
Finalmente arriviamo a Las Vegas e stavolta pernottiamo direttamente sul Las Vegas Boulevard, presso l'MGM, dove 4 enormi lussuosi hotel sono collegati direttamente tra di loro con passerelle e Sky Train. L'MGM è l'hotel più grande del mondo e in effetti si vede subito; ci mettiamo una ventina di minuti per raggiungere la nostra camera dalla reception. Nel pomeriggio visitiamo altri hotel, tra i quali il Luxor (a forma di piramide con tanto di sfinge all'ingresso, L'Escalibur (ricostruzione del castello di mago Merlino, con spettacolo serale di draghi che emergono dall'acqua), e il New York, perfetta ricostruzione della metropoli con Statua della Libertà, grattacieli e ottovolante all'esterno, mentro all'interno, assieme all'enorme Casinò, sono state fedelmente ricostruite le varie zone della città, come Central Park, Wall Street, China Town, ecc.
Ma ormai non ci stupisce più niente…

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali


Grand Canyon

Grand Canyon

Lake Powell

Lake Powell

Grand Canyon

Grand Canyon

Lake Powell

Bryce Canyon

Bryce Canyon

Bryce Canyon

Bryce Canyon

Bryce Canyon

Bryce Canyon

Lake Powell

Zion Park

Zion Park

Zion Park

Zion Park

Las Vegas, hotel Luxor

Strada rossa nello Zion Park

Las Vegas, vulcano hotel Mirage

Las Vegas, Hotel Luxor

Las Vegas, Hotel Venetian

Las Vegas, Hotel Venetian

Las Vegas, Hotel Excalibur

Las Vegas con la Tour Eiffel

Las Vegas, Hotel New York
Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: macgreg

  • ALBERTO GREGORI
  • Età 16382 giorni (45)
  • CASTIGLIONE D'ADDA

Contatti

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>