viaggio di lavoro

località: nairobi, mombasa
stato: kenya (ke)

Data inizio viaggio: sabato 16 giugno 1990
Data fine viaggio: lunedì 16 luglio 1990

Avevo letto il libro della karen blixen "la mia africa".La blixen scrive in modo divino, descrive qualsiasi cosa in maniera eccezionale, lasciando immagini vive nella mente del lettore... molto interessanti le conclusioni cui l'autrice spesso arriva, frutto di analisi che partono sempre e comunque dall'africa e dai suoi abitanti. non pensavo di trovare una "storia" alle spalle di questo libro: si tratta, per lo+, di piccoli racconti sui vari episodi del "soggiorno africano" dell'autrice; di conseguenza risulta spesso un pò pesante e, soprattutto, lento.
Appena finito di leggere il libro vedo il film e la voglia di africa comincia ad entrare in me .
A giugno 1990 mi viene data l'opportunità per lavoro di andare in kenia.son passati tantissimi anni mai il ricordo dei profumi africani ancora oggi è incastrato dentro la mia pelle.
Mister Muriro (un tecnico della Kenya Posts and Telecommunications) mi raccontava storie ed aneddoti divertenti ed affascinanti e mi ripeteva spesso 3-4 proverbi che in Kenya erano fondamentali:
"I lavori delle donne sono numerosi come le stelle del cielo"
"La sapienza dei giovani è come un campo dove il seme è appena stato gettato"
"Anche se nessuno ti ama, troverai sempre qualcuno disposto a tagliarti i capelli. "
"Essere ben vestiti in giorno di festa non significa essere ricchi."
Alla nairobi commerciale con hotel, ambasciate , compagnie aeree, bei palazzi e giardini coloratissimi si contrapponeva la
disperazione delle periferie, dove una povertà dignitosissima viaggiava sull'onda di una speranza di vita.
Sidori, la ragazza che ci ha ccompagnato nella visita al parco dello TSAVO, con il suo grande amore è riuscita a rendere ancor più magico un Safari che già di per se era senza paragoni…bastava guardarla in quei grandi occhi per restare affascinati di un paese se poi chi come me coltivava già nel proprio cuore una grande passione ,chiamata Africa,beh in quei grandi occhi riusciva perfino a specchiarsi.
Un mese bellissimo che nei ritagli di lavoro ho sfruttato in tutti i sensi.Posti e sensazioni uniche.colori e profumi indescrivibili.
"è vero, esiste il mal d'africa".Spero ardentemente di tornarci con la mia signora e la mia compagnia.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...