Messico-Yucatan

località: barcelo' maya beach
regione: yucatan
stato: messico (mx)

Data inizio viaggio: martedì 31 ottobre 2006
Data fine viaggio: mercoledì 8 novembre 2006


Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

martedì 31 ottobre 2006

E' arrivato anche il giorno della nostra partenza per il Messico, ci alziamo di buon mattino in quanto il nostro volo Livingston parte da Malpensa alle ore 10.50(ha avuto 2 ore e mezzo di ritardo pero')
Il volo fa scalo a Roma e partiamo praticamente alle 15.30 di pomeriggio, dura ben 12 ore!!! gli aerei di Livingston sono abbastanza comodi ma il cibo è alquanto pessimo e soprattutto distribuito in quantita' ridottissima per un volo di cosi' tante ore, Il tempo sembra non passare mai, vengono proiettati due film, abbastanza scomoda la visione, non essendo i sedili dotati di monitor personale.
Finalmente alle ore 20.35 atterriamo a Cancun: bellissima, piena di luci,si estende sotto di noi e si nota subito la striscia sottilissima in cui c'è la zona Hotelera americana, separata dalla citta' da una laguna. Le formalita' vengono sbrigate molto velocemente e per fortuna alla dogana il semaforo è..... verde, quindi possiamo passare (eh si, ci sono controlli a sorpresa, se esce il semaforo rosso....aprire valigia!!!); ci attendono i pullman dell'organizzazione che ci smistano nei vari resort......intanto facciamo conoscenza con la Carrettera Federal, che sara' il nostro punto di riferimento per la vacanza, in quanto è l'asse portante della viabilita' della Riviera Maya.
Arrivati all'hotel tentiamo l'impresa di raggiungere la nostra stanza, 4126!!! Il Maya Beach è un bellissimo resort ma è enorme, praticamente un paese(si divide in Maya Beach, Maya Caribe, Maya Tropical e Maya Colonial) e appena arrivi sei molto disorientato, non sai come dirigerti verso le varie zone.Comunque ce la facciamo e cadiamo stremati sul letto...siamo in viaggio praticamente da 24 ore.
Il mattino seguente ci fiondiamo in spiaggia, ad ammirare la bellissima baia in cui sorge il complesso Beach e Caribe mentre gli altri due hanno una baia a parte. Ad essere sinceri mi aspettavo un mare piu' bello: in alcuni punti la sabbia sembra quasi fanghiglia e si sprofonda, non è una bella sensazione ma basta portarsi piu' avanti nel mare. Purtroppo capiamo molto presto che il tempo non è dei migliori, durante il pomeriggio piove sempre e non possiamo piu' recarci in spiaggia: questo sara il leit motive della vacanza...acqua...acqua...acqua, in ogni momento e in ogni intensita'.
Il giorno seguente durante la mattinata rimaniamo in camera poiche' piove mentre nel pomeriggio approfittiamo della gita gratuita di Sprintour a Cancun per lo shopping (tanto piove!)
Il giorno seguente ci aspettava la bella escursione a Tulum e Playa Paraiso ma bastava guardare il cielo, che ovviamente non prometteva niente di buono, per trarre le debite conclusioni.La nostra guida Azbekal(????) durante il trasferimento ci ha spiegato moltissime cose e curiosita' sui Maya...io non vedevo l'ora di arrivare, la foto con il Castillo sul mare è sempre stata nei miei desideri piu' remoti. Purtroppo appena arrivati a picco sul mare, vicino alle mura di entrata si è scatenato il putiferio:acqua a catinelle!Beh, l'abbiamo presa in ridere per non piangere....è durata almeno una ventina di minuti, vi lascio immaginare il nostro stato pietoso, invece di nuotare sotto il Castillo io nuotavo nelle mie Nike (per la cronaca, da venerdi si sono asciugate lunedi sera....sotto l'aria condizionata e il phon!) La visita non è potuta proseguire, o meglio, ci siamo riparati come potevamo sotto la grossa pianta che porta verso il Castillo...l'acqua scendeva a fiumi.....la strada verso il parcheggio era allagata, il parcheggio allagato...Tutto il giorno è continuato cosi e anche la notte, il giorno dopo eravamo tutti molto molto abbattuti...vi lascio immaginare...
Pensare che noi avevamo Isla Mujeres in catamarano!!!abbiamo valutato persino di rinunciare all'escursione, essere per mare con questo tempo non è per niente bello e sicuro....Invece appena arrivati all'imbarcadero di Cancun ha fatto capolino un tiepido sole e quando il catamarano Sea Passion è partito...si è aperta una mattinata bellissima!!! .
Ci hanno portato a fare snorkeling vicino ad un faro, ho dimenticato di chiedere la zona esatta pero' ...sotto si ammiravano un sacco di barracuda e bei pesci, anche se la corrente era ben percepibile e bisognava stare attenti a non allontanarsi dal gruppo.
Arrivata la domenica io e Giorgio abbiamo deciso di visitare Xel-ha, a cui tenevo veramente proprio tantissimo.
Al parco si possono scegliere due opzioni: o il biglietto base o il tutto compreso, ovvero cibo, bevande, armadietti, teli mare,attrezzatura snorkeling, giubbini di sicurezza. Restano esclusi il bagno con i delfini (sui 100$ a testa!!, ma penso ne varrebbe la pena) che vedete nelle loro vasche appena entrati: che belli!!! che tenerezza!!!ti viene proprio voglia di entrare a giocare con loro. E poi........miracolo!!! è uscito un sole che spacca le pietre!!!! La laguna è troppo bella e quindi ci buttiamo subito in scoperta: insomma abbiamo fatto circa 5 ore di snorkeling, ce la siamo girata tutta in lungo e largo. ci sono un sacco di rocce e tantissimi pesci.........pesci pappagallo che saranno a occhio e croce sui 6/7 kg., delle cernie anche loro giganti e poi sotto i pontili ,essendo disponibile il cibo da buttare ai pesci ,ci sono muraglie di pesci fermi in cui potersi tuffare nel vero senso della parola.Ma l'incontro piu' bello lo abbiamo fatto in un'ansa della laguna in cui non ce'ra nessuno, acqua piuttosto profonda e mentre nuoto vedo sotto di me arrivare una razza|Praticamente ci hanno buttato fuori da Xel-ha mentre chiudevano...
Il lunedi mattina ci svegliamo con un bel sole e quindi decidiamo di procedere per un'altro dei nostri sogni: bagno nel cenote. Attraversando la Carrettera davanti al Barcelo' ce ne sono alcuni e ci siamo quindi diretti verso questa zona. Due cenotes sono all'aperto mentre esiste anche una grotta chiusa con stalattiti e stalagmiti che va raggiunta in kajak: noi decidiamo di rimanere all'aperto e nel folto della vegetazione ci dirigiamo al primo cenote, Kantun Chi.
Appena l'ho visto sono rimasta senza parole....è una meraviglia della natura, non sentivo nemmeno piu' le punture degli insetti e mi sono buttata nell'acqua (fredda!!!!) in un nanosecondo. Purtroppo per me(ihhhh!!) avevo la maschera e appena ho messo la testina sotto ho visto il baratro che si apriva, aiutoooo che impressione!!!!piano piano mi sono diretta verso il centro, sembra di nuotare sospesi nel vuoto tanto l'acqua è trasparente; il di sotto è piuttosto inquietante, ci sono lastroni di roccia enorme e buchi a imbuto senza fine ma hanno un fascino che non ti puoi dimenticare.....appena uscita ho letto il cartello e ho capito che sotto di me c'erano ben 11 metri di acqua...bon, meno male che non l'ho letto prima, con buona pace del mio cuoricino! L'altro cenote è raggiungibile con altri 5 minuti di cammino nella vegetazione fitta ed è di ''soli'' 7 metri di profondita', bellissimo anche questo, piu' illuminato dal sole e l'acqua è azzurrissima, infatti è detto Cenote Azul o Agua Transparente.
Veniamo al Barcelo:questo resort è veramente un paradiso, ha tutto quello che serve per intrattenere nel modo migliore gli ospiti: nel soggiorno di 7 gg. sono incluse anche due cene nel ristorante messicano e ristorante spagnolo, oltre alla possibilita' di usufruire di tutti i bar, piscine,ristoranti, spettacoli del complesso che sinceramente non abbiamo girato per intero.
Naturalmente partiamo da Cancun con 2 ore di ritardo....scopro con felicita' che il viaggio di rientro dura 10 ore,due in meno che all'andata .

Adesso ho solo una gran voglia di correre a casa, .....peccato per il tempo, possiamo solo immaginare come sarebbe stata una settimana di sole e di cielo azzurro....beh, possiamo sempre cantare come i Mariachi :

Ay ay ay ay canta y no llores
Porque cantando se alegran
Cielito Lindo, los corazones

Hasta Luego, Mexico!!!!