Tour in Messico

località: cancun, valladolid, chichen itza, merida, uxmal, campeche, palenque, san cristobal de las casas, san juan chamula, canyon sumidero, tulum, akumal, playa del carmen, cozumel
regione: yucatan,quintana roo,campeche
stato: messico (mx)

Data inizio viaggio: lunedì 19 febbraio 2007
Data fine viaggio: lunedì 12 marzo 2007

Viaggio effettuato in compagnia di un amico della Penisola Sorrentina. Giunti in aereo da Roma(via Amsterdam) a Cancun, dopo pernottamento in centro siamo partiti al mattino seguente in Bus alla volta di Valladolid. Breve visita allo Zocalo dove era in corso una festa carnevalesca, pranzo in un bel ristorantino dotato di un grazioso patio e via verso le rovine di Chitchen Itza per ammirare lo spettacolo di luci e suoni alla celebre piramide del Castillo.
Dopo aver dormito in una spartana pensione di Piste presso le rovine, il giorno dopo visita a Merida dove riusciamo ad assistere pure alla cerimonia delle ceneri nella Cattedrale che si affaccia sullo Zocalo.Pranzo e trasferimento alle rovine di Uxmal che visitiamo sotto un sole infuocato.Oltre alla maestosità delle strutture archeologiche notiamo alcune iguane appollaiate al sole.Serata a Campeche per cena in un fast food, passeggiata sullo Zocalo e sul lungomare.Notte in bus per trasferimento in Chiapas a Palenque dove arrivo in prima mattinata. Qui visitiamo le rovine precolombiane immerse in una rigogliosa foresta, pranziamo in centro e partiamo per San Cristobal de las Casas.Durante il trasferimento sosta alle meravigliose cascate di Agua Azul dove ci immergiamo nelle chiare acque del fiume che scorrono tra lussureggiante vegetazione, e cambio di mezzo ad Ocosingo, la città sede del movimento che rivendica i diritti degli Indios con il subcomandante Marcos. San Cristobal de las Casas ci accoglie con un elegante centro storico dal ricco passato coloniale e con un bell'hotel.Il mattino seguente escursione al Canyon del Sumidero che percorriamo solcando con una lancia il Rio Grande.Ritorno a San Cristobal, pranzo ed escursione al villaggio indios di San Juan Chamula celebre per il mercato e per la Chiesa all'interno del quale il sincretismo religioso dà origine a strane manifestazioni quali rutteggiare a suon di Coca e Pepsi per liberare i peccati.Il pavimento della Chiesa è ricoperto da aghi di pino e gli indigeni invocano i santi in modo particolare: si inginocchiano davanti a dei piccoli altari di pietra dove bevono alcol, accendono ceri e,naturalmente,rutteggiano.Tornati a San Cristobal visitiamo il variopinto mercato indios, cena a base di tacos e onnipresente pasta di fagioli scuri e pernotto. La mattina seguente partenza presto per Comitan dove cambiamo bus collettivo per l'affollatissima e variopinta frontiera con il Guatemala, praticamente un mercato.
Dopo la visita di Guatemala e Belize a cui rimando ai relativi itinerari rientriamo in Messico in Bus a Chetumal. Da qui a Tulum dove dormiamo in un buon hotel. Il giorno seguente visita e bagno caraibico alle rovine di Tulum. Il pomeriggio altro bagno, questa volta nella graziosa caletta Yal Ku tra scogli, acqua limpida e pesci tropicali dove giungiamo attraversando a piedi le spiagge di Akumal. Serata a Playa del Carmen con veloce cena sulla turistica quinta strada tra flotte di turisti di tutto il mondo poi pernotto.Il giorno dopo un po di spiaggia e trasferimento a Cancun dove andiamo a vedere l'animazione notturna della zona Hoteliera,una Disneyland caraibica, e pernotto nello stesso alberghetto del primo giorno.Il nostro tour è finito in anticipo e così decidiamo per una puntatina a Cuba(vedi relativo Tour). Al nostro ritorno a Cancun andiamo a fare il bagno nella zona Hoteliera, il mare è turchese, la spiaggia chiara ma l'orizzonte è chiuso da tristi costruzioni alberghiere senz'anima, un vero squallore.Dormiamo ancora una volta nell'alberghetto di Cancun dopo aver pranzato in un ristorante italiano di recente apertura. Il giorno seguente torniamo a Playa del Carmen per prendere il veloce traghetto per l'isola di Cozumel. Da qui con una barchetta raggiungiamo il rif dove in tre diversi punti per la prima volta nella mia vita mi cimento nel piacevole snorkelling.Dopo la bella esperienza andiamo a prendere un po di sole sull'affollata spiaggia di Cozumel poi riprendiamo il traghetto per Playa del Carmen da dove ripartiamo per Cancun. Pernotto nel solito alberghetto. L'ultimo giorno di Messico lo trascorriamo sulla spiaggia di Tortuga tra la laguna di Cancun e il Mar dei Caraibi e di fronte all'Isola Mujares.Nel tardo pomeriggio raggiungiamo l'aereopoirto dove prendiamo l'aereo per Roma via Amsterdam.
Il viaggio complessivamente è stato molto interessante, abbiamo cercato di toccare tutti gli aspetti che la zona offriva:resti maya, spiagge caraibiche, barriere coralline, cascate, città coloniali, villaggi e tradizioni indios.
Non ci siamo mai sentiti in pericolo anche se a Palenque abbiamo evitato una truffa:ci volevano vendere un escursione dove probabilmente ci avrebbero teso un imboscata per derubarci. Non abbiamo fatto alcuna vaccinazione preventiva ma siamo stati attenti al mangiare(niente frutta,niente verdura cruda,solo acqua in bottiglia chiusa anche per lavarci i denti) evitando anche la diarrea.
Gli spostamenti a terra sono stati fatti in Bus in Yucatan e Quintana Roo; in taxi collettivo in Chiapas.
Per la cronaca abbiamo toccato gli Stati di Qintana Roo, Chiapas, Tobasco e Yucatan.
La spesa è stata relativamente bassa, da tenere presente che il Chiapas è molto economico mentre la zona tra Tulum e Cancun è abbastanza cara.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...