Il Giappone in fai da te

località: tokyo, kyoto, kanazawa, takayama, hiroshima ed osaka
regione: giappone
stato: giappone (jp)

Data inizio viaggio: sabato 13 settembre 2008
Data fine viaggio: lunedì 29 settembre 2008

“ Il Giappone???” Con questa domanda ed una faccia piuttosto sbalordita ci guardavano le persone a cui parlavamo della nostra destinazione per le vacanze estive. Ed, invece, noi molto attratti da questa meta insolita abbiamo continuato a documentarci e a prepararci in attesa della tanto desiderata partenza. Per prima cosa è bene sfatare il mito che il Giappone sia una meta esageratamente cara; complice l’avvento dell’euro ora anche questa meta è più abbordabile ovviamente affidandosi al “ fai da te”. La cosa più importante è muoversi per tempo ed organizzarsi bene prima della partenza viste le difficoltà linguistiche a meno di non parlare il giapponese, ovviamente. Per la ricerca del volo è utile affidarsi alle principali agenzie online e, muovendosi con buon anticipo, è possibile trovare buone offerte sia per voli diretti dall’Italia che in caso di scali nelle città europee. Come comportarsi per gli hotel è una scelta molto personale in quanto il Giappone offre sistemazioni di diverso tipo dai business hotel alle eleganti catene internazionali fino ai tradizionali ryokan dove consiglio di trascorrere almeno una notte per dormire sui futon. Per le prenotazioni si può scegliere di effettuarle direttamente dall’Italia oppure appena arrivati a destinazione approfittare degli efficientissimi Uffici Turistici. Noi abbiamo optato per la prima opzione per le difficoltà linguistiche. Il sistema migliore per muoversi al di fuori delle città è il treno che permette spostamenti veloci e non particolarmente difficoltosi. Il servizio ferroviario è garantito dalla JR, le ferrovie giapponesi, che utilizzano treni ad alta velocità come gli Shinkansen od il velocissimo Nozomi. Per il turista la scelta migliore è sicuramente il Japan Rail Pass , un pass acquistabile esclusivamente al’estero che permette di muoversi liberamente su tutta la rete ferroviaria gestita dalla JR. In Italia il Pass è acquistabile in alcune agenzie specializzate per i viaggi in Giappone che rilasciano dei voucher nominali che, una volta arrivati a destinazione, devono essere cambiati negli uffici JR che si trovano sia in aeroporto che nelle stazioni. Utilizzare il treno è poi piuttosto semplice anche perché in tutte le stazioni le indicazioni sono bilingue e sulle banchine dei binari si trovano addetti pronti a dare informazioni. È inutile dire che i treni sono ordinatissimi e pulitissimi oltre che estremamente puntuali. Più volte nel corso del nostro viaggio abbiamo controllato l’orario ma il treno è sempre partito in perfetto orario proprio allo scoccare del minuto previsto. Per muoversi all’interno delle città molto utili sono sia la metropolitana che gli autobus. Per la metro il meccanismo sembra complesso ma in realtà non è così. Sopra i distributori automatici si trovano mappe della metro, in genere bilingue, con indicati i prezzi per la stazione desiderata. In caso di dubbi è meglio prendere la tariffa minima e poi alla propria stazione si effettua l’adeguamento della tariffa. Per gli autobus il sistema è ancora una volta diverso. Non è necessario acquistare il biglietto prima della partenza ma lo si prende direttamente in vettura. Appena saliti sul bus si prende un biglietto che riporta il numero della fermata e poi sul display vicino all’uscita compare il prezzo da pagare. Al momento di scendere si paga il biglietto in una macchinetta automatica dove è necessario mettere l’importo esatto. Ovviamente a fianco si trova una macchinetta per il cambio. Altro aspetto non di minore importanza è la gastronomia. Ed anche qui il Giappone è una vera sorpresa perché ogni luogo offre una vasta scelta di ristoranti con una grande varietà di cucina. Ovviamente a farla da padrona è la cucina nipponica ma non mancano le altre cucine asiatiche come la cinese o la thailandese, la cucina messicana, quella spagnola ed, ovviamente, tantissima cucina “ itariana” ( è così che i giapponesi chiamano la nostra cucina). Ed i prezzi? A meno che non si cerchino ristoranti di alto livello i prezzi sono davvero molto abbordabili e, nella maggior parte dei casi, più bassi che in Italia. Noi non siamo amanti del sushi ma la scelta è davvero ampia con prezzi davvero molto più bassi rispetto ai nostri. Suggerimenti su cosa assaggiare?? Se come noi non amate il sushi non preoccupatevi non si muore di fame, anzi. Da assaggiare sicuramente il tempura, ma anche le diverse varietà di pasta come i soba, i ramen o gli udon, e poi il riso, gli onigiri e molto altro ancora. E cosa si può dire dei giapponesi? Sono davvero fantastici. Per prima cosa sono davvero molto rispettosi ed educati e, soprattutto, sempre pronti ad esserti di aiuto a volte anche se non richiesto. Certo la comunicazione non è semplicissima ma con pazienza e qualche gesto ci si capisce benissimo e ci si diverte pure. Per lo shopping ed i souvenir il Giappone è il luogo ideale. Qualsiasi città più o meno grande è un paradiso dello shopping. In particolare nelle città più grandi si trovano enormi centri commerciali dove è possibile trovare di tutto in particolare dei marchi occidentali più prestigiosi. Non mancano ovviamente i negozi di souvenir dove è possibile trovare di tutto dai kimono di differente prezzo, al sakè, alle bambole kokeshi fino all’onnipresente Hello Kitty.

Per il diario completo e le fotografie di questo viaggio visitate il nostro sito internet.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...