All’ombra dei ciliegi in fiore…

località: tokyo, hakone, takayama, shirakawago, kanazawa, kyoto, hiroshima, miyajima, nara, nikko, yokohama
stato: giappone (jp)

Data inizio viaggio: mercoledì 8 aprile 2009
Data fine viaggio: giovedì 30 aprile 2009

...abbiamo passato un meraviglioso e indimenticabile viaggio di nozze!
Quando Luigi mi ha proposto il Giappone come meta son rimasta un po’ perplessa, nei miei sogni di bambina immaginavo il viaggio di nozze all’ombra delle palme su qualche spiaggia caraibica ma ammetto che mi son ampiamente ricreduta e non potevamo scegliere Paese migliore!
Per conto nostro abbiamo prenotato il volo a/r Roma-Tokyo mentre per l’itinerario del viaggio ci siamo affidati alla Jalpak di Roma che ha provveduto anche a tutte le prenotazioni degli hotel.
L’itinerario è stato questo: partenza 8 aprile da Roma e arrivo a Tokyo il 9, dal 12 al 14 HakoneTakayama, dal 16 al 18 ShirakawagoKanazawa, dal 18 al 21 Kyoto poi il 22 Hiroshima, il 23 e il 24 la bellissima isola di Miyajima e da ultimo rientro a Tokyo dove siamo stati fino al 30 aprile (data della partenza) ad eccezione del 26 che ci siamo spostati a Nikko dove abbiamo dormito una notte e le escursioni in giornata a Nara e Yokohama. Il clima è simile al nostro ma il periodo migliore per visitare il Giappone credo sia sicuramente aprile/maggio…periodo in cui c'è la ‘hanami’ ... l’usanza giapponese di contemplare la fioritura primaverile degli alberi dei ciliegi da fiore che sono di una spettacolare bellezza!!
Ammetto che abbiamo sofferto un po’ il caldo (tranne due giornate di temporale) e non oso pensare a luglio o ad agosto che livelli raggiunga l’umidità.
Ad un primo impatto le città non sono il massimo…metropoli caotiche con palazzi alti, stretti e vicinissimi tra loro…praticamente molti balconi hanno la vista sull’interno dell’abitazione del palazzo accanto..una tristezza!
Da una parte c’è un paese proiettato nel futuro dove tutti hanno sempre in mano il cellulare o l’immancabile ipod, i treni ‘shinkansen’ ad alta velocità che ti portano ovunque, grattacieli illuminati dalla mattina alla sera con insegne scorrevoli o mega schermi che proiettano pubblicità, praticamente un fumetto a cielo aperto…dall’altra parte invece c’è un paese legatissimo alla tradizione giapponese.
Si torna indietro di secoli davanti a imponenti templi shintoisti, tori di legno rossi o in pietra, giardini zen curatissimi o foreste di bambu’, antiche case di commercianti, cantine di sakè e ti aspetti incontrare da un momento all’altro una geisha (vista!) o un samurai!
Il viaggio è stanto indubbiamente impegnativo ma organizzato bene e siamo riusciti a vedere molto...grazie anche al Japan Rail Pass da 21gg (c'è anche da 7 e 14) che consiglio vivamente di fare perchè convenientissimo e indispensabile.
E' l’abbonamento alla JR (rete ferroviaria giapponese) acquistabile solo fuori dal Giappone e da convalidare in loco e garantisce gli spostamenti con gli spettacolari shinkansen che coprono tutto il territorio, con i treni locali JR e a Tokyo l’utilizzo della Yamanote line (una linea circolare che tocca tutti i punti di interesse).
Con una buona guida ci si orienta bene ma occorre sempre focalizzare dei punti di riferimento in quanto, specie nelle grandi stazioni (praticamente delle città nella città), è facile perdersi.
L’inglese è parlicchiato ma onestamente i giapposotti che abbiamo incontrato noi non lo parlavano bene bene anche se hanno fanno di tutto per farsi capire pur di aiutarci!
Dovunque vai è un coro di “Ashimase!” e inchini (è il loro benvenuto), le ragazze son molto belle e hanno fatto del gambaletto una moda, le vedi girare o firmatissime da capo a piedi o vestite in eleganti kimono o come un cartone animato..un mito!!
Il mangiare è stata la nota dolente... io che non ho problemi e mangio pure i sassi ho perso solo un kg, Luigi addirittura 5!Per colazione ci sono le catene tipo Starbuck e con 5€ un cappuccino e una torta ti salvano la mattinata, a pranzo ci si arrangiava comparando l'occorrente per panini, frutta o dolci nelle catene di supermercato Familymart o Lawson che trovi ad ogni angolo di strada così come i distributori di bevande con l'immancabile the verde. A cena si rimediava una pizza (da andare a Tokyo - Roppongi Midtown - alla mitica pizzeria napoletana 'Napule' del 'pizzettaro' giapponese vincitore del premio miglior pizza dal 2006 e conoscerete anche il mitico Antonio di Napoli che ci ha fatto sentire tutto il calore italiano!) o il buonissimo manzo di kobe fatto alla griglia o qualche brodaglia indecifrabile. L'impatto col sushi non è stato molto positivo ma è sicuramente da provare così come i miso o i soba, spaghetti di grano saraceno freddi o caldi in brodo accompagnati a tempura di pesce o verdure.Pochi ristoranti hanno il menù in inglese ma in ogni caso si trovano o riproduzioni finte dei piatti o foto.
Noi abbiamo soggiornato in hotel 3 stelle prezzo medio 120€ a notte senza colazione (meglio non farla in hotel...troppo cara!) onestamente son meglio i letti separati perchè il matrimoniale è grande quanto un singolo! I bagni son piccolissimi ma funzionali...il wc è un mito...tavoletta riscaldata con tutti pulsantini per lavarsi e scaricare l'acqua.Cambio delle lenzuola tutti i giorni, connessione gratis a internet in camera se avevi un pc personale altrimenti molti hotel la fan pagare 100yen per 10minuti. Nonostante gli hotel fossero tutti vicino alle stazioni principali devo dire che ci siamo sempre trovati bene, sono città sicure e la sera si cammina tranquillamente.
A proposito di stazioni...chiudono verso mezzanotte e quindi dalle undici di sera in poi è un delirio di gente per l'assalto al vagone!
Nell'incantevole Miyajima abbiamo dormito in un ryokan...le tipiche strutture tradizionali giapponesi con il tatami per terra, le pareti in carta di riso...son veramente belli ma un po' troppo cari.
Sono anche dotati di onsen..bagni pubblici termali...esperienza da fare ma occorre seguire delle regole e stare attenti alla temperatura!
Sono separati tra uomini e donne, visto che poi si sta nudi ci si può andare direttamente vestiti con lo yukata (vestaglia di cotone che trovi in ogni hotel/ryokan che vai!), si fa una doccia prima di entrare e poi ci si immerge in quest'acqua bollente!!Più di dieci minuti non si resiste!!
Insomma decisamente un bel viaggione...il Giappone ha tante tante bellezze da scoprire...anche camminare per i vicoletti delle città è interessante...una cultura e un popolo veramente unico e comunque i giapponesi son proprio tanti!!!Tutti ordinati, uguali e precisi...anche troppo...e dovunque vai è tutto pulitissimo..per strada è vietato fumare (tranne nelle smoking area dove vedi decine di persone 'fumanti' vicino ad un unico portacenere) e non trovi una carta per terra nonostante non ci siano cestini per i rifiuti!
Gli uomini d'affari hanno tutti il loro bel completo giacca e pantalone e l'immancabile valigetta, gli studenti tutti in divisa...Troppo perfetti...e forse sarà tutta una apparenza visto che poi di sera questi perfetti uomini di affari e molte ragazze camminano barcollando per il troppo alcol assunto!


Condividi questo articolo se ti è piaciuto...