A spasso per Macao

località: macau
stato: macao (mo)

Data inizio viaggio: domenica 9 dicembre 2007
Data fine viaggio: mercoledì 12 dicembre 2007

Macao, penisola che si allunga 5 km dalla frontiera cinese, è lontana dalla vita frenetica di Hong Kong, dai suoi ritmi di vita, dallo sviluppo economico...eppure bella, placida, è uno dei principali luoghi turistici, ospita ben dieci milioni di visitatori l’anno, molti dei quali di Hong Kong e in cerca di fortuna nei numerosi casinò che sono disseminati in questo luogo.

A Macao si respira forte l’atmosfera dell’antica dominazione portoghese, soffia da per tutto un’aria rilassata tipicamente mediterranea, ed è strano e bello notare questo perfetto impasto di occidente e oriente. (Foto 1)

Le strade acciottolate e sinuose, la temperatura dolce, i sapori e gli odori della cucina, rendono una delizia camminare per le sue strade.

Arrivare a Macao da Hong Kong è molto semplice, partono continuamente dal Macao Terminal Ferry comodi e veloci aliscafi che in un’ora conducono a destinazione.

Appena si arriva al porto è possibile prendere un taxi o un autobus (ne passano in continuazione) che porta in pieno centro, nel cuore di Macao, nella zona più vecchia e antica, che poi è anche la più bella. (Foto 2)

Arrivati la prima cosa che colpisce è Largo Senado, una piazza tra le più antiche dell’Asia e tra le più caratteristiche, lastricata da larghe strisce nere e abbellita da una fontana zampillante al centro. (Foto 3)

La piazza è contornata da edifici in stile coloniale e barocco, color pastello, a tinte calde, uno tra i più belli è il Leal Senado, dalle finestre con imposte verdi, la facciata chiara, fiancheggiato da una scala di pietra che conduce ad un giardino e alla biblioteca e all’aula del Senato.

Spicca per la sua facciata bianca, in mezzo ai colori vivaci degli altri fabbricati, la Santa Casa della Misericordia, una delle missioni più antiche di questi luoghi. (Foto 4)

Se si continua a passeggiare è possibile raggiungere la Igreja de Sao Domingos, una tipica chiesa coloniale portoghese in stile barocco, dalla facciata gialla, bellissima anche all’interno, con un altare imponente e centrale color crema. (Foto 5)

E’ bello camminare in queste strade sempre cariche di persone, turisti, studenti, che ridono, passeggiano, alla ricerca e alla scoperta dei sapori di questa bellissima penisola.

Anche in questo posto sono numerosi i banchetti di dolci e cucina da strada, specialmente nei pressi di monumenti e luoghi turistici gremiti di persone, ma sono presenti anche bei negozi, marche conosciute…l’agitazione di Hong Kong è lontana, ma lo sviluppo economico è arrivato anche quì.

Nei pressi della Chiesa di San Domenico e del Museo, che nasce lì a fianco, è possibile incamminarsi verso il monumento che rappresenta Macao, le Ruinas de Sao Paulo, prendendo la via Rua da Pahla, una strada caratteristiche, fatta di case e edifici tipicamente cinesi, con vecchie finestre di legno, balconi piccoli e stretti, regalo di un passato ancora presente.

Ad aprirsi, in cima ad una scalinata, la veduta del simbolo di questa penisola…le Rovine di una chiesa antica…la Chiesa di San Paolo. (Foto 6)

Solo la meravigliosa facciata di pietra è rimasta della chiesa cristiana, risalente agli inizi del 1600 e costruita dai gesuiti; doveva essere splendida, un monumento d’arte cristiana eccezionale.

La facciata è suddivisa in ordini ed è riccamente decorata con statue e sculture. In alto, nella sezione triangolare del culmine si trova una colomba in bronzo, sotto, all’interno di una nicchia, la statua di Gesù Bambino. Nella nicchia sottostante la grande statua di Maria.

Osservando bene tutto si capisce come mai, quando anticamente la chiesa venne terminata, fu salutata come uno dei monumenti cristiani più importanti dell’intera Asia.

La prova è la curiosità che ancora oggi suscitano queste rovine, indubbiamente affascinanti.

Simona Salini

NOTIZIE INTERESSANTI:

* Per raggiungere Macao da Hong Kong è possibile usufruire di due compagnie di traghetti che garantiscono un ottimo servizio con partenze frequenti e collegamenti 24 ore su 24

* Il terminal dei traghetti è collegato con il centro della città attraverso due linee urbane, il 3 e il 3°. Il 3 prosegue fino al confine con la terraferma

* Chiunque vada a Macao da Hong Kong, anche solo per una giornata, deve ricordarsi il passaporto perché viene sempre chiesto all’arrivo

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...