Maiton e Phi Phi Island

stato: tailandia (th)

Data inizio viaggio: domenica 26 gennaio 2003
Data fine viaggio: domenica 2 febbraio 2003


Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

domenica 26 gennaio 2003

Arrivando in barca, già si intuisce il Paradiso che ti aspetta: una collinetta che emerge dal mare, ricoperta da una vegetazione lussureggiante in cui sono sparsi i bungalows, una spiaggia abbagliante, ed un mare turchese.
L'isola è abbastanza lunga e la parte riservata al resort, si estende per circa 700-800mt lungo la spiaggia. Gli unici mezzi presenti sull'isola, sono delle macchinette elettriche tipo golf, che servono per portare i bagagli nelle camere.
Le sistemazioni, 120 camere, si dividono in fronte mare (le più costose), e in "seconda linea"; queste ultime possono essere sparse sulla collina, raggiungibili con un centinaio di gradini, ma dominanti dall'alto una splendida vista sul mare e sull'isola.
Consiglio per comodità di richiedere una sistemazione vicina ai servizi centrali;
le camere sono leggermente spartane, ma molto spaziose, con un bel patio; bisogna però condividerle con qualche jackie, ma ci si abitua subito e di solito non entrano in camera, anche perchè ci sono le zanzariere.
La spiaggia è molto bella, il mare trasparente anche quando è mosso; con una brevissima nuotata, si raggiunge una discreta barriera corallina (circa 30mt dalla riva) piacevole per lo snorkelling, ma molti pesci arrivano anche a riva, ed a volte, verso sera, ci si trova a fare il bagno circondati da pesciotti bianchi molto curiosi. Oltre la barriera, alcuni hanno visto anche degli squali di media grandezza; noi ne abbiamo visti un paio addirittura dal pontile, ma proprio piccolini. In certe occasioni, quando il mare diventa calmo come l'olio, arrivano anche dei delfini a giocare.
La spiaggia è leggermente affollata nella parte iniziale dell'isola, dove i lettini sono un pò ravvicinati; ma proseguendo lunga la spiaggia, ci si può accomodare dove meglio si crede, ed i lettini distanto una cinquantina di metri gli uni dagli altri.
CUCINA: scelta infinita con 4 ristoranti; a mezzogiorno, ristorante principale con cucina internazionale, oppure snack su una terrazza sul mare, con pizza, pasta, sushi, grigliate di carne e di pesce.
La sera, a scelta, ristorante principale a buffet, oppure, su prenotazione, ristorante thai o ristorante specialità pesce, con ottime grigliate di crostacei e altre specialità.
Il resort è ALL INCLUSIVE: consumazioni libere al bar dal mattino a mezzanotte.


PERIODO: il periodo ideale va da fine dicembre ad fine marzo, quando il clima è secco e le precipitazioni sono scarse: d'estate invece, sale l'umidità e spesso piove. Noi abbiamo trovato sempre bel tempo, a parte un 15 minuti di pioggia e qualche nuvola.
COSTI: una notte a persona in all-inclusive da € 75 (bassa stagione) a € 130 (agosto e capodanno),con una media di € 110 in alta stagione(da gennaio a marzo).
Insomma un posto dove si può scegliere se starsene per i fatti propri (e gli spazi non mancano), fare amicizia (la clientela è principalmente italiana), o, perchè no, entrambi.


ESCURSIONI: un'escursione da non perdere, unica e magnifica, è PHI PHI ISLAND. Purtroppo fatta col Ventaglio è molto cara, specie rispetto a quanto trovato su altri cataloghi. Se non mi ricordo male in 2 abbiamo pagato sui 150 euro. Una volta fatta l'escursione però, abbiamo capito il motivo di un prezzo così esagerato: l'escursione viene fatta con motoscafo privato, max 10-15 persone, in un'ora si arriva a PhiPhi, quindi ci si ferma in tutte le migliori spiagge delle due isole, si fa un sosta per lo snorkelling, e si visitano le baie più famose, e assicuro, si vedono alcuni dei paesaggi più belli del mondo. Quindi si sosta per il pranzo nel villaggio principale, con mercatino e possibilità di fare una passeggiata massacrante per ammirare un paesaggio da "cartolina" (faticoso ma ne vale la pena, perchè la vista dall'alto è spettacolare).
Le classiche escursioni invece, costano circa la metà, ma si fanno tramite traghetto da Phuket che impiega circa 2 ore, quindi portano al villaggio principale e basta (il mare qui non è eccezionale); poi, se si vogliono visitare le spiagge, bisogna prendere le motobarche locali, ma il tempo non è più sufficiente; è per questo motivo che prima di partire avevo letto delle opinioni negative circa questa escursione.
Insomma, vale veramente la pena di spendere qualcosa in più.
Superfluo dire che 12 ore di viaggio+costo del volo per andare in una spiaggia sono un spreco, per cui questa è una vacanza da abbinare ad un bel tour della Thailandia.


(aggiornamento 2005: Il Maiton Island Resort non è più di gestione Ventaglio).