Albania, Kosovo e Macedonia - estate 2018

località: tirana, kruje, scutari, berat, argirocastro, ksamil, saranda, apollonia, butrinto, durazzo, porto palermo, borsh
stato: albania (al)

Data inizio viaggio: giovedì 16 agosto 2018
Data fine viaggio: domenica 26 agosto 2018

L’idea del viaggio in Albania era già stata più volte sollecitata dalla gentil consorte, avendone sentito ben parlare , mentre a me già da anni stuzzicava l’idea di vedere la capitale macedone Skopje. Non potendo quest’anno per problemi familiari prenotare in anticipo il solito “viaggione”, l’idea di partire in auto e sfruttare il traghetto da Bari direzione Albania si fa largo rispetto a qualsiasi altra possibilità; a 20 giorni dalle agognate ferie finalmente abbiamo conferma che possiamo lasciare i nostri cari senza alcuna preoccupazione per goderci una meritata vacanza, ed in pochi minuti il piano di attacco del territorio prende forma. I prezzi per i traghetti per Montenegro e Grecia , che ci avrebbero permesso di rivisitare il Montenegro, e spingerci a sud fino alle Meteore, hanno ormai prezzi troppo alti, e le distanze peraltro sarebbero eccessive per permetterci del tempo adeguato a gustarci la meta principale del viaggio, l’Albania. Leggendo la vecchia ma fedele Lonely Planet scopro che in Macedonia sarebbe presente la meta più interessante degli interi Balcani, Ocrida; pochi giorni a disposizione, 13 forse, e tante cose da vedere; situazione stradale in Albania non delle migliori; utilizzare il confine macedone da Ocrida sia in andata che al ritorno significherebbe rinunciare alla Albania del Nord, quindi comincio a cercare un varco che ci permetta di estendere il nostro viaggio, evitando le strade peggiori, magari alla ricerca di siti Unesco poco conosciuti. Su alcuni diari di viaggio leggo che il confine tra Albania e Kosovo è percorso da una moderna autostrada; in merito alla sicurezza, evitando le zone vicino il confine Kosovo-Serbia e le strade meno trafficate, non dovremmo aver problemi; inoltre anche il confine Kosovo-Macedonia è sicuro, anch’esso percorso da autostrada, che porta fino a Skopje. L’itinerario è quindi pronto, verifico la presenza di traghetti disponibili, blocco il Bari-Durazzo del 15/8 e purtroppo sono costretto a prenotare il rientro (Durazzo/Bari) il 26/8 perché altre date sono già sold out. Budget limitato, tempi ridotti, decido sì di visitare il primo giorno Scutari, ma di non farmi incantare dal suo lago (visiteremo il più rinomato Lago di Ocrida sul lato macedone); decido inoltre che anche Tirana non meriti una lunga visita rispetto ad altri siti di interesse. Dormiremo quindi le prime due notti a Kruje, in un affittacamere dentro le mura del castello, quindi ci sposteremo in Kosovo dove dormiremo a Prizren (che valuto non a torto ben più interessante di Pristina), per spostarci il giorno dopo (19/8) a Skopje (dopo una breve visita al Monastero di Gracanica, Patrimonio Unesco). Il 21 agosto ci spostiamo verso Ocrida, dove dormiamo 2 notti, sostando qualche ora a Bitola. Il 23 agosto rientriamo in Albania per visitare i siti Unesco Berat e Argirocastro (qui pernottiamo), prima di spostarci verso la costa a Ksamil e trascorrere gli ultimi giorni di vacanza.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...