innsbruck

località: innsbruck
stato: austria (at)

Data inizio viaggio: venerdì 4 agosto 1995
Data fine viaggio: sabato 5 agosto 1995

Quest'anno si è deciso di andare in Sud Tirolo (italiano) e visto che arrivare in Austria è uno sputo si oltrepassa il confine e si va a visitare Innsbruck e Salisburgo, il viaggio è abbastanza lungo, soprattutto per Salisburgo ma ne vale veramente la pena. Per i pernottamenti non abbiamo avuto difficoltà a trovare quelli che da noi sono considerati agriturismo e i prezzo sono abbastanza regolari.
La città di Innsbruck si è originata sul luogo di quella che fu l'antico castrum romano di Veldidena. Prende il suo nome da Inn e bruck, cioè ponte sul fiume Inn e rimase una località di confine per tutta l'epoca dell'Impero Romano. Nel 1232 fu elevata al rango di città e nel 1248 passò tra i domini dei conti del Tirolo, per poi essere ceduta a Rodolfo IV d'Asburgo, che la nominò capitale del Tirolo, nel 1363. Divenuta residenza ufficiale dell'Imperatore Massimiliano I, la città conobbe un periodo di grande splendore e di incremento economico tra il XVI ed il XVII secolo. Con la Pace di Presburgo (1805) passò alla Baviera per poi tornare legittimamente all'Austria con il Congresso di Vienna nel 1815. Nella storia moderna venne occupata temporaneamente dalle truppe italiane nel 1918 per poi essere gravemente bombardata durante la seconda guerra mondiale. Di grande pregio artistico è sicuramente il Goldenes Dachl (il Tettuccio d'Oro), il balcone del palazzo residenziale di Massimiliano I contraddistinto da un tetto realizzato con tegole a scaglie di rame dorato e parapetti riccamente affrescati da Kolderer e N. Turing il Vecchio. Edifici in stile tardo medioevale sono limitati al centro storico, mentre lo stile neogotico si ripropone in alcuni edifici come la Hofkirche (1533-1563), una chiesa a tre navate progettata da Andrea Crivelli. La tomba di Massimiliano I, grandiosa nelle sue forme e contraddistinta da 28 statue bronzee, che si trova al suo interno, è in stile rinascimentale. Di una certa importanza è anche la torre del municipio, complesso risalente al 1358. Al periodo barocco appartengono invece alcuni edifici sacri come la chiesa dei Gesuiti, la Mariahilfkirche, la chiesa e il convento di Wilten, ma anche edifici privati come il Palazzo Fugger e il Palazzo della Dieta Provinciale. Di rilevanza è anche il castello della città, il Castello di Ambras.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...