In colonia in Belgio

località: bruxelles, namur, faulx les tombes, han, dinant, brugge, gent, ostenda, liegi, etterbeek
regione: vallonia
stato: belgio (be)

Data inizio viaggio: venerdì 12 agosto 1983
Data fine viaggio: sabato 27 agosto 1983

Questo è uno dei miei primi viaggi all'estero e certamente il primo senza essere accompagnato da uno dei miei familiari. Avevo 17 anni e presi parte al soggiorno in colonia organizato dal mio Comune che a quel tempo era gemellato con Etterbeek, uno dei 19 Municipi che compongono l'area della Capitale Bruxelles. In effetti però non alloggiavamo a Etterbeek ma in un paesino tra le colline delle Ardenne, Faulx les Tombes, non molto lontano da Namur. In questo ameno paese il Comune di Etterbeek aveva la propria colonia estiva e qui noi alloggiavamo insieme ai ragazzi belgi. La colonia era una grande casa di campagna ubicata nei pressi di un turrito castello adibito ad Hotel. Il soggiorno di due settimane fù molto piacevole, avevamo a disposizione un campo da tennis, un maneggio e tanto verde. Il ristorante si trovava su una collina che dovevamo raggiungere a piedi percorrendo una lunga scalinata. In quel luogo immerso nella natura facevamo piacevoli conoscenze con i nostri coetanei di Etterbeek. Da Faulx les Tombes in pulman partivamo per delle interessanti gite istruttive e non solo. Tra queste ricordo la visita della Capitale Bruxelles con la spettacolare Grand Place circondata da antiche nobili case, la statuetta del bambino che fa la pipì e il Padiglione Cinese. Salimmo anche sull'Atomium, il monumento simbolo della Città. Ci portarono anche ad Etterbeek a visitare un grande centro sportivo. Un'altra interessante escursione ci portò sulla spiaggia di Ostenda passando per Gent, dove visitammo l'austera Cattedrale, e fermandoci a Brugge. Quest'ultima la trovai davvero incantevole con i suoi canali che percorremmo in barca, le vetuste case che vi si affacciano, i conventi di beghine ed una romantica fontana con cavalli. In un'altra occasione visitammo il centro storico di Liegi. La gita per noi ragazzi più entusiasmante però era quella a Dinant e Han. Qui avevamo occasione di visitare una grotta ed affrontare in canoa la discesa del fiume Lesse. Un po remando, un pò facendosi trasportare dalla corrente superavamo anche due piccole cascate. Namur era invece una tappa obbligata visto che qui eravamo arrivati in treno dall'Italia e da qui ripartimmo con molta nostalgia.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...