1973 Ancora in Yugoslavia

località: mostar – jaice – sarajevo - dubrovnik
regione: slovenia-croazia-serbia-bosnia erzegovina-
stato: bosnia e herzegowina (ba)

Data inizio viaggio: giovedì 23 agosto 1973
Data fine viaggio: giovedì 30 agosto 1973

Stavolta visiteremo per bene la Yugoslavia. Prima tappa Zagabria, poi Beograd, Jaice in Bosnia-Erzegovina, Mostar, Sarajevo. Posti bellissimi. Persone molto diverse da noi, a Mostar i contadini indossano ancora vestiti ottomani, anziché le chiese vediamo moschee. Il quartiere ottomano con il suo mercato a Sarajevo ci appare bellissimo. Saliamo sui tram che vanno ad una velocità pazzesca. Per la valle della Neretva scendiamo verso l’Adriatico. Passiamo da Dubrovnik che visiteremo il giorno dopo e ci fermiamo in un campeggio a Cavtat. A Dubrovnik è bellissima vista dall’alto, per le calle sembra di essere a Venezia. Il giorno dopo siamo al Cataro, è un fiordo lunghissimo, vorremo andare fino in fondo ma è troppo lungo. Dopo 3 giorni partiamo per il viaggio di ritorno, a Drvenik ci imbarchiamo su un traghetto che attraversa il breve stretto per l’isola di Hvar. Dal traghetto il mare è bellissimo e limpidissimo, una tartaruga ci segue. A Hvar campeggiamo, poi la attraversiamo e ci imbarchiamo per Split (Spalato) che purtroppo non visitiamo. Saliamo verso Zadar e Rijeka lungo la costa. Viaggio Lunghissimo e faticosissimo. E’ tutto un susseguirsi di insenature, un dentro e fuori che non finisce mai. Finalmente siamo a Rijeka e poi a Opatija, dove ci fermiamo nel solito campeggio degli altri anni. Ci riposiamo delle fatiche del viaggio e recuperiamo le forze, poi si tornerà a casa dopo una nuova visita alle grotte di Potojna. Anche questo è stato un viaggio molto interessante. In Yugoslavia torneremo ancora, abbiamo ancora tante cose da vedere ed il costo per noi è molto conveniente. A presto

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...