A casa di babbo natale

stato: finlandia (fi)

Data inizio viaggio: giovedì 20 settembre 1990
Data fine viaggio: lunedì 24 settembre 1990

La Scandinavia fino al Circolo Polare Artico, tutta in treno. Un viaggio lungo un mese attraverso Italia, Svizzera, Germania, Danimarca, Svezia, Norvegia e Finlandia. Fino a Rovaniemi, la città di Babbo Natale, nel freddo del nord Europa.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

giovedì 20 settembre 1990

Dopo una notte trascorsa al freddo in poltrona, arriviamo a Turku. Da lì partiamo subito, di nuovo in treno, per Helsinki. Nella capitale arriviamo a metà mattina: c'è un bel sole, ma la città ci colpisce per la diversità con le altre capitali scandinave. E' meno bella, meno elegante, meno curata. Le case, i palazzi, sono squadrati, monotoni: sembra più vicina ad una città russa, ma è più vicina alla Russia. Dormiamo dentro allo stadio Olimpico, che ospita un ostello. Helsinki, in definitiva, non ci piace. Non abbiamo 21 anni, e non ci fanno nemmeno entrare nei pub. La stagione è morta per il turismo, c'è poca gente in giro, e fatichiamo anche a trovare un ristorante.

sabato 22 settembre 1990

Dopo nemmeno due giorni di Helsinki decidiamo di partire verso il nord, verso il nostro primo obiettivo: Rovaniemi, al Circolo Polare Artico, la citta di Babbo Natale. Ci vuole quasi un giorno di treno per arrivarci, tra laghi, conifere e una pianura sterminata. Dobbiamo persino farci un pezzo in autobus, da Kemi a Tomio, perchè la linea è interrotta. Quando arriviamo fa un freddo boia, le mani si incollano al ferro se non si sta attenti. Ma l'ostello è caldo è carino. Il mattino dopo partiamo per il Circolo Polare Artico: non vediamo l'ora.

domenica 23 settembre 1990

Arriviamo al Circolo con un autobus sul quale abbiamo conosciuto, incredibile ma vero, un tipo che viene dal Madagascar, che vive proprio in quel posto dimenticato da Dio. Ma non da Babbo Natale, che proprio sulla linea del Circolo Polare ha il suo villaggio. Tante belle ragazze vestire di rosso ci vendono tanti souvenir, mentre ci compriamo anche l'attestato d'ave varcato la linea polare. C'è anche una torretta dalla quale si ammira il panorama: in cima una coppia di Torino.
Completata la visita torniamo a Rovaniemi, è ora di scendere verso sud.

lunedì 24 settembre 1990

Torniamo a Helsinki passando un'altra giornata in treno, poi andiamo a Turku e da lì di nuovo il traghetto che ci riporterà a Stoccolma. Stavolta abbiamo preso le cuccette e la notte passerà in maniera decisamente diversa. Alla stazione di Turku le solite belle ragazze che vendono frutta: quella delle belle ragazze, in Scandinavia, è una costante. Non conta la nazione...