Francia parte 2°

regione: bretagna
stato: francia (fr)

Data inizio viaggio: lunedì 16 agosto 1999
Data fine viaggio: giovedì 19 agosto 1999

In Bretagna si sovrappongono suggestioni storiche e letterarie. Dalla commistione di temi cristiani, leggende tradizionali e memorie dei culti druidici nascono qui,nel medioevo, le storie del ciclo di re Artù che verranno poi cantate da poeti di tutte lecordi d'Europa. In questa terra di grandi navigatori avevano i loro poti i corsari di Francia nel XVI secolo e, nel secolo successivo, vi tenne le sue sedi principali la Compagnia delle Indie, per gestire i traffici com l'Oriente e le Americhe.
ST. MALO un tempo isoloto fortificato St. Malo domina la foce del fiume Rance. Tra il XIV e il XVI secolo la città raggiunse gloria e ricchezza grazie alle imprese dei suoi navigatori. La vecchia città fortificata è circondata da bastioni dai quali si gode un bellissimo panorama sulla città e sulle isole prospicenti.
COTE D'EMERAUDE lunghe spiagge, promontori rocciosi e classiche località di villeggiatura si alternano sulla costa più settentrionale della Bretagna. Questo tratto di costa, noto come costa di Smeraldo, vanta una delle più esclusive località turistiche del paese: Dinard, scoperta nel 1850 e ancora oggi meta di turismo internazionale. Nella baia De LA FRenaye, dalla torre di guardia del medievale Fort La Latte, si gode n belpanorama, menre il faro che domina Cap Frehel offre una vista ancora più estesa della costa.
DINAN dischiude il suo fascino a colori che sanno dedicarvici il tempo di gironzolare con tutta ranquillità. Magnifica cittadina medievale con più d 1000 anni di storia, questa città sorprende per i suoi molteplii tesori. Ecco le celebri case con le strutture in legn che rimangono i più begli esemplari dell'architettura bretone, i suoi portici e le sue antiche residenze signorili le sue chiese romaniche e gotiche....
ILE DE BREHAT è composta da due isolotti collegati tra loro da un ponte. L'Ile è situata a15 minuti da Ponte de l'Arconest e ha un clima mite adatto ad alberi da frutto, mimose ed oleandri.
Le maree in Bretagna 1700 mkm di coste, di isole, di anse e di promontori e altrettante maree sovrane....l'Armor bretone non concede le mezze misure. Dalla Baia di Mont Saint Michel fino al promontorio di Crozon, da Penmarc'h al golfo del Morbihan, il mare riversa il Suo corteo infinito di sensazioni. Vive, respira, si sposta con un'energia senza pari. La marea sale.....l'aria vibra di un nuovo profuno di rinnovamento. Le ondine prendono la forza e vengono ad arenarsi sulla abbia in un rumore sordo di conchiglie. Al momento in cui sale la marea le rocce spariscono sotto i flutti e i moli sono bagnati da spruzzi....quando viene il riflusso, le acque se ne tornano da dove sono venute. Lento prima, il mare accelera progressivamente il proprio ritmo prima di frenare di nuovo. La spiaggia ritroa i suoi grandi spazi e la sabbia umida ondeggia o si infila sotto il piede nudo. Nelle pozze a cielo aperto, il gamberetto schiaccia un pisolino silenzioso.....
POINTE DU RAZ - ILE DE SEIN un promontorio alto 80 mt proteso sull'atlantico all'esremità di Cap Sizun, offre uno spettacolo mozzafiato sul mare ruggente e sulle rocce frastagliate.
Frutti di mare solo nominandoli si pensa al lusso di una grande soirée. Le ostriche sono il fiore all'occhiello degli allevamenti ittici bretoni. Lungo queste coste la mitilicoltura è attività tradizionale che oggi riesce a sfruttare spazi di mare anche poco estesi e non profondi. Cozze, mliti, vongole e ostriche sono allevati in vivai secondo tecniche diverse.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...