Il fascino di un'antica Repubblica Marinara: Una giornata a Noli

località: noli
regione: liguria
stato: italia (it)

Data inizio viaggio: venerdì 19 agosto 2011
Data fine viaggio: venerdì 19 agosto 2011

Una strada panoramicissima che porta in una favola. Percorrendo l’Aurelia savonese, da Ponente verso Genova, a un certo punto si vede più roccia che strada, più mare che asfalto: uno scenario spettacolare che indica che siamo arrivati a Noli. Capo Noli, con le sue enormi pareti calcaree a strapiombo sul mare, con quella roccia chiara che di più chiaro c’è solo il piumaggio dei gabbiani che si soffermano sopra, e con quel magico sottofondo azzurro del mare, è uno dei tratti più belli della Riviera Ligure di Ponente.
Proseguendo, notiamo un cartello che ci informa di essere entrati nel territorio di un’antica Repubblica Marinara, di cui Noli fu la capitale dal 1192 al 1797, e bastano pochi metri di strada perché davanti a noi appaia una panoramica di Noli, che ci spiega senza parole come mai ci troviamo in uno dei Borghi più Belli d’Italia. Notiamo prima di tutto il Castello di Monte Ursino che dall’alto domina il borgo e un incredibile muro che scende lungo tutta la collina fino al borgo. Una visione insolita, capace di far fare una bella strada in salita perfino ai turisti più pigri: è, infatti, impossibile resistere al richiamo di quella “muraglia” tutta ligure, che affonda le proprie radici nella storia, essendo stata costruita a partire dal secolo XII. Un tempo i due perimetri murari abbracciavano tutta la collina e successivamente anche l’abitato a valle. Saliamo fino al castello seguendo a piedi la strada tortuosa che porta su, fermandoci in ogni curva per scattare foto sempre più panoramiche del golfo e sempre più ravvicinate del castello, il tutto immersi nel profumo e nei colori di un’infinità di fiori che costeggiano la strada. Ammiriamo anche le torri circolari che si susseguono lungo il muro, fino alla torre principale del Castello, citato nei documenti già nel lontano 1004.
A proposito di torri, ne possiamo vedere diverse anche in altri punti della città, a cominciare dalla duecentesca Torre del Comune, fino all’altissima Torre dei Quattro Canti.
La storia di Noli è anche intrisa della leggenda di Sant’Eugenio: arrivato alle coste liguri nel secolo VI “a bordo” dell’Isola di Bergeggi, di cui si narra fosse giunta davanti all’omonimo comune scivolando sul mare, il santo visse poi a lungo sull’Isola. Alla sua morte, le sue spoglie furono traslate a Noli, ma una leggenda ritiene che dal sepolcro nolese la salma fosse tornata sull’Isola da sola...
Passeggiando nel centro storico, caratterizzato da un fronte porticato, il quale un tempo fu il cuore del centro marinaro che disponeva pure di una cospicua flotta navale con cui nel 1099 partecipò alla prima crociata, scopriamo un’infinità di scorci dalla bellezza suggestiva. Visitiamo anche diverse stupende chiese, tra cui la Chiesa di San Paragorio, inserita tra i Monumenti nazionali italiani. Questa chiesa, costruita nel XI secolo in stile romanico lombardo, è stata la cattedrale di Noli fino al 1572, anno in cui il titolo passò alla più centrale Chiesa di San Pietro, nota come la Concattedrale. Dopo aver visitato anche le chiese di San Francesco d’Assisi e di San Michele Arcangelo, scopriamo che a Noli esistono anche i ruderi della Chiesa di San Lazzaro, e dell’annesso lazzaretto, costruito nel secolo XII dai Cavalieri di Rodi per accogliere i numerosi pellegrini e naviganti bisognosi di assistenza.
Dopo questo entusiasmante giro nella storia di Noli, non ci resta che gustare una bella cena in pieno stile marinaro: decidiamo, quindi, di accomodarci presso il Ristorante Da Pino, sul lungomare. Ci sediamo nello spazioso dehor, e mentre iniziamo a studiare il menù, scambiamo quattro chiacchiere con i titolari, i fratelli Luigi e Giorgio. “Il nostro ristorante è particolarmente apprezzato per le specialità di pesce. Ogni mattina alle 6 arriva un peschereccio nel porto di Finale Ligure: decidiamo il menù del giorno sempre in base al pescato. Abbiamo aperto nel 2004 ed è dal 2007 che siamo in questa location che si affaccia direttamente sul lungomare”, ci spiegano i titolari.
Iniziamo con delle seppie al vapore con sedano e parmigiano, del polpo con i funghi porcini e le acciughe marinate con salsina verde. Dopo questi sfiziosi antipasti gustiamo dei tagliolini agli scampi, delle tagliatelle di Barbaja ai gamberi e fiori di trombette, e le pappardelle rosse al ragù di tonno, tutti piatti squisitissimi. Facciamo seguire questi primi da una bella tagliata di tonno, mentre i nostri amici scelgono il pesce al sale e il carpaccio di morone, oltre a diversi altri piatti di pesce alla ligure. Annaffiamo il tutto con degli ottimi vini liguri tra cui il Pigato, il Vermentino, il Rossese e l’Acerbina.
Il dolce epilogo della nostra cena ci vede gustare una coppa di mele caramellate con crema inglese, della torta al cioccolato, e del crème caramel. Dopo cena ci basta attraversare la strada per goderci il magnifico panorama del mare notturno: emozioni e immagini che ci faranno presto tornare a Noli, anche fuori stagione.

Francesca Bertha

PER INFORMAZIONI:
www.comune.Noli.sv.it
Ristorante Da Pino
Corso Italia, 23 Noli (SV)
Tel.: 019/7490065

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...