Una giornata tra le colline: Gita a Casale Monferrato

località: casale monferrato
regione: piemonte
stato: italia (it)

Data inizio viaggio: giovedì 3 novembre 2011
Data fine viaggio: giovedì 3 novembre 2011

Una bellissima città d’arte, immersa nel verde delle colline, circondata da vigneti e attraversata da un grande fiume: il sogno di molti sarebbe quello di vivere in un luogo simile. Siamo sulle rive del fiume Po, le grandi città del triangolo industriale del Nord sono a portata di mano, ma qui al posto del caos delle metropoli regna un’atmosfera da città a misura d’uomo. Eppure Casale Monferrato, la destinazione di questa nostra gita, è una capitale: la capitale del Monferrato.
Il programma della nostra giornata prevedeva una full immersion sia nelle bellezze artistiche che nelle golosità enogastronomiche della città, e abbiamo presto scoperto che l’aspetto artistico e quello vitivinicolo qui viaggiano davvero di pari passo.
Una delle prime mete del nostro giro è la Gipsoteca Bistolfi, all’interno del Museo Civico. L’artista è nato a Casale Monferrato nel 1859 e tra la sue opere più note si annoverano “La sfinge”, “Il boaro” o le imponenti figure simboliche femminili come “La patria” e “Verso la luce”. Nelle cinque sale della Gipsoteca sono esposte oltre centosettanta sue opere. Nel Museo Civico possiamo ammirare anche i capolavori di altri grandi artisti di Casale, come ad esempio i dipinti di Pier Francesco Guala, pittore settecentesco, oltre a numerose altre opere risalenti ai secoli precedenti. Ma a Casale Monferrato sono legati anche diversi grandi personaggi della letteratura e del giornalismo: durante la Prima guerra mondiale Cesare Pavese ha vissuto nel collegio dei padri somaschi, è invece nativo di questa città Giampaolo Pansa.
Durante la nostra passeggiata nell’ampia zona pedonale del centro storico, visitiamo anche alcuni meravigliosi edifici sacri: Il Duomo di Sant’Evasio e la Sinagoga, costruita in stile barocco rococò nel Cinquecento e restaurata nel 1969. Il Duomo, di una bellezza suggestiva, è il monumento più antico di Casale Monferrato, ed è anche una delle più importanti cattedrali in stile romanico lombardo del Piemonte. Tra le altre bellissime chiese di Casale spiccano quella dedicata a San Domenico, fondata nel 1472, e la settecentesca Chiesa di Santa Caterina. A “sorvegliare” l’abitato ci pensa la Torre civica, simbolo della città, di ben 60 metri di altezza, elevata probabilmente nel XI secolo.
Oltre ad essere immersa nel verde delle colline e dei vigneti circostanti, questa graziosa città è molto vivibile anche grazie ai suoi ampi spazi verdi:i giardini pubblici di circa novantamila metri quadrati, creati sin dal Settecento con una consapevole attività di rimboschimento. Nel 1911 è nata invece l’Area Attrezzata Sponde Fluviali, che si estende su ben 119 ettari.

Torniamo nella metropoli arricchiti di un’esperienza unica, intrisa di bellezza e di gusto, e sicuri di volerla presto ripetere.

Francesca Bertha

PER INFORMAZIONI:
www.comune.casale-monferrato.al.it


Condividi questo articolo se ti è piaciuto...