Capodanno e neve a Courmayeur

località: courmayeur
regione: valle d'aosta
stato: italia (it)

Data inizio viaggio: sabato 31 dicembre 2005
Data fine viaggio: domenica 1 gennaio 2006

Ai piedi del Mont Blanc, il 31/12/05 partiamo io e la mia inseparabile....amica. Arriviamo in fretta, dopo un paio d'ore di autostrada, panorama ovattato e nevoso, freddo e cielo grigio, ma non ci scoraggiamo...siamo alla fine del vecchio anno, si festeggia!!
Ci adagiamo in hotel, un tre stelle molto accogliente, caldo, pulito, bello, e ben arredato...in mansarda, siamo comode e intime....nella piccola stanza mansardata che rende tutto piu' hot. Pranzo in tipico ristorante montano, tanta gente in giro per Courmayeur quel giorno....dopo pranzo una copiosa nevicata ci blocca e ci adagiamo nella zona termarium del ns. hotel. siamo le uniche a rifarci la pelle quel pomeriggio, sauna e idromassaggio con tanto di finestra per vedere che fuori continua a nevicare a piu' non posso....scattiamo delle foto e ci riposiamo accuratamente per prepararci alla serata. Tappa al bar dell'hotel tra un the caldo, discorsi vari, commenti....ci prepariamo per la serata e scattiamo delle foto in camera, piccolo mondo ovattato e caldo.....che ci tiene li come una chioccia....tirate a lucido, usciamo in anticipo per addentrarci nel budello del paese mentre tutte le auto viaggiano con catene e fa un freddo polare.....noi con i nostri tacchia spillo e pettinature cotonate, montone e borsetta......Arriviamo al Mont Frety, locale molto IN che ci intrattiene per tutta la notte di capodanno...
Arriviamo e non c'è ancora nessuno, poi pian piano il locale si riempie e si fa l'aperitivo.....tavoli agghindati, fiori, gente ricca e piena di gioielli, camerieri giovani e bambini insolenti. Un po' demoralizzate cominciamo le danze!! L'intrattenimento musicale ci sconvolge e ci taglia le gambe, ma imperterrite ci buttiamo sul cibo.....arrivano a meta' cena dei ragazzi, si accomodano non lontano da noi, qualche commento.....poi cibo e ancora cibo......tutto fila liscio.....poco dopo le undici i ragazzi non lontano da noi, calciatori del Parma, ci invitano a fare il brindisi della mezzanotte con loro e sedere al loro tavolo, si puo' dire di no? NO! Prendiamo armi e bagali e ci trasferiamo.......arriva la mezzanotte e si scatena l'inferno......musica, trombette, palloncini, stelle filanti, spumante e gente urlante e ridente, è il caos.........tutti si abbracciano, si scambiano auguri, mangiano e bevono......si balla!! E vai col trenino.....le danze latine e calienti e un po di rock!! Si va avanti....Una tavolata di russi, dei tedeschi, americani, facciamo la conoscenza anche del musicista...e vai con i festeggiamenti.....i nostri calciatori si pavoneggiano al ritmo di musica e noi balliamo tra braccia e persone sconosciute. L'alcool annebbia ma non stordisce e dopo l'una si mangiano lenticchie e cotechino per la fortuna del nuovo anno......poi limoncello e vino.....poi le classiche ragazzate di chi ha la puzza sotto il naso......fouri i botti del 2006 si fanno sentire fino a tarda notte, e intanto ha ripreso furiosamente a nevicare e neve e neve......passano auto lussuose e gente a piedi, tutti festeggiano il nuovo anno con voce tonante. Il Mont Frety è un lago di spumante e i bambini che ballano sui tavoli....la musica ad alto volume.....chi ride, chi fa amicizia, chi parla, chi balla, chi ancora mangia.....
Fine della fiera......Dopo le due tutto si spegne e noi decidiamo di addentrarci nella selva a tornare verso il nostro accogliente e caldo hotel che non è distante dal locale ma con una bufera e i tacchi.....non semplice da affrontare la strada che ci separa dalla calda stanza! Mentre torniamo incontriamo tantissima gente festeggiante e il movimento è palpabile.....nevica e sembra non voler smettere. Arriviamo in hotel e ci abbandoniamo in stanza.....stanche, infreddolite, pigiamini da urlo e giu' sotto le coperte, l'ultima volta che guardai l'ora...le tre passate.......dormimmo come ghiri e il mattino ci accolse con un sole disumano che si propagava in ogni direzione....tutto ovattato dalla tanta neve scesa durante la notte, era uno spettacolo. I monti imbiancati, il sole che illuminava, freddo gelido che ci abbracciava, piccole strade innevate, tetti stracolmi di neve......decidemmo di approdare alla sala breakfast e facemmo una colazione pari ad un pranzo. C'era di tutto, dai dolcetti alle uova sode, dagli affettati alla marmellata, caffe', the, latte, yogurt e cereali.....mangiammo accanto ad un'ampia vetrata che dava sul giardino e ammiravamo il bellissimo paesaggio al calduccio.
Partimmo prima di mezziogiorno e andammo ad Aosta, dove facemmo un giro nella citta' che era triste e fredda, il primo dell'anno tutti erano in casa a riprendersi dalla nottata. Nel pomeriggio ripartimmo per il ritorno sotto zero! Viaggio comodo e veloce, avevamo trascorso un bel san silvestro e felici della cosa ci buttammo nei caldi letti delle nostre case per un sano riposo meritato.
Courmayeur è un bellissimo centro montano e racchiude tutte le proprieta' dell'alta montagna e della gente piu' o meno Vip che la visita, strade strette e negozi dai prezzi da urlo, boutique e locali, polenta e fonduta, addobbi e gruppi di sciatori in giro per una passeggiata rilassante. I bus che portavano alle piste erano carichi di gente infagottata e le strade inzuppate di melma nevosa....case colme di gente pronta a fare settimane bianche e aria di festa ovunque. Abbiamo mangiato molto bene quella sera e ancora ricordo il menu'....E poi quella sensazione, fuori neve e gelo e io li, nella piscina termale....in una specie di semi interrato dell'hotel molto rustico.....un caldo.....sauna.....un'ambiente che mi ha soddisfatto molto, come l'hotel stesso.
Hotel Berthod, molto vicino al centro del paese e il rammarico di non aver approdato alle piste da sci, mi da la spinta per dire:
Ci ritorno.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...