Reali Savoia a Racconigi

località: racconigi
regione: piemonte
stato: italia (it)

Data inizio viaggio: domenica 30 marzo 2008
Data fine viaggio: domenica 30 marzo 2008

Racconigi è la sede della famosa riserva di caccia dei Reali Savoia che qui' trascorrevano il mese di Settembre. Oggi il castello è visitabile, con il grande parco del castello.
Un po' di storia:
Le prime notizie riguardanti il castello di Racconigi risalgono al Medioevo e testimoniano la presenza di un'antica casaforte munita di torri.
Nella seconda metà del XIV secolo il feudo passò dapprima ai Savoia-Acaia, poi ai Savoia-Racconigi, rami laterali della dinastia sabauda, che mantennero l'uso militare del castello, rimasto inalterato nel suo impianto medievale. Nel corso del tempo furono eseguiti lavori di manutenzione.
Da dimora principesca a sede delle 'reali villeggiature':
Il grande artefice della trasformazione ottocentesca del castello di Racconigi fu Carlo Alberto, settimo principe di Carignano e poi re di Sardegna. Il giovane principe, che già prima di diventare re prediligeva la residenza dei suoi avi come dimora estiva, nel 1832, iscrisse questa dimora nel novero delle Reali Villeggiature .
Carlo Alberto affidò all'architetto di corte l'ampliamento volto a ricavare al primo piano nuovi appartamenti per gli ospiti, rendendo così la residenza più adatta alle esigenze di corte.
All'architetto, pittore e decoratore bolognese Pelagio Palagi vennero affidate le opere concernenti l'arredamento e la decorazione degli spazi interni ai piani nobili.
Anche durante i lavori il castello continuò ad essere frequentato assiduamente dalla famiglia reale che ogni estate soleva soggiornarvi trascorrendo giornate serene, lontane, per quanto possibile, dal protocollo e dal cerimoniale di corte.
Dopo la scomparsa di Carlo Alberto, la dimora estiva venne visitata dai principi meno frequentemente. Solo dopo la morte di Umberto I, la residenza riprese vitalità per le iniziative della nuova coppia reale. Il castello tornò ad essere una dimora di villeggiatura frequentata abitualmente quasi ogni anno da Vittorio Emanuele III ed Elena del Montenegro, e fu trasformato: apparvero impianti di riscaldamento, i bagni, l'energia elettrica, nuove pompe per la fornitura di acqua potabile ad ogni piano; si diffusero radio e giradischi; fu costruito un laboratorio fotografico ad uso esclusivo del re e della regina; si realizzarono lavori di restauro in alcune stanze ai piani nobili.
Il palazzo era predisposto per ricevere ospiti di prestigio in visita ai sovrani: nel 1909 fu ospitato lo zar di Russia Nicola II e nel 1918 i genitori della regina Elena. Nel 1904 nacque in questa residenza l'ultimo re d'Italia, Umberto II.
Durante gli anni della prima Guerra Mondiale, con la partenza di Vittorio Emanuele III per il fronte e gli impegni della regina a Roma, le opportunità di soggiornare a Racconigi furono scarse.
L'ultimo atto di grande solennità fu la celebrazione delle nozze di Filippo d'Assia e Mafalda di Savoia, la principessa morta tragicamente nel campo di sterminio di Buchenwald.
Il castello e il parco di Racconigi furono residenza delle villeggiature dei Savoia fino al secondo conflitto mondiale. Acquistati dallo Stato nel 1980, vennero sottoposti a lunghi e attenti lavori di restauro per essere poi aperti al pubblico nel 1987; furono inseriti tra i beni protetti dall'UNESCO.
Attualmente sede di numerose iniziative culturali, mostre, aperture al pubblico, visite guidate, ecc... il castello e il parco ricoprono un ruolo fondamentale per il paese di Racconigi.
Il castello si trova nella grande piazza Castello del paese, con ampi parcheggi e numerosi luoghi comuni come bar e gelaterie. Racconigi offre anche un bel centro storico e numerose chiese antiche.
Il parco è visitabile e in alcuni periodi dell'anno vi sono numerose iniziative anche in notturna. Di grandi dimensioni il parco era la sede delle battute di caccia dei reali e delle lunghe passeggiate di regine e dame.
Indirizzo: P.zza Castello
12035 Racconigi
Telefono: +390(172)84005
Fax: +390(172)811531

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

Parco reale e castello Savoia

domenica 30 marzo 2008

La mia piccola grande cittadina.
Famosa per pochissime cose tra le quali il bellissimo castello dei reali Savoia. Racconigi è uno dei pochi paesi ad avere un castello cosi' bello, dimora di caccia dei Savoia che venivano una volta all'anno in Settembre per fare battute di caccia nel grande e bel parco che a tutt' oggi, dopo mille peripezie, si puo' visitare.....
Il parco ospita numerose iniziative tutto l'anno, giornaliere e serali, estete, inverno, percorsi, scenografie, teatri......
Al fondo del parco vi sono le famosissime Serre Reali, le serre dei Savoia che ospitarono il pranzo di nozze della bella Mafalda di Savoia. Le serre, con tanto di stalle, ricoveri attrezzi e un mini castellino in miniatura dove c'era la cappella, la "reposoir" della regina e si dice anche quella del re, qui' i reali ricevevano ospiti piccanti per non riceverli nella pubblica corte. Oggi le serre sono un posto dove vengono allestite mostre, percorsi e iniziative che hanno a che fare con i reali.
Proprio ieri si è conclusa nelle serre reali un'iniziativa durata tutto l'inverno chiamata I Principini...... Ieri per l'appunto, il parco era visitabile gratuitamente, tra stradine, alberi secolari, siepi e fiori, carrozze e cavalli per un giro turistico dei visitatori...... Il lago e la grotta di mago merlino, la caffetteria dei Cavallini...... insomma un posto piacevole immerso nella natura reale e centenaria per passare un pomeriggio all'aria aperta. Peccato molti percorsi e strade fossero chiusi al pubblico per caduta rami la scorsa settimana..... quindi giro limitato ma il parco è sempre molto bello e suggestivo soprattutto in primavera con fiori e boccioli.
Il castello è visitabile con le visite guidate e Racconigi vanta il fatto che dentro il castello vi sono ancora la maggior parte del mobilio, quadri, arredamento ecc... dei Savoia. Molte sono le stanze aperte al pubblico, e molte quelle da aprire o che non verranno aperte mai, dallo scorso anno abbiamo da visitare le famose e belle cucine reali oltre alle varie stanze con bagni, camere d letto, camere da gioco, salotti e salottino, ecc...... un castello di tutto rispetto, bellissimo ed interessante per chi ama la cosa.
I reali nel mese di settembre venivano a Racconigi e in quel mese Racconigi era un paese in festa per un mese intero mentre gli uomini di corte facevano battute di caccia a cavallo nel parco che all'epoca era comunque un po' diverso...piu' corsi d'acqua, piu' pontili in legno e meno ponti in cemento......
Che dire...... I Savoia hanno reso importante Racconigi con la loro presenza e con il bellissimo castello che ora rimane..... e i Racconigesi amavano i loro reali......
Non avete ancora visitato il casello? E il parco? Bè cosa aspettate? Il sito internet da visitare per avere ottime informazioni turistiche del posto è:
www.ilcastellodiracconigi.it.
vicinissimo il centro storico anch'esso molto bello con numerosi bar e negozi (chiusi la domenica). Se poi avanzate del tempo dopo aver visitato le terre reali....bè fate un salto alla Lipu......
Per visitare il castello ci vuole piu' o meno un'ora, un'ora e mezza, per il parco dipende dal vostro passo...... Se poi si vuole fare un pic nic o leggere un libro seduti sulle panchine del parco tra alberi secolari e passeggiare sulle stradine sterrate dove le regine si sono succedute.... Panchine e addirittura la caffetteria sono a disposizione dei turisti. All'ingresso ci sono le casse e le toilette, il castello è mastodontico e si vede arrivando da cavallermaggiore e savigliano gia' all'inizio del famoso viale alberato voluto dai reali. Nella bella ed ampia piazza del castello vi sono bar in abbondanza per soddisfare tutti i gusti e la famosa Gelateria Dolomiti puo' offrire buonissimi gelati artigianali. Di fronte al castello hanno sede il Comune di Racconigi e i vigili urbani, nel piccolo giardino fronte castello, fuori dalla cinta, vi è un chioschetto aperto in primavera ed estate.