Lago Maggiore

località: angera, arona
regione: lombardia-piemonte
stato: italia (it)

Data inizio viaggio: domenica 12 ottobre 2008
Data fine viaggio: domenica 12 ottobre 2008

Angera: Lungolago e Rocca Borromeo

Angera è una località non troppo famosa del Lago Maggiore, posta sul lato est sulla sponda lombarda.
E stata una bella e piacevole scoperta andare ad Angera e scoprire che il posto è molto bello, soprattutto sul Lungo Lago vivo e turistico, il lago di per se dona un tocco in più soprattutto nelle belle giornate di sole, alla cittadina piccola ma accogliente.
Dal Lungo Lago si può ammirare la Rocca Borromeo arroccata sulla collina che sovrasta la cittadina, vi è un imbarcadero per navigare con i vari vaporetti il lago e vi sono moltissime attrazioni, dai tanti ristoranti e bar a vili alberati con panchine e i bellissimi prati verdissimi vicini alla piazza centrale.
I prati sono comunali, ben tenuti, puliti, fingono da spiagge, sulle sponde del lago, nelle belle giornate (come ieri), la gente si accalca sui verdissimi prati di Angera e si crogiola al sole con veduta spettacolari sullaltra sponda del lago e sul lago stesso.
Lunica cosa che ad Angera scarseggia nelle domeniche turistiche sono i parcheggi, per lo più a pagamento o lungo la strada lungolago, non troppo rassicuranti.
dopo la visita alla Rocca, siamo scesi sul lungolago e dopo un parcheggio in extremis abbiamo pranzato in un ristorantino con dehor sul lago, la giornata era calda e bella.
Abbiamo poi fatto una passeggiata a piedi tra piazzette, giardini, lungolago, vedute di Arona dallaltra parte del lago e un cielo azzurrissimo.
Alle spalle del lungo lago la collina rocciosa ospita la Rocca Borromeo che vista dal basso del lungolago è molto bella, siamo poi arrivati ai famosi e bellissimi prati del lungolago dove famiglie e ragazzi erano stesi al sole a godere dellultimo tepore prima dellinverno.
Questi prati sono unattrazione bellissima e si prestano molto bene a fotografie particolari. Verdissimi, puliti e ben tenuti sono una componente strana e arrivano fino in acqua. Le acque del lago sono scure e questi prati verde accesso contrastano con le acque scure ed i riflessi del sole sul lago.
Un porticciolo è poco più avanti ed un camminamento quadrati alto sullacqua permette di percorrerlo tutto ammirando le barchette e il lago dallalto. Nella piazza cera un mercatino allaperto e qualche bancarella di dolci e gelati.
Moltissimi sono i locali sul lungo lago con dehor, uno dopo laltro e qui si può mangiare qualsiasi tipo di pasto dal mattino alla sera.
Angera è raggiungibile anche in barca da Arona con una navigazione del lago di appena 5 minuti. Andando poi verso nord, abbiamo scoperto spiaggette comunali di sabbia, prati comunali per barbecue e giornate allaria aperta, spiagge per balneazione, spazi verdi gremiti di gente. Angera è stata davvero una bella scoperta!
Lungolago poi si possono ammirare dei bei palazzi antichi, ville antiche ed eleganti, case nobiliari e antichi stucchi.


La Rocca sorge su un'altura rocciosa sul lago maggiore, ad Angera, lato destro del lago, sponda lombarda.... dal basso già la si scorge molto bella e padronale.
Il parcheggio è ampio, in mezzo alle campagne, ai prati, vigneti e colline si trova l'ingresso della rocca.
7,50 euro a testa per visitarla liberamente sia in interno che esterno, ovvero museo della bambola e del giocattolo, cortile interno, sale interne della rocca, torrette e piani superiori con veduta sul lago, mostra sul giardino.
Siamo entrati alle 10:45 e dopo una salita costeggiata di castagni siamo arrivati all'ingresso del cortile interno. Si può fare la visita con audioguida ma al bancone informazioni interno non c'era nessuno quando siamo entrati noi...quindi niente audioguide!
E' stupefacente la terrazza con balcone sul lago, con pergolato verde e finestroni sul lago maggiore, veduta garantita. Dall'esterno si può anche accedere al bar della rocca.
Siamo andati a vedere dapprima le sale affrescate della rocca, gli interni e le varie torrette e piani superiori a cui si accede tramite un sistema di scale in legno che danno accesso ad alcune vedute in esterno davvero spettacolari sia sul lago che sulle campagne circostanti.
Giunti in cima si arriva praticamente in un sottotetto ampio con finestroni in esterno e qui la vista è davvero notevole, diverse aperture su ogni lato della torre quadrata alta e veduta su Arona e altri paesini del lago.
Ci si può passare mezz'ora lassù.
Al ritorno abbiamo visitato il museo della bambola e del giocattolo antico, un museo carino, con un'esposizione notevole di pezzi unici e stoici, recuperati da chissà dove, cimeli dell' '800, bambole di porcellana, bambole inquietanti di quelle con visi senza sorrisi e occhi neri sul pallido del viso.
Giochi vari in vetrine per farsi ammirare. Ho intravisto anche alcuni giochi che io da bambina possedevo o anelavo e qui mi è venuto il groppo in gola...ma son già cosi vecchia? La mia infanzia è già da "museo"?????
La mostra è piacevole ed allegra tranne le bambole più inquietanti....
Ho fatto diverse fotografie sia in esterno che in interno, non c'erano cartelli di divieto per fotografie, la rocca è in ottimo stato e si presta bene a fotografie che rendono davvero il massimo.
Il giardino della rocca visitabile è un appezzamento piccino alto sul lago, vi sono alcune erbe aromatiche, alberi di cachi, agrumi, viti..... prati verdi.
Il giardino è veloce da visitare e non è molto "regale", una fontana e qualche statua chiaramente ristrutturata, come buona parte della Rocca.
Vale davvero la pena visitarla in quanto è molto ben conservata e alcune vedute sono a dir poco uniche, soprattutto con una bella giornata di sole.
Subito sotto la Rocca, nella collina c'è un agriturismo che a dire il vero mi attirava....... poi sono finita sul lungolago di Angera e meno male!
All'uscita della Rocca vi è anche un piccolo negozio di souvenir mediamente fornito.



Statua di San Carlo Borromeo: Arona

Tutta contenta non vedevo l'ora di entrare nella testa di San Carlone e da lassù vedere la zona del lago, Arona, e tutto ciò che di meraviglioso si vede da così in alto.....
Abbiamo parcheggiato nel parcheggio di un ristorante li vicino che era gratis mentre il parcheggio davanti alla statua è a pagamento.
Il San Carlone si vede già dal basso, si vede dalla strada che sale verso la frazione di San Carlo da Angera.
Alta, verde, di metallo, su un basamento già alto di per se, il San Carlone è famosissimo e visitato da milioni di persone l'anno. Si paga un biglietto diverso a seconda di ciò che si vuole fare, se si vuole solo andare sulla terrazza panoramica ai piedi della statua si paga di meno, se si vuole entrare nella statua e salire su per la ripida scala fin sulla testa di San Carlo e da lassù ammirare il panorama allora si paga di più......
Ieri un problema tecnico al condotto di aerazione e all' illuminazione non permetteva la salita fin su.....Andare sulla balconata panoramica è carino si ma mai come andare fin nella testa del San Carlone.
Ci siamo comunque accontentati e tramite una stretta scaletta a chiocciola da capogiro siamo saliti fino ai piedi della statua, qualche foto e un po' di ammirazione per la zona sotto di noi e poi...... siamo scesi. Chiaramente Delusi!
Non eravamo certo gli unici, facce smorte si vedevano davanti alla cassa e nel prato intorno alla statua...la salita dentro il San Carlone è un'attrattiva usata e famosa ad Arona e limitrofi.
5 Euro per avere l'accesso al terrazzo di San Carlone: Troppo caro direi!
Fuori alcune bancarelle di souvenir vendevano un pò di tutto ma ero troppo triste per non esser potuta salire dentro la statua.....e così...via verso Biella!!

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...