dalla Bosnia alla Serbia

stato: montenegro (me)

Data inizio viaggio: mercoledì 18 ottobre 2006
Data fine viaggio: giovedì 19 ottobre 2006

Una breve sosta in Montenegro prima di ritornare in Serbia

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

Mostar (Bosnia Hercegovina)-Podgoriza

mercoledì 18 ottobre 2006

Il viaggo da Nevesinje (Bosnia Hercegovina) dura quattro ore, la frontiera con il Montenegro e' tranquillissima e non ci sono problemi, Il panorama qui cambia drasticamente; siamo passati dalle pianure della Sebia, alle montagne della BiH fino al classimo panorama mediterraneo del Montenegro. La prima grande citta' del Montenegro che incontriamo e' Niksic, ma prima costeggiamo un fantastico lago pieno di isolette ..eccezionale, peccato che siamo solo di passaggio. Da Niksic a Podgoriza impieghiamo 1h, ed arriviamo verso le 20:00. La stazione dei bus si trova lontano dal centro e non abbiamo la guida, decidiamo di dormire vicino alla stazione dei treni/bus, scegliendo l'hotel Europa (35 euro a persona)...ricordate in Montenegro la moneta locale e' l'euro, e la differenza (di prezzo) si nota moltissimo. Decidiamo di andare in giro e dopo circa 10 minuti siamo in centro, devo dire che Podgoriza e' pessima, personalmente credo che non valga proprio la pena sostare qui piu' di una notte (anche meno). Chiediamo i treni per Belgrado, ma scopriamo che quello delle 11:00 non c'e' (altra nota: a differenza della Serbia e della BiH dove i locali si dannavano l'anima pur di farsi capire ed aiutarti, si nota che i soldi ed il turismo hanno avvelenato questa gente che non si sforza minimamente per farsi capiere o per capire un ospite....e' una cosa che odio) e che la partenza e' alle 14:30 (ci sono due notturni alle 20:00 e alle 22:00 credo), il viaggio dura 7 ore (con il bus 10).

Podgoriza-Belgrado (Serbia)

giovedì 19 ottobre 2006

Visto che dobbiamo partire tardi ci svegliamo con calma, tanto il check out e' alle 12:00. Alle 11:30 usciamo e ci rechiamo in stazione dove acquistiamo il biglietto (14 euro piu' 1 euro per la prenotazione). La passeggiata per il centro conferma l'impressione di ieri, finalmente si parte in pratica anche se il Montenegro si e' separato da poco con la Serbia non esiste una veria e propria dogana quindi non ci saranno i controlli per i passaporti.Arriviamo a Belgrado alle 22:20, scendiamo dal treno e ci dirigiamo diritti all'hotel Postal dove sganciamo i soliti 3150 din.