Belfast

località: belfast
regione: irlanda del nord
stato: regno unito (gb)

Data inizio viaggio: lunedì 14 agosto 2000
Data fine viaggio: lunedì 14 agosto 2000

Noi abbiamo fatto anche un paio di escursioni fuori porta: una più vicina l'altra più lontana. La più vicina è stata al castello di Malahide nella contea di Sword. Si trova a circa 15 km a nord di Dublino. Se vi recate all'ufficio del turismo di O'Connell Street ricevere tutte le info e potrete acquistare direttamente i biglietti. L'autobus parte davanti al tourist office. Si tratta di un antico Castello posseduto da un'antica famiglia irlandese dal 1185 al 1976! Si dice che il fantasma Puck si aggiri nelle stanze del Castello e numerose sono le prove del suo avvistamento...adiacenti al Castello potrete visitare anche i Botanic Gardens molto belli.

La seconda gita (più impegnativa) è stata fatta a Belfast, capitale dell'Irlanda del Nord.Ci vogliono circa due ore di treno da Dublino a Belfast e devo dire che purtroppo un giorno non è sufficiente per visitare la capitale dell'Irlanda del Nord. Quando abbiamo deciso di andare in Irlanda avevamo preventivato una puntata nella zona dei "troubles", dei disordini che hanno caratterizzato gli anni crudi e violenti della lotta tra cattolici e protestanti, tra unionisti ed orangisti. E' uno spettacolo decadente andare in un posto per immortalare le tragedie di un popolo con la propria macchina fotografica. Se tornassi indietro non lo rifarei...ma la voglia di vedere se quanto scritto e detto corrispondesse a realtà era troppo forte... siamo partiti la mattina di buon'ora per cercare di goderci tutta la giornata. Arrivati alla stazione di Belfast Central capiamo subito che il clima non è dei più sereni. Ci sono poliziotti in assetto anti-sommossa in ogni angolo, blindati all'uscita della stazione...ci pentiamo quasi subito. Ma in realtà capiamo quasi subito che si tratta solo di misure preventive e presto ci si fa l'abitudine (purtroppo...).A piedi raggiungiamo il centro della città camminando per York Street e visitiamo il Belfast City Hall (municipio) teatro di numerose manifestazione oltranziste.
Ci dirigiamo verso la zona commerciale (Cornmarket) e poi andiamo verso il tourist office in North Street. Qui ci viene offerto un giro su un "people taxi" per i quartieri caldi della città, dove i troubles sono stati forti, gli scontri sanguinosi e dove ancora oggi c'è una certa diffidenza tra cattolici e protestanti. Si tratta di due zone: Falls Road e Shankill Road. Sono zone squallide se non fosse per i murales dipinti sulle case che ricordano i momenti più bui della storia recente d'Irlanda.La zona cattolica è quella delimitata da Falls Road mentre quella protestante da Shankill Road. Il "people taxi" è un Transit con una decina di posti che è ovviamente carico di soli (stupidi, me compreso...) turisti che entrano nell'unico modo "safe" nelle due zone per vedere i luoghi più malfamati della città. Il giro costa £ 10 a testa.
Le due zone appaiono subito prive di ogni interesse, se non fosse per i murales (belli ma densi di odio e di profonda indignazione verso la parte rivale) e per le strade spesso colorate da bandiere irlandesi (nella parte cattolica) e britanniche (nella parte invece protestante). Il giro comprende anche le diverse stazioni di polizia (blindatissime), le zone degli scontri, la "porta" che divide le due zone e che ancora oggi viene chiusa (in luglio) durante la commemorazione della vittoria di Guglielmo d'Orange verso i cattolici. Questa manifestazione è teatro di scontri anche nei giorni nostri e i muri della zona sono imbrattati di vernice e le finestre delle case schermate da protezioni contro il lancio di sassi da parte dei "nemici".
L'autista funge anche da guida ma devo dire che un po' il dialetto, un po' la mia ignoranza...capire tutto non è stato proprio semplice...in diversi punti si può scendere ma il consiglio è quello di non allontanarsi dal gruppo. Gli abitanti della zona ti guardano (giustamente!) come un leone in gabbia guarda il visitatore...si sentono animali da zoo e questo non gli deve far piacere.E' evidente che però le guida versino una parte degli incassi alle diverse famiglie per evitare problemi con questa fonte di guadagno...
Un altro consiglio: se scendete dal taxi e qualcuno degli abitanti si offre per farvi una foto davanti ad un murales NON ACCETTATE! Si tratta di un piccolo espediente per prendere la vostra macchina fotografica e scappare!!! La guida l'ha ripetuto 10 volte e noi quando siamo scesi siamo stati avvicinati da un tizio che ha chiesto di farci una foto...mai profezia fu tanto giusta!!!
La polizia è presente ovunque con i blindati (come si vede nel film "Bloody Sunday") e le persone camminano veloci sui marciapiedi. La guida ci ha detto che al momento i problemi sono ridotti a scontri tra bande giovanili, più teppistiche che di religione...
Finito il giro c'è solo il tempo di prendere qualche souvenir per le strade del centro di Belfast tornare alla stazione e dirigerci verso Dublino.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...