Romania 2000

stato: romania (ro)

Data inizio viaggio: sabato 5 agosto 2000
Data fine viaggio: sabato 26 agosto 2000

Vacanza a Costinesti la Rimini della Romania!

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

Vacanza in Costinesti

sabato 5 agosto 2000

Dopo svariati mesi mi son fatto convincere dal mio collega Gabriele a provare questa nuova esperienza in un paese dell'est.La Romania appunto!
Lui insieme al un suo amico Gianni c'è già stato due volte,ma questa volta siamo addirittura in sei a partire(Io,Gabriele,Enrico,Gianni,Davide e Davidino).Destinazione:Costinesti.
Volo Lufthansa 575.000 lire A/R Torino/Monaco/Bucarest.
Dall'aereoporto taxi fino la stazione ferroviaria dove prendiamo il treno per Costinesti.
Su treno cominciamo ad avere le prime esperienze toccanti,un bambino Rom apre la porta dello scompartimento chiedendo l'elemosina e si butta per terra baciando i piedi di Gianni che preso dall'imbarazzo gli sgancia 500 lei (per noi 50 lire!).
Dai finestrini il paesaggio è abbastanza povero e si vedono chilometri e chilometri di terra incoltivata.
Dopo circa 5 ore arriviamo a Costinesti.
La stazione ha solo un binario ed ha una piccola biglietteria.
Ci dirigiamo al Forum Hotel dove abbiamo prenotato 3 twin room.
Costinesti è un paese particolare,infatti il governo mette a disposizione per gli studenti piccoli bungalow a prezzi davvero modici e di conseguenza il paese è invaso di giovani.
La musica è molto diversa dalla nostra ha uno stile che richiama la musica Turca ma in versione dance.Niente musica commerciale o house solo un pò hip-pop. Le discoteche sono tre: Il Ring,Il Tineretului ed il Vox Maris (con piscina e supermercato annesso,ma non per tutte le tasche).
Il lungomare è invaso da ambulanti che fanno gogosi(dolci nauseanti),mici (polpettine di maile e agnello,buone) ed ovviamente pizza(che loro rovinano spargendogli chili di Ketchap).
Ovviamente essendo in sei non potete immaginare il macello che abbiamo combinato ma i più attivi di tutti sono i due Davide che fanno strage di donne.
I rumeni capiscono bene l'italiano perchè oltre ad essere una lingua latina come il rumeno,vedono i nostri film con i sottotitoli e quindi qualche parola gli rimane sempre in mente.
Anch'io ho imparato qualcosa di Rumeno (grazie ad una ragazza che parlava bene l'italiano) proprio l'essenziale per sopravvivere come i numeri il verbo essere,l'avere e qualche domanda delle più frequenti e devo dire che è molto simile alla nostra lingua.
Le cose che mi hanno colpito di più sono i paesi o villaggi senza luce e senza strade asfaltate che rievocano il dopoguerra italiano,l'assenza di stress nella loro vita quotidiana(infatti nei locali ci mettevano una vita a servirti) il mare sporco (Mar Nero di nome e di fatto) e purtroppo una miseria abbastanza diffusa.
Le cose positive invece si racchiudono nella cultura molto diversa dalla nostra,le belle donne,la semplicità della gente,l'educazione e l'ospitalità.
Siamo stati ospitati a cena da tre rumene che hanno preparato la ciorba(zuppa di verdure) i mici e altre specialità della loro cucina.
Un gesto che non dimenticherò facilmente.
Nelle diverse giornate trascorse abbiamo avuto la possibilità di andare a Neptun (ex residenza estiva di Ciaucescu) un paese molto più moderno di Costinesti,molto più turistico ed ovviamente più caro.
Come tutte le vacanze,e giunta l'ora di ritornare a casa ed a malincuore salutiamo la piccola Costinesti ringraziandola per le emozioni che ci ha offerto.