Intermezzo a San Marino

stato: san marino (sm)

Data inizio viaggio: martedì 11 agosto 2009
Data fine viaggio: mercoledì 12 agosto 2009

Testo e foto di Piero Cogoni.

Dovendo programmare una breve vacanza tra la Romagna e la Toscana ho colto l’occasione per fare un salto a S. Marino, giusto appunto visto che non è mai capitato di andarci benché si trovi dietro l’angolo.
Ho pensato di iniziare la visita la sera per assaporare l’atmosfera più vicina ai tempi che furono, essendo un piccolo centro medievale, così da immaginarlo con cavalieri, dame e cortigiani tra i vicoli illuminati con luci fiocche e giallognole.
Ho trovato solo gruppi di turisti con calzoni alla zuava che vagando tra i vicoli, mentre i negozi abbassavano le saracinesche, cercavano dove consumare la cena a prezzi contenuti.
In molti punti ho potuto soddisfare la mia passione di fotografare scorci di antiche mura e monumenti.
Son ritornato la mattina dopo per visitare il centro storico ed i suoi monumenti principali, le fiumane di turisti tra vicoli e piazzette sono aumentate e molte pareti sono tappezzate da espositori di souvenir di ogni genere quasi a nascondere le vecchie mura, antichi portoni e particolari costruttivi che nell’insieme perdono di significato.
Sicuramente il centro storico purtroppo si può considerare un ottimo centro commerciale per acquistare liquori, preziosi, modellismo, filatelia e numismatica, riproduzione di armi medievali, katane giapponesi e molte armi giocattolo e per softAir.
Spaventa la quasi normalità nella gente che entra e si sceglie l’arma tra tutte quelle esposte come se si trovasse al banco del fruttivendolo.
Mentre compravo la riproduzione di una spada medievale a fianco dei ragazzi acquistavano un mitragliatore e 25 kg. di pallini di plastica, di fuori un bambino ricontrollava la pistola appena comprata mentre il padre, con un fucile sottobraccio lo rimproverava.
Un’altra curiosità è data dal fatto che si trovano molti oggetti con i classici simboli fascisti e nazisti.
Ho fatto con lui una battuta sulla naturalezza che in quell’occasione accomuna tutti in gesti che normalmente non avremmo fatto nelle nostre città di provenienza e ci siamo messi a sorridere quanto le situazioni ci facciano assumere comportamenti diversi.
Tra i monumenti più importanti da visitare restano le Torri del sistema difensivo chiamate Prima Torre o Rocca Guaita, la Seconda Torre o Rocca Cesta e Terza Torre o Montale, e il museo delle torture.
Io ho visitato sole le prime due Torri e poi la visita è proseguita all’interno del Palazzo del governo con la sala dei cavalieri e poi, recuperata l’auto ho proseguito la mia vacanza.
Lo sapevate che S. Marino è governato da una sola camera con due premier che non possono occupare quella poltrona più di sei mesi?
Saluti e buon viaggio, dovunque sia.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...