34 Città antiche dimenticate, un tempo splendenti.

stato: mondo (wo)

Data inizio viaggio: giovedì 26 luglio 2018
Data fine viaggio: giovedì 26 luglio 2018

È difficile immaginare come un'intera città possa sparire, ma questo è esattamente ciò che è successo alle città perdute in questa lista. Ci sono in realtà molte ragioni per cui una città è abbandonata. Guerra, disastri naturali, cambiamenti climatici e la perdita di importanti partner commerciali per citarne alcuni. Qualunque sia la causa, queste città perdute furono dimenticate nel tempo fino a quando non furono riscoperte secoli dopo.

34. Cartagine


Situato nell'odierna Tunisia, Cartagine fu fondata da coloni fenici e divenne una grande potenza nel Mediterraneo. La risultante rivalità con Siracusa e Roma fu accompagnata da diverse guerre con le rispettive invasioni della loro patria, la più notevole l'invasione dell'Italia da parte di Annibale. La città fu distrutta dai Romani nel 146 aC. I Romani andarono di casa in casa, catturando, violentando e schiavizzando la gente prima di incendiare Cartagine. Tuttavia, i Romani rifondarono Cartagine, che divenne una delle città più grandi e importanti dell'Impero. Rimase una città importante fino a quando fu distrutta una seconda volta nel 698 dC durante la conquista musulmana.

Cartagine


33. Ciudad Perdida


Ciudad Perdida (in spagnolo "Lost City") è un'antica città della Sierra Nevada, in Colombia, che si ritiene sia stata fondata intorno all'800 d.C. La città perduta è costituita da una serie di terrazze scavate nella montagna, una rete di strade piastrellate e diverse piccole piazze circolari. I membri delle tribù locali chiamano la città Teyuna e credono che fosse il cuore di una rete di villaggi abitati dai loro antenati, i Tairona. Apparentemente fu abbandonato durante la conquista spagnola.

Ciudad Perdida


32. Troia


Troia è una città leggendaria nell'attuale Turchia nord-occidentale, resa famosa nel poema epico di Omero, l'Iliade. Secondo l'Iliade, è qui che si è svolta la guerra di Troia. Il sito archeologico di Troia contiene diversi strati di rovine. Lo strato Troia VIIa era probabilmente la Troia di Omero ed è stato datato alla metà del XIII secolo aC.

Troia


31. Skara Brae


Skara Brae
Situato sull'isola principale di Orkney, Skara Brae è uno dei villaggi meglio conservati dell'età della pietra in Europa. Fu coperto per centinaia di anni da una duna di sabbia fino a quando una grande tempesta espose il sito nel 1850. I muri di pietra sono relativamente ben conservati perché le abitazioni furono riempite dalla sabbia quasi immediatamente dopo che il sito fu abbandonato. Perché non c'erano alberi sull'isola, i mobili dovevano essere fatti di pietra e quindi anche sopravvissuti. Skara Brae fu occupata da circa il 3180 aC-2500 aC. Dopo che il clima è cambiato, diventando molto più freddo e più umido, l'insediamento è stato abbandonato dai suoi abitanti.

Skara Brae


30. Menfi


Memphis
Menfi, fondata intorno al 3100 aC, è la leggendaria città di Menes, il re che unì l'Alto e il Basso Egitto. All'inizio, Menfi era più probabile una fortezza dalla quale Menes controllava la terra e le rotte idriche tra l'Alto Egitto e il Delta. Dalla terza dinastia, Saqqara era diventata una città considerevole. Cadde successivamente in Nubia, Assiria, Persia e Macedonia sotto Alessandro Magno. La sua importanza come centro religioso fu minata dall'ascesa del cristianesimo e poi dell'Islam. Fu abbandonato dopo la conquista musulmana dell'Egitto nel 640 d.C. Le sue rovine includono il grande tempio di Ptah, i palazzi reali e una colossale statua di Ramses II. Nelle vicinanze si trovano le piramidi di Saqqara.

Menfi


29. Caral
Situato nella Valle del Supe in Perù, Caral è una delle più antiche città perdute delle Americhe. Era abitata tra il 2600 aC circa e il 2000 aC. Ospitando più di 3.000 abitanti, è una delle più grandi città della civiltà Norte Chico. Ha un'area pubblica centrale con sei grandi tumuli a piattaforma disposti intorno a un'enorme piazza. Tutte le città perdute nella valle del Supe condividono somiglianze con Caral. Avevano piccole piattaforme o cerchi di pietre. Caral era probabilmente il fulcro di questa civiltà.

Caral


28. Babilonia


Babilonia, la capitale di Babilonia, un antico impero della Mesopotamia, era una città sul fiume Eufrate. La città degenerò in anarchia intorno al 1180 aC, ma prosperò ancora una volta come stato sussidiario dell'Impero Assiro dopo il IX secolo aC. Il colore brillante e il lusso di Babilonia divennero leggendari dai tempi di Nabucodonosor (604-562 aC), che è accreditato per la costruzione dei leggendari giardini pensili. Tutto ciò che rimane della famosa città oggi è un tumulo di edifici in mattoni di fango e detriti nella fertile pianura mesopotamica tra i fiumi Tigri ed Eufrate in Iraq.

Babilonia


27. Taxila


Situata nel nord-ovest del Pakistan, Taxila è un'antica città che fu annessa dal re persiano Dario il Grande nel 518 aC. Nel 326 aC la città fu ceduta ad Alessandro Magno. Governato da una successione di conquistatori, la città divenne un importante centro buddista. L'apostolo Thomas visitò Taxila nel I secolo d.C. La prosperità di Taxila nei tempi antichi derivava dalla sua posizione all'incrocio di tre grandi vie commerciali. Quando hanno rifiutato, la città è diventata insignificante. Alla fine fu distrutta dagli Unni nel V secolo.

Taxila


26. Sukhothai


Sukhothai è una delle città storiche più antiche e importanti della Thailandia. Originariamente una città di provincia all'interno dell'impero Khmer di Angkor, Sukhothai ottenne la sua indipendenza nel XIII secolo e divenne la capitale del primo stato unito e indipendente di Tai. Si dice che l'antica città abbia avuto circa 80.000 abitanti. Dopo il 1351, quando Ayutthaya fu fondata come la capitale di una potente dinastia Tai rivale, l'influenza di Sukhothai iniziò a declinare e nel 1438 la città fu conquistata e incorporata nel regno di Ayutthaya. Sukhothai fu abbandonata alla fine del XV o all'inizio del XVI secolo.

Sukhotai


25. Timgad


Timgad era una città coloniale romana in Algeria, fondata dall'imperatore Traiano intorno al 100 d.C. Originariamente progettata per una popolazione di circa 15.000 abitanti, la città ha rapidamente superato le sue specifiche originali e si è riversata oltre la griglia ortogonale in modo più liberamente organizzato. Nel V secolo, la città fu saccheggiata dai Vandali e due secoli dopo dai Berberi. La città scomparve dalla storia, diventando una delle città perdute dell'impero romano, fino al suo scavo nel 1881.

Timgad


24. Mohenjo-daro


Costruita intorno al 2600 aC nell'attuale Pakistan, Mohenjo-daro fu uno dei primi insediamenti urbani nel Mondo. A volte viene indicato come "An Ancient Valley Metropolis". Ha un layout pianificato basato su una griglia di strade, disposte secondo schemi perfetti. Al suo culmine la città aveva probabilmente circa 35.000 abitanti. Gli edifici della città erano particolarmente avanzati, con strutture costruite con mattoni di fango e legno bruciato essiccati al sole della stessa misura. Mohenjo-daro e la civiltà della valle dell'Indo svanirono senza lasciare traccia della storia intorno al 1700 aC fino a quando non furono scoperti negli anni '20.

Mohenjo-daro


23. Grande Zimbabwe


Il Grande Zimbabwe, è un complesso di rovine di pietra sparse su una vasta area nell'odierna Zimbabwe, che a sua volta prende il nome dalle rovine. La parola "Grande" distingue il sito dalle molte centinaia di piccole rovine, conosciute come Zimbabwe, sparse per tutto il paese. Costruito dalla popolazione indigena bantu, la costruzione iniziò nell'XI secolo e continuò per oltre 300 anni. Al suo apice, le stime indicano che il Grande Zimbabwe aveva ben 18.000 abitanti. Le cause del declino e dell'abbandono definitivo del sito sono state suggerite a causa del declino degli scambi commerciali, dell'instabilità politica e della carestia e delle carenze idriche causate dai cambiamenti climatici.

Grande Zimbabwe


22. Hatra


Grande città fortificata sotto l'influenza dell'impero dei Parti e capitale del primo regno arabo, Hatra resistette a numerose invasioni dei Romani grazie alle sue alte e spesse mura rinforzate da torri. La città cadde nell'impero sassanide iraniano di Shapur I nel 241 d.C. e fu distrutta. Le rovine di Hatra in Iraq, in particolare i templi dove l'architettura ellenistica e romana si fondono con elementi decorativi orientali, attestano la grandezza della sua civiltà.

Hatra


21. Sanchi


Il sito di Sanchi ha una storia di costruzione di oltre mille anni, a partire dagli stupa del 3 ° secolo aC e si conclude con una serie di templi buddisti e monasteri, ora in rovina, costruiti nel X o nell'XI secolo. Nel 13 ° secolo, dopo il declino del buddismo in India, Sanchi fu abbandonato e la giungla si trasferì rapidamente. La città perduta fu riscoperta nel 1818 da un ufficiale britannico.

Sanchi


20. Hattusa


Hattusa divenne la capitale dell'impero ittita nel 17° secolo aC. La città fu distrutta, insieme allo stato ittita stesso, intorno al 1200 aC, come parte del crollo dell'età del bronzo. Il sito è stato successivamente abbandonato. Le stime moderne mettono la popolazione della città tra 40.000 e 50.000 al suo culmine. Le case costruite con legno e mattoni di fango sono scomparse dal sito, lasciando solo le rovine dei templi e dei palazzi costruiti in pietra. La città perduta fu riscoperta all'inizio del XX secolo nella Turchia centrale da una squadra archeologica tedesca. Una delle scoperte più importanti del sito sono state le tavolette di argilla, costituite da codici legali, procedure e letteratura del Vicino Oriente antico.

Hattusa


19. Chan Chan


La vasta città di adobe di Chan Chan in Perù era la più grande città dell'America precolombiana. Il materiale da costruzione utilizzato era di mattoni di adobe, e gli edifici erano finiti con il fango frequentemente decorato con arabeschi a rilievo. Il centro della città è costituito da diverse cittadelle murate che ospitavano sale cerimoniali, camere funerarie e templi. La città fu costruita dai Chimu intorno all'anno 850 dC e durò fino alla sua conquista dall'Impero Inca nel 1470 d.C. Si stima che circa 30.000 persone vivessero nella città di Chan Chan.

Chan Chan


18. Mesa Verde


Mesa Verde, nel Colorado sud-occidentale, ospita le famose abitazioni rupestri dell'antico popolo Anasazi. Nel 12 ° secolo, gli Anasazi iniziano a costruire case in grotte poco profonde e sotto sporgenze rocciose lungo le pareti del canyon. Alcune di queste case erano grandi come 150 stanze. Nel 1300, tutti gli Anasazi avevano lasciato l'area di Mesa Verde, ma le rovine rimangono quasi perfettamente conservate. La ragione della loro improvvisa partenza rimane inspiegabile. Le teorie vanno dai fallimenti delle colture a causa di siccità a un'intrusione di tribù straniere dal nord.

mesa verde


17. Persepolis


Persepolis (capitale della Persia in greco) era il centro e la capitale cerimoniale del potente impero persiano. Era una città bellissima, adornata da preziose opere d'arte di cui purtroppo oggi pochissimo sopravvive. Nel 331 aC, Alessandro Magno, nel processo di conquista dell'Impero Persiano, bruciò Persepolis a terra come vendetta per l'incendio dell'Acropoli di Atene. Persepoli rimase la capitale della Persia come una provincia del grande impero macedone, ma gradualmente declinò nel corso del tempo.

Persepoli


16. Leptis Magna


Leptis Magna o Lepcis Magna era un'importante città dell'Impero Romano, situata nell'attuale Libia. Il suo porto naturale favorì la crescita della città come importante centro commerciale del Mediterraneo e del Sahara, e divenne anche un mercato per la produzione agricola nella fertile regione costiera. L'imperatore romano Settimio Severo (193-211), nato a Leptis, divenne un grande mecenate della città. Sotto la sua direzione è stato avviato un ambizioso programma di costruzione. Nei secoli successivi, tuttavia, Leptis iniziò a declinare a causa delle crescenti difficoltà dell'Impero Romano. Dopo la conquista araba del 642, la città perduta cadde in rovina e fu sepolta dalla sabbia per secoli.

Leptis Magna


15. Urgench


Precedentemente situato sul fiume Amu-Darya in Uzbekistan, Urgench e Urgench era una delle più grandi città della Via della Seta. Il XII e l'inizio del XIII secolo furono l'età d'oro di Ürgenç, quando divenne la capitale dell'impero centro-occidentale di Khwarezm. Nel 1221, Gengis Khan rase al suolo Urgench. Giovani donne e bambini furono dati come schiavi ai soldati mongoli e il resto della popolazione fu massacrato. La città fu rianimata dopo la distruzione di Gengis, ma l'improvviso cambiamento del corso di Amu-Darya a nord costrinse gli abitanti a lasciare il sito per sempre.

Urgench


14. Vijayanagara



Vijaynagar era una volta una delle più grandi città del Mondo con 500.000 abitanti. La città indiana fiorì tra il 14° secolo e il 16° secolo, durante l'apice del potere dell'impero Vijayanagar. Durante questo periodo, l'impero era spesso in conflitto con i regni musulmani. Nel 1565, gli eserciti dell'impero subirono una sconfitta massiccia e catastrofica e Vijayanagara fu catturato. Gli eserciti musulmani vittoriosi procedettero quindi a radere al suolo, spopolare e distruggere la città ei suoi templi indù per un periodo di diversi mesi. Nonostante l'impero continui ad esistere da allora in poi durante un lento declino, il capitale originale non fu rioccupato o ricostruito. Da allora non è stata più occupato.

Vijayanagara


13. Calakmul


Nascosto nelle giungle dello stato messicano di Campeche, Calakmul è una delle più grandi città Maya mai scoperte. Calakmul era una città potente che sfidava la supremazia di Tikal e si impegnava in una strategia per circondarla con una propria rete di alleati. Dalla seconda metà del VI secolo dC fino alla fine del settimo secolo Calakmul prese il sopravvento anche se non riuscì a estinguere completamente il potere di Tikal e Tikal fu in grado di rovesciare il suo grande rivale in una battaglia decisiva che ebbe luogo nel 695 d.C. . Alla fine entrambe le città cedettero al dilagare del collasso Maya.

Calakmul


12. Palmyra


Per secoli Palmyra ("città delle palme") era una città importante e ricca situata lungo le rotte carovaniere che collegavano la Persia con i porti del Mediterraneo della Siria romana. A partire dal 212, il commercio di Palmira diminuì quando i sassanidi occuparono la foce del Tigri e dell'Eufrate. L'imperatore romano Diocleziano costruì un muro e espanse la città per cercare di salvarlo dalla minaccia sassanide. La città fu catturata dagli arabi musulmani nel 634 ma mantenuta intatta. La città decadde sotto il dominio ottomano, riducendo a non più di un villaggio oasi. Nel 17° secolo la sua posizione fu riscoperta dai viaggiatori occidentali.

Palmyra


11. Ctesifonte


Nel 6° secolo Ctesifonte era una delle città più grandi del Mondo e una delle grandi città dell'antica Mesopotamia. Per la sua importanza, Ctesifonte era un importante obiettivo militare per l'Impero Romano e fu catturato da Roma, e successivamente dall'Impero bizantino, cinque volte. La città cadde sotto i musulmani durante la conquista islamica della Persia nel 637. Dopo la fondazione della capitale abbaside a Baghdad nell'VIII secolo, la città andò in rapido declino e presto divenne una città fantasma. Si ritiene che Ctesifonte sia la base per la città di Isbanir nelle Mille e una notte. Situata in Iraq, l'unico reperto visibile che rimane oggi è il grande arco Taq-i Kisra.

Ctesifonte


10. Hvalsey


Hvalsey era una fattoria del Settlement, il più grande dei tre insediamenti vichinghi in Groenlandia. Furono colonizzati nel 985 d.C. da contadini norreni islandesi. Al suo apice il sito conteneva circa 4000 abitanti. Dopo la fine dell'insediamento occidentale nella metà del quattordicesimo secolo, l'insediamento orientale continuò per altri 60-70 anni. Nel 1408 fu registrato un matrimonio nella chiesa di Hvalsey, ma quella fu l'ultima parola che venne dalla Groenlandia.

Hvalsey


9. Ani


Situata lungo una delle principali carovaniere est-ovest, Ani divenne famosa all'inizio del V secolo dC ed era diventata una città fiorente e la capitale dell'Armenia nel 10° secolo. Le numerose chiese costruite durante questo periodo comprendevano alcuni dei migliori esempi di architettura medievale e si guadagnarono il soprannome di "Città delle 1001 Chiese". Alla sua altezza, Ani aveva una popolazione di 100.000 a 200.000 persone. Rimase il capoluogo dell'Armenia fino alle incursioni mongole nel 13° secolo, un devastante terremoto nel 1319, e lo spostamento delle rotte commerciali lo portò ad un declino irreversibile. Alla fine la città fu abbandonata e in gran parte dimenticata per secoli. Le rovine si trovano ora in Turchia.

Ani


8. Palenque


Palenque in Messico è molto più piccola di alcune delle altre città perdute dei Maya, ma contiene alcune delle più belle architetture e sculture che i Maya abbiano mai prodotto. La maggior parte delle strutture di Palenque risalgono all'incirca dal 600 dC all'800 d.C. La città è diminuita durante l'VIII secolo. Una popolazione agricola ha continuato a vivere qui per alcune generazioni, poi la città perduta è stata abbandonata ed è stata lentamente coltivata dalla foresta.

Palenque


7. Tiwanaku


Situato vicino alla sponda sud-orientale del Lago Titicaca in Bolivia, Tiwanaku è uno dei precursori più importanti dell'Impero Inca. Durante il periodo tra il 300 aC e il 300 dC, Tiwanaku è stato considerato un centro morale e cosmologico al quale molte persone hanno fatto pellegrinaggi. La comunità crebbe in proporzioni urbane tra il VII e il IX secolo, diventando un'importante potenza regionale nelle Ande meridionali. Nella sua massima estensione, la città aveva tra 15.000-30.000 abitanti, anche se le recenti immagini satellitari suggeriscono una popolazione molto più ampia. Intorno al 1000 d.C., dopo un drammatico mutamento climatico, Tiwanaku scomparve quando la produzione di cibo, fonte di potere e autorità dell'impero, si esaurì.

Tiwanku


6. Pompei


Il 24 agosto del 79 d.C., il vulcano Vesuvio eruttò, coprendo la vicina città di Pompei con cenere e terra, e successivamente preservando la città nel suo stato da quel fatidico giorno. Tutto, da barattoli e tavoli a dipinti e persone, era congelato nel tempo. Pompei, insieme ad Ercolano, furono abbandonate e alla fine i loro nomi e luoghi furono dimenticati. Sono stati riscoperti come i risultati degli scavi nel 18° secolo. Le città perdute hanno fornito una visione straordinariamente dettagliata sulla vita delle persone che vivono duemila anni fa.

Pompeii


5. Teotihuacan


Nel 2° secolo aC una nuova civiltà sorse nella valle del Messico. Questa civiltà costruì la fiorente metropoli di Teotihuacán e le sue enormi piramidi a gradoni. Un calo della popolazione nel VI secolo dC è stato correlato a lunghe siccità legate ai cambiamenti climatici. Sette secoli dopo la fine dell'impero Teotihuacán le piramidi della città perduta furono onorate e utilizzate dagli Aztechi e diventarono un luogo di pellegrinaggio.

Teotihuacan


4. Petra


Petra, la favolosa "città rosa rossa, antica come il tempo", era l'antica capitale del regno nabateo. Una città vasta e unica, scavata nel fianco del Wadi Musa Canyon nel sud della Giordania secoli fa dai Nabatei, che la trasformarono in un importante snodo per le rotte di seta e spezie che collegavano la Cina, l'India e l'Arabia meridionale con l'Egitto, la Grecia e Roma. Dopo diversi terremoti paralizzati dal vitale sistema di gestione dell'acqua, la città fu quasi completamente abbandonata nel VI secolo. Dopo le crociate, Petra fu dimenticata nel Mondo occidentale fino a quando la città perduta fu riscoperta dal viaggiatore svizzero Johann Ludwig Burckhardt nel 1812.

Petra


3. Tikal


Dal 200 al 900 dC, Tikal era la più grande città maya con una popolazione stimata tra 100.000 e 200.000 abitanti. Quando Tikal raggiunse il picco della popolazione, l'area intorno alla città subì la deforestazione e l'erosione, seguite da un rapido declino dei livelli di popolazione. Tikal ha perso la maggior parte della sua popolazione nel periodo compreso tra l'830 e il 950 e l'autorità centrale sembra essere collassata rapidamente. Dopo il 950, Tikal era quasi deserta, anche se una piccola popolazione potrebbe essere sopravvissuta in capanne tra le rovine. Persino queste persone abbandonarono la città nel 10° o 11° secolo e la foresta pluviale guatemalteca reclamò le rovine per i successivi mille anni.

Tikal


2. Angkor


Angkor è una vasta città del tempio in Cambogia con i magnifici resti di diverse capitali dell'impero Khmer, dal IX al XV secolo d.C. Questi includono il famoso tempio di Angkor Wat, il più grande singolo monumento religioso del Mondo, e il tempio Bayon (ad Angkor Thom) con la sua moltitudine di massicce facce di pietra. Durante la sua lunga storia Angkor ha attraversato molti cambiamenti nella religione convertendo più volte l'induismo al buddismo. La fine del periodo angkoriano è generalmente fissata nel 1431, l'anno in cui Angkor fu saccheggiato dagli invasori di Ayutthaya, sebbene la civiltà fosse già in declino. Quasi tutta Angkor fu abbandonata, ad eccezione di Angkor Wat, che rimase un santuario buddista.

Angkor Wat


1. Machu Picchu


Una delle città perdute più famose al Mondo, Machu Picchu è stata riscoperta nel 1911 dallo storico hawaiano Hiram dopo essere rimasta nascosta per secoli sopra la valle di Urubamba. La "Città perduta degli Incas" è invisibile dal basso e completamente autonoma, circondata da terrazze agricole e irrigata da sorgenti naturali. Sebbene conosciuta localmente in Perù, era in gran parte sconosciuta al Mondo esterno prima di essere riscoperta nel 1911.

Macchu PIcchu

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...