Honeymoon Polinesia Francese

località: tikehau
stato: polinesia francese (pf)

Data inizio viaggio: mercoledì 4 luglio 2012
Data fine viaggio: sabato 7 luglio 2012

Allacciate le cinture si parte…destinazione Tikehau.
Dopo una sosta nell’isola di Rangiroa arriviamo a Tikehau. Qui si nota gia’ dalla semplicita’ dell’aeroporto che l’ambiente e’ molto selvaggio e che di lussuoso c’e’ davvero poco.
Veniamo sempre accolti dalle collane profumatissime di Tiare’ e saliti a bordo di un furgonicino cabrio arriviamo al vicino porticciolo dove ad attenderci c’e’ una barca e lo staff del Ninamu Resort.
Dopo circa 30 minuti di navigazione arriviamo presso motu (isoletta) privata che l’australiano Chris, padrone del resort, aveva acquistato anni orsono per costruire poi negli anni questa spendida struttura.
Signori questa e’ la vera Polinesia!!! Lasciamo subito le infradito…qui si cammina scalzi dalla mattina all sera. Tutte le case sono ricoperte da conchiglie e coralli, il letto, avvolto in una zanzariera e’ situato al piano superiore accessibile grazie ad una scalinata in legno…sopra non esistono finestre e il rumore del mare accompagnera’ le nostre notti. Nel locale d’ingresso si consumano i pasti, tutti insieme agli altri ospiti in un unico tavolo, self service …sembra proprio un Grande Fratello in Polinesia. Si socializza in fretta e in furia…gli altri turisti che cercano o vogliono imparare l’italiano e noi che invece cerchiamo di apprendere e perfezionare meglio l’inglese. Dopo poche ore sembra che siamo amici di questi ragazzi da una vita!
Ogni mattina dopo la colazione Chris chiede ad ogni tuirista cosa ha voglia di fare nella giornata…
Vuoi fare snorkeling? e lui ti porta con la barca in qualche punto dell’arcipelago per farlo…
vuoi andare a pescare? Accontentato, anche perche’ su questo motu, se non si pesca difficilmente si mangia pesce
Il nostro primo giorno lo trascorriamo a fare snorkeling…coralli bellissimi e coloratissimi, pesci davvero tropicali, anche una manta dalle medie dimensioni riusciamo a vedere e fotografare. Nel giorno successivo facciamo tappa dapprima a Coral Garden Bird Island…un isola piena di uccelli, dalle dimensioni e colori variopinte poi, sulla strada del ritorno Selene decide di fermarsi in un isola disabitata, selvaggia e di una bellezza davvero unica! Sabbia finissima bianca misto rosa. Acqua turchese, in alcuni tratti trasparente, gli unici “abitanti” del posto sono dei piccoli granchi che a bordo dei loro gusci camminano e camminano per lunghi tratti tracciando sulla sabbia delle piccole “autostrade”. La sera essendo un motu privato tutto era possibile Chris ha deciso di fare un bel falo’ in spiaggia tutti insieme, fuoco, musica e birra!
Anche qui del resto la giornata comincia molto presto e si conclude intorno alle 21 della sera subito dopo cena. L’ultima sera prima di andarcene, Chris ed il suo staff ci hanno voluto omaggiare facendo per cena la pizza! Dovevate vederle Selene ed Alyssa intende a preparare succulenti pizze per tutto il Ninamu Resort…poi ad infornarle ed a cuocerle a puntino ci pensava Colton. Alyssa e Colton sono due ragazzi californiani che post laurea avevano deciso di venire a lavorare qui in Polinesia per un breve periodo di tempo e Chris li ha accolti nella sua struttura
Il tempo vola e Selene continua a prendere antidolorifici ogni 3-4 ore e antibiotici… ma per lo meno siamo ancora in Polinesia..
Purtroppo le belle storie hanno sempre un finale…si giunge cosi’ ai saluti…Selene come immaginavo (e come dargli torto questa volta…) ha gli occhi gonfi di lacrime. Tikehau ed in paricolar modo il Ninamu Resort occupano ufficialmente una parte dei ricordi piu’ belli ed entusiasmanti dei nostri viaggi in giro per il mondo, un esperienza, dei posti e soprattutto delle persone indimenticabili. Ci accompagnano fino all’aeroporto, da cui voliamo alla volta di Fakarava.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...