L'ultima dimora di Stevenson

località: upolu e sava'i
regione: oceania
stato: samoa (ws)

Data inizio viaggio: sabato 6 settembre 2003
Data fine viaggio: mercoledì 24 settembre 2003

Apia - Fa'afafine - Il cocco volante - Sava'i - Milioni di stelle - Hidden Garden - Ritorno a Paradise Beach -
L'isola del Tesoro - Fagaloa Bay - Gli ultimi fuochi

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

Apia

sabato 6 settembre 2003

Arriviamo a Samoa a notte fonda. L?aereoporto di Apia è già tutto uno spettacolo: sono le due del mattino ma dopo il controllo passaporti ci aspetta comunque un trio di cantori e suonatori in pareo e collane di fiori. Certo, molto turistico a sentirlo raccontare, ma vederlo con i propri occhi è un?altra cosa! Usciamo alla ricerca di un taxi: l?aria è calda, molto diversa rispetto alle Fiji. Dopo un?ora di viaggio (l?aereoporto è decisamente fuori città) peniamo un po? a trovare un letto per ciò che resta della notte. Ci accontentiamo di una specie di motel gestione familiare, molto ma molto basic. E sia! Ci svegliamo in terra samoana il sei settembre: ma non eravamo partiti ieri che era il sei? Comunque oggi replichiamo. Misteri del meridiano. Facciamo una lunga camminata dal motel fino al centro di Apia che si distende lungo il mare: la baia è bellissima, incorniciata da immensi alberi frondosi (scopriremo poi che sono benjamin, quelle piante che da noi crescono di tre centimetri ogni due anni nei vasi). Per le strade passano bus colorati e colmi fino all?inverosimile e considerando che l?altezza media della popolazione è di circa due metri (comprese le donne) lasciamo immaginare il risultato. Alla sera ceniamo all?On the Rocks, un bar un po? losco ma curioso: le pareti sono completamente ricoperte di scritte lasciate tutti i viaggiatori in transito (ci troviamo anche quella di Adriatica, i ?Turisti per caso?). Assaggiamo finalmente la mitica birra Vailima, una delle più buone al mondo (ha vinto più di un premo internazionale). E? veramente molto buona, forse troppo. Inauguro nella notte il cesso del motel, battezzando Samoa con la mia prima sbronza.