Galapagos, un vero paradiso

località: baltra, santa cruz, espanola, floreana, santiago, san cristobal
stato: ecuador (ec)

Data inizio viaggio: giovedì 20 agosto 2009
Data fine viaggio: giovedì 27 agosto 2009

E' impossibile spiegare l'emozione che ho provato durante la mia visita alle isole Galapagos.
E' un luogo di una bellezza straordinaria, un luogo inammaginabile e solo visitandolo si può capire come poteva essere bello tutto il nostro pianeta.
Quando andai in Kenia e vidi il primo animale libero, una giraffa, non potei fare a meno di gridare per la gioia, provai un'emozione fortissima e pensavo che nessun altro viaggio nella natura avrebbe potuto darmi una emozione di pari intensità. E così è stato fino a quando non sono arrivata alle Galapagos.
Sono rimasta attonita, senza fiato, completamente catturata da ciò che vedevo.
Alle Galapagos gli animali non hanno nessuna paura di te, di accettano come parte integrante della natura.
Non potrò mai dimenticare i leoni marini che interagiscono con te quando si è in acqua. Ti cercano, ti girano intorno, ti chiamano al gioco e tu sei presa da questo gioco, ti immergi e riemergi dall'acqua seguendo i loro movimenti e quando sei stanca esci dall'acqua e vai a sdraiarti sulla spiaggi dove decine e decine di leoni marini stanno a godersi il sole.
E in spiaggia puoi fermarti a osservare il volo delle sule o dei pellicani e le loro acrobazie quando si tuffano in picchiata in acqua per catturare i pesci e mentre volgi il tuo sguardo verso il mare puoi accorgerti che in acqua ci sono i pinguini che stanno giocando fra di loro, una sorta di acchiaparella in acqua.
Queste isole mi hanno completamente catturato, non esiste alcun luogo al mondo che possa eguagliarle.
Ed è un luogo che tutti dovrebbero visitare, un luogo che fa capire che è possibile una convivenza diversa.

Il modo migliore per visitare le isole e godere dei paesaggi incantanti è sicuramente facendo una crociera.
Non in quelle navi grandi però, piene di turisti, dove prima di scendere a terra bisogna aspettare il proprio turno. Una nave piccola, che possa ospitare max 14/16 persone.
E allora il viaggio sarà perfetto.


Nel 1959, il governo dell'Ecuador rese il 90% delle isole Galapagos Parco Nazionale. Tutte le zone che non erano ancora state incluse nelle aree urbanizzate furono designate e incorporate nel parco. Nel 1967 fu istituito un servizio di controllo e cinque anni dopo arrivò il primo sovrintendete.
I visitatori devono rispettare le ferree regole delle isole che sono dal 1978 Patrimonio dell'Umanità.
Il "Galapagos National Park Service" lavora in collaborazione con la "Charles Darwin Research Station" per realizzare i loro obbiettivi comuni di conservazione e difesa delle risorse naturali con il Galapagos National Park e il Galapagos Marine Reserve. Il servizio di controllo approva tutti gli itinerari delle imbarcazioni che visitano le isole assicurandosi che il turismo sia distribuito uniformemente in tutte le isole.
Le regole del parco sono state sviluppate nel tentativo di proteggere le risorse dell'area. Per evitare che si incrementi l'utilizzo di barche, il parco mette a disposizione guide autorizzate che accompagnino tutti i visitatori rispettando le regole in modo appropriato.
Nessuna pianta, animale, conchiglia,pezzi di legno o altre cose naturali deve essere rimosso o disturbato.
Prestare attenzione a non portare sull'isola, o da un'isola all'altra,nessun materiale naturale.
Non portare cibo sulle isole disabitate.
Non disturbare gli animali.
Non dare da mangiare agli animali. Potrebbe essere pericoloso per voi, e a lungo andare potrebbe distruggere l'equilibrio naturale.
Non spaventare o allontanare alcun animale dalla sua tana o dal suo nido.
Rimanete all'interno delle zone designate ai visitatori.
Non deturpate le rocce.
Non comprate oggetti fatti con materiale di origine animale o vegetale dell'isola.
Non visitare il parco senza essere accompagnati da una visita autorizzata del National Park.
Limitate le vostre visite alle aree ufficialmente approvate.
Mostrate il vostro atteggiamento conservatore nei confronti dell'ambiente.






Condividi questo articolo se ti è piaciuto...